Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Isaia

14 Il Signore perdonerà Israele ancora una volta e lo sceglierà come suo popolo: riporterà in patria i discendenti di Giacobbe. Anche gli stranieri si uniranno a loro e formeranno un solo popolo.
Rimandi
14,1 il popolo di Dio riportato in patria Ez 37,14. — anche gli stranieri si uniranno a Israele Is 11,10; 56,3-7; Zc 2,15.
Note al Testo
Molti popoli li aiuteranno a tornare nella terra che il Signore ha dato loro. Ma Israele li prenderà, li farà diventare suoi schiavi. Così dominerà i suoi vecchi nemici, e gli antichi padroni saranno suoi prigionieri.
Rimandi
14,2 gli antichi padroni saranno suoi prigionieri Is 60,14.
Note al Testo
Allora il Signore darà riposo a Israele, lo libererà dalle pene, dalle sofferenze e dalle dure fatiche della schiavitù.
Rimandi
14,3 riposo Es 33,14; Gs 1,13.15; 22,4; Ger 30,10.
Note al Testo
Il re di Babilonia sarà deriso da te con questa canzone: «Ecco questa è la fine di quel re crudele, è finita la sua arroganza!
Rimandi
14,4 canzone (satirica) Nm 21,27-30; Mic 2,4; Ab 2,6. — Ecco questa è la fine… 2Sam 1,19.27; Ez 26,17; Lam 1,1.
Note al Testo
14,4 arroganza: altri: aggressione.
5 Il Signore ha tolto il potere al governatore iniquo, a quel tiranno spietato
Rimandi Note al Testo
6 che colpiva i popoli con furore e non dava loro tregua, con ira scatenata assoggettava le nazioni.
Rimandi Note al Testo
Finalmente il mondo gode la pace e tutti cantano di gioia.
Rimandi
14,7 canto di gioia Is 44,23; 55,12; Ap 18,20.
Note al Testo
8 Perfino i cipressi e i cedri del Libano si rallegrano per la caduta del re, dicendo: “Ora che tu sei a terra, nessuno pensa di abbatterci”.
Rimandi Note al Testo
Il mondo dei morti è in agitazione, si prepara ad accogliere il re di Babilonia. Per lui hanno svegliato i fantasmi di quelli che erano potenti sulla terra, hanno fatto alzare dai loro troni le ombre dei re di tutto il mondo.
Rimandi
14,9 il mondo dei morti Is 5,14; Ab 2,5; Prv 1,12; 27,20; 30,16.
Note al Testo
10 Tutti vogliono dirgli: “Anche tu sei diventato debole come noi! Sei uno dei nostri!”.
Rimandi Note al Testo
11 Eri onorato con musiche d’arpa, ma ora sei nel mondo dei morti. Giaci nel marciume e sei coperto di vermi.
Rimandi Note al Testo
Come hai potuto cadere dal cielo tu, splendente figlio dell’aurora? In passato hai conquistato nazioni, ma ora ti hanno steso a terra!
Rimandi
14,12 astro splendente Ap 22,16.
Note al Testo
14,12 splendente figlio dell’aurora: altri: astro del mattino, figlio dell’aurora.
Tu dicevi a te stesso: “Scalerò il cielo, porrò il mio trono sulle stelle più alte. Siederò come re sulla montagna del settentrione dove si radunano gli dèi.
Rimandi
14,13 pretese del re di Babilonia cfr. Ez 28,2-12.
Note al Testo
14,13 dove si radunano gli dèi: si allude qui alla mitologia cananea, documentata dai testi ritrovati nella città di Ugarit (Ras Shamra), in Siria, secondo la quale gli dèi si riunivano su una montagna del settentrione, simile all’Olimpo dei Greci.
Salirò in cielo, oltre le nuvole, diventerò simile all’Altissimo”.
Rimandi
14,14 l’Altissimo Gn 3,5; Ez 28,2.6.9; Dn 11,36; 2Ts 2,4.
Note al Testo
Ora invece sei precipitato nella parte più profonda del mondo dei morti.
Rimandi
14,15 nella parte più profonda del mondo dei morti Ez 32,23.
Note al Testo
16 I morti ti guardano fisso e, per la meraviglia, restano a bocca aperta. Si chiedono: “È questo l’uomo che sconvolgeva la terra e faceva tremare i regni?
Rimandi Note al Testo
17 L’uomo che sconvolgeva città e trasformava il mondo in un deserto? L’uomo che non liberava mai i suoi prigionieri?”.
Rimandi Note al Testo
18 Tutti i re della terra riposano onorati nelle loro tombe,
Rimandi Note al Testo
ma tu giaci fuori del sepolcro, come un rampollo abominevole. Il tuo cadavere è rimasto sotto i corpi dei soldati morti in battaglia. Tutti sono stati gettati in una fossa e ricoperti di pietre, tu invece sei stato abbandonato come una carogna calpestata.
Rimandi
14,19 fuori del sepolcro Ger 8,1; cfr. 36,30-31.
Note al Testo
20 Non avrai sepoltura come gli altri, perché hai portato alla rovina la tua terra e hai assassinato il tuo popolo. Nessuno della tua famiglia malvagia sarà più ricordato.
Rimandi Note al Testo
21 Preparatevi a massacrare i figli di questo re! Essi devono morire per i peccati dei loro padri. Nessuno di loro conquisterà la terra né la coprirà di città».
Rimandi Note al Testo
Dice il Signore dell’universo: «Attaccherò Babilonia e la distruggerò. Non lascerò in vita nessuno: neanche i bambini. Non ci saranno superstiti.
Rimandi
14,22 Attaccherò Babilonia Nm 10,35; Sal 12,6; 102,14.
Note al Testo
23 Raderò al suolo Babilonia, la trasformerò in un posto per ricci, in una palude stagnante: la spazzerò via».
Rimandi Note al Testo
Il Signore dell’universo l’ha giurato: «Quel che ho progettato accadrà. Farò quel che ormai ho deciso.
Rimandi
14,24 il progetto del Signore si realizza Is 7,7; 8,10; 40,8; Prv 19,21.
Note al Testo
Distruggerò gli Assiri nella mia terra d’Israele, e li calpesterò sulle mie montagne. Libererò il mio popolo dal potere degli Assiri e dalla loro oppressione».
Rimandi
14,25 Distruggerò gli Assiri Is 10,5-11.
Note al Testo
26 Questa decisione vale per tutto il mondo, il suo braccio è steso per punire le nazioni.
Rimandi Note al Testo
Il Signore dell’universo non recede: ha steso il suo braccio per punire e nessuno potrà fermarlo.
Rimandi
14,27 decisione del Signore, braccio teso Is 5,25; 8,10; 10,23; 28,22. — nessuno potrà fermarlo Dn 4,32.
Note al Testo
Questo messaggio del Signore fu proclamato nell’anno in cui morì il re Acaz:
Rimandi Note al Testo
14,28 nell'anno in cui morì il re Acaz: nel 716 a.C. (vedi anche 2 Re 16,20; 2 Cronache 28,27).
«Popolo dei Filistei, il bastone che ti percuoteva è stato spezzato, ma non hai ancora motivo di rallegrarti. Se muore un serpente al suo posto viene una vipera, e da questa nascerà un drago.
Rimandi
14,29 il bastone che ti percuoteva Is 10,5.20. — di male in peggio Am 5,19.
Note al Testo
14,29 il bastone che ti percuoteva: si tratta dell’Assiria (vedi 10,5). Il testo usa qui espressioni proverbiali per dire che tutto va di male in peggio.
30 Il Signore sarà un pastore per i poveri di questo popolo, li farà vivere nella sicurezza. Ma voi, Filistei, morirete di fame e nessuno potrà sopravvivere.
Rimandi Note al Testo
Urlate e invocate aiuto, voi tutte, città dei Filistei! Tremate! Perché una nuvola di polvere viene dal nord, è un esercito compatto e ordinato».
Rimandi
14,31 dal nord Ger 1,14+.
Note al Testo
32 Che cosa risponderemo ai messaggeri dei Filistei? Diremo: «Il Signore ha fondato Sion e là il suo popolo oppresso troverà sicurezza».
Rimandi Note al Testo

Rimandi

14,1il popolo di Dio riportato in patria Ez 37,14. — anche gli stranieri si uniranno a Israele Is 11,10; 56,3-7; Zc 2,15.
14,2gli antichi padroni saranno suoi prigionieri Is 60,14.
14,4canzone (satirica) Nm 21,27-30; Mic 2,4; Ab 2,6. — Ecco questa è la fine… 2Sam 1,19.27; Ez 26,17; Lam 1,1.
14,7canto di gioia Is 44,23; 55,12; Ap 18,20.
14,9il mondo dei morti Is 5,14; Ab 2,5; Prv 1,12; 27,20; 30,16.
14,12astro splendente Ap 22,16.
14,13pretese del re di Babilonia cfr. Ez 28,2-12.
14,14l’Altissimo Gn 3,5; Ez 28,2.6.9; Dn 11,36; 2Ts 2,4.
14,15nella parte più profonda del mondo dei morti Ez 32,23.
14,19fuori del sepolcro Ger 8,1; cfr. 36,30-31.
14,22Attaccherò Babilonia Nm 10,35; Sal 12,6; 102,14.
14,24il progetto del Signore si realizza Is 7,7; 8,10; 40,8; Prv 19,21.
14,25Distruggerò gli Assiri Is 10,5-11.
14,27decisione del Signore, braccio teso Is 5,25; 8,10; 10,23; 28,22. — nessuno potrà fermarlo Dn 4,32.
14,29il bastone che ti percuoteva Is 10,5.20. — di male in peggio Am 5,19.
14,31dal nord Ger 1,14+.

Note al Testo

14,4arroganza: altri: aggressione.
14,12splendente figlio dell’aurora: altri: astro del mattino, figlio dell’aurora.
14,13dove si radunano gli dèi: si allude qui alla mitologia cananea, documentata dai testi ritrovati nella città di Ugarit (Ras Shamra), in Siria, secondo la quale gli dèi si riunivano su una montagna del settentrione, simile all’Olimpo dei Greci.
14,28nell'anno in cui morì il re Acaz: nel 716 a.C. (vedi anche 2 Re 16,20; 2 Cronache 28,27).
14,29il bastone che ti percuoteva: si tratta dell’Assiria (vedi 10,5). Il testo usa qui espressioni proverbiali per dire che tutto va di male in peggio.