Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
BibbiaEDU-logo

Neemia 4

Neemia organizza la difesa

A un certo punto Sanballàt, Tobia, gli Arabi, gli Ammoniti e gli abitanti della zona di Asdod si resero conto che la ricostruzione delle mura di Gerusalemme andava avanti bene e che le brecce venivano riparate. Allora si irritarono molto
Rimandi
4,1 Sanballàt 2,10+.
2e si misero d’accordo per venire ad assalire Gerusalemme e crearvi confusione.
3Noi pregammo il Signore di aiutarci e stabilimmo turni di guardia di giorno e di notte per difenderci da quella gente.
4Durante il lavoro gli Israeliti cantavano:
«Le macerie sono tante,
ma le braccia sono stanche;
quando mai si arriverà
a rifare la città?».
5I nostri nemici, intanto, ci credevano all’oscuro del loro progetto e pensavano: «Piomberemo loro addosso all’improvviso, li massacreremo e metteremo fine ai lavori».
Almeno una decina di volte, i nostri connazionali che abitavano vicino ai nemici vennero a dirci: «Rifugiatevi presso di noi».
Note al Testo
4,6 Rifugiatevi presso di noi: altri: Salgono contro di noi da tutti i luoghi dove abitano.
Allora incaricai i vari gruppi familiari di organizzarsi per la difesa con spade, lance e archi e di mettersi sotto le mura, dietro qualche riparo, là dove c’erano spazi indifesi.
Note al Testo
4,7 mettersi… indifesi: il testo ebraico di questa frase è per noi oscuro, la traduzione è solo probabile.
8Considerai la situazione, poi mi rivolsi alle autorità, ai capi e al popolo: «Non spaventatevi — dissi — per questi nemici. Non dimenticate che nessuno può resistere alla grandezza del Signore. Combattete per le vostre case, i vostri fratelli, le vostre mogli, i vostri figli e le vostre figlie!».
9I nostri nemici si resero conto che noi avevamo scoperto i loro piani. Così Dio mandò all’aria i loro progetti e noi potemmo tornare tutti ai nostri lavori sulle mura.
10Ma, da quel momento, solo metà delle persone lavorava per la ricostruzione; l’altra metà faceva la guardia, protetta da corazze e armata di lance, di scudi e di archi. I capi sorvegliavano tutto il popolo.
11Anche quelli che lavoravano sulle mura o trasportavano il materiale tenevano gli attrezzi per il lavoro in una mano, e un’arma nell’altra.
12Mentre lavoravano, i muratori portavano una spada alla cintura e accanto a me c’era il trombettiere, pronto a dare l’allarme.
13Alle autorità, ai capi e al popolo, io avevo dato queste istruzioni: «Il lavoro è molto e la città è vasta, perciò siamo costretti a lavorare dispersi sulle mura, lontano gli uni dagli altri.
14Dovunque vi troviate, se sentirete suonare la tromba, radunatevi tutti intorno a me. Se ci sarà da combattere, il Signore ci aiuterà».
15Così continuammo a lavorare, dalle prime luci dell’alba fino a notte, e metà degli uomini si teneva pronta con la spada in mano.
16Per la notte avevo dato questi ordini: ogni gruppo, con il suo capo, doveva fermarsi a Gerusalemme in modo che tutti fossero organizzati sia per il lavoro durante il giorno sia per la guardia durante la notte.
Io stesso, i miei parenti, i miei servi e gli uomini della mia scorta abbiamo sempre passato la notte vestiti e con le armi a portata di mano.
Note al Testo
4,17 con le armi a portata di mano: il testo ebraico dice: ciascuno con la sua arma, l’acqua; alcuni interpretano quest’ultima parola nel senso di “tranne per lavarci”, ma di solito viene tralasciata nelle traduzioni.

Rimandi

4,1 Sanballàt 2,10+.

Note al Testo

4,6 Rifugiatevi presso di noi: altri: Salgono contro di noi da tutti i luoghi dove abitano.
4,7 mettersi… indifesi: il testo ebraico di questa frase è per noi oscuro, la traduzione è solo probabile.
4,17 con le armi a portata di mano: il testo ebraico dice: ciascuno con la sua arma, l’acqua; alcuni interpretano quest’ultima parola nel senso di “tranne per lavarci”, ma di solito viene tralasciata nelle traduzioni.