Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
BibbiaEDU-logo

Vangelo di Marco 11

Gesù entra in Gerusalemme: entusiasmo della folla

Gesù e i suoi discepoli stavano avvicinandosi a Gerusalemme. Arrivati al monte degli Ulivi, nei pressi dei villaggi di Bètfage e Betània, Gesù mandò avanti due discepoli. Disse loro:
Rimandi
11,1 Betània Mt 21,17+. — il monte degli Ulivi Zc 14,4; Mc 13,3 par.; 14,26 par.; Lc 21,37; Gv 8,1; At 1,12.
Note al Testo
11,1 Il monte degli Ulivi si trova a est di Gerusalemme; sul suo pendio orientale si trovano i villaggi di Bètfage e Betània.
«Andate nel villaggio che è qui di fronte a voi. Appena entrati, troverete legato un piccolo asino sul quale nessuno è mai salito; slegatelo e portatelo qui.
Rimandi
11,2 un piccolo asino Zc 9,9.
Note al Testo
11,2 piccolo asino: allusione a Zaccaria 9,9.
E se qualcuno vi chiede: “Che cosa state facendo?”, voi risponderete così: È il Signore che ne ha bisogno, ma ve lo rimanderà subito».
Note al Testo
11,3 ma… subito: altri: ed egli (colui che chiede) lo manda (nel senso di manderà) qui subito.
4I due discepoli andarono e trovarono un asinello legato vicino a una porta, fuori, sulla strada, e lo slegarono.
5Alcune persone che si trovavano lì vicino domandarono: «Che fate? Perché lo slegate?».
6Essi risposero come aveva detto Gesù, e quelli li lasciarono andare.
7Portarono dunque l’asinello a Gesù, gli posero addosso i loro mantelli, e Gesù vi montò sopra.
Mentre camminavano, molta gente stendeva i mantelli sulla strada, altri invece stendevano rami verdi, tagliati nei campi.
Note al Testo
11,8 sulla strada: per formare come un tappeto in onore di Gesù (vedi 2 Re 9,13).
Quelli che camminavano davanti a Gesù e quelli che venivano dietro gridavano:
«Osanna! Gloria a Dio!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore!
Rimandi Note al Testo
11,9 Osanna… Signore: La parola ebraica Osanna era in origine un’invocazione di salvezza e di aiuto: Salvaci (aiutaci), te ne preghiamo (vedi Salmo 118,25-26). Ai tempi di Gesù è già divenuta un semplice grido di acclamazione, simile al nostro «evviva!».
Benedetto il regno che viene,
il regno di Davide nostro padre!
Gloria a Dio nell’alto dei cieli!».
Rimandi
11,10 Davide Lc 1,32-33; At 2,29; cfr. Mt 1,5+.
11Gesù entrò in Gerusalemme e andò nel *Tempio. Si guardò attorno osservando ogni cosa e poi, siccome ormai era sera, tornò a Betània insieme con i dodici discepoli.
Gesù e l’albero senza frutti

Il giorno dopo, quando partirono da Betània, Gesù ebbe fame.
Note al Testo
11,12-14 Questo episodio ha valore simbolico: l’albero di fichi può raffigurare il Tempio, e la sua “stagione” privilegiata sarebbe quella in cui è visitato dal Messia, ma quel giorno non ha frutti da offrirgli.
Vedendo da lontano una pianta di fichi che aveva molte foglie andò a vedere se vi poteva trovare dei frutti. Ma quando fu vicino alla pianta non trovò niente, soltanto foglie; infatti non era quella la stagione dei fichi.
Rimandi
11,13 pianta di fichi Lc 13,6. — senza frutti Ger 8,13; Os 9,16-17; Gl 1,7; Mic 7,1.
Allora Gesù, rivolto alla pianta, disse: «Nessuno possa mai più mangiare i tuoi frutti!». E i discepoli udirono quelle parole.
Rimandi
11,14 maledizione della pianta Mc 11,20.
Gesù scaccia i mercanti dal Tempio

Intanto erano arrivati a Gerusalemme. Gesù entrò nel cortile del *Tempio e cominciò a cacciar via tutti quelli che stavano là a vendere e a comprare. Buttò all’aria i tavoli di quelli che cambiavano i soldi e rovesciò le sedie dei venditori di colombe.
Note al Testo
11,15 cortile del Tempio: è il cortile più esterno dove potevano entrare anche i non Ebrei; qui i cambiamonete attendevano gli Ebrei provenienti da Paesi stranieri.
16Non permetteva a nessuno di trasportare carichi di robe attraverso il Tempio.
Poi si mise a insegnare dicendo alla gente: «Non sta forse scritto nella Bibbia:
La mia casa sarà casa di preghiera
per tutti i popoli?
Voi, invece, ne avete fatto
un covo di briganti».
Rimandi
11,17 casa di preghiera Is 56,7. — covo di briganti Ger 7,11.
Quando i capi dei *sacerdoti e i *maestri della Legge vennero a conoscenza di questi fatti cercavano un modo per far morire Gesù. Però avevano paura di lui perché tutta la gente era molto impressionata del suo insegnamento.
Rimandi
11,18 progetti contro Gesù Mt 12,14+; Mc; 14,1; Lc 20,19; 22,2. — paura della reazione della gente Mt 14,5+.
19Quando fu sera, Gesù e i suoi uscirono dalla città.
Ancora l’albero senza frutti
Fede, preghiera e perdono

Il mattino dopo, passando ancora vicino a quella pianta di fichi, videro che era diventata secca fino alle radici.
Rimandi
11,20 la pianta di fichi maledetta Mc 11,14.
21Pietro si ricordò del giorno prima e disse a Gesù:
*Maestro, guarda! Quell’albero che tu hai maledetto, è tutto secco!
22Allora Gesù rispose:
— Abbiate fede in Dio!
Io vi assicuro che uno potrebbe anche dire a questa montagna: Sollevati e buttati nel mare! Se nel suo cuore egli non ha dubbi, ma crede che accadrà quel che dice, state certi che gli accadrà veramente.
Rimandi
11,23 la fede che sposta le montagne Mt 17,20+; cfr. Mc 9,23.
Perciò vi dico: tutto quello che domanderete nella preghiera, abbiate fiducia di ottenerlo e vi sarà dato.
Rimandi
11,24 preghiera e fede Mt 18,19.
E quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate: perché anche Dio vostro Padre che è in cielo perdoni a voi i vostri peccati. [
Rimandi
11,25 Padre che è in cielo Mt 6,9+. — perdono di Dio, perdono vicendevole Mt 6,14; Ef 4,32; Col 3,13. — qualcosa contro qualcuno Mt 5,23; Ap 2,4.14.20.
]
Discussione sull’autorità di Gesù
(vedi Matteo 21,23-27; Luca 20,1-8)

Note al Testo
11,26 Alcuni antichi manoscritti aggiungono come v. 26: Ma se voi non perdonate, nemmeno il Padre vostro celeste perdonerà a voi le vostre colpe. Parole simili si leggono in Matteo 6,15.
Andarono ancora a Gerusalemme. Gesù camminava su e giù nel cortile del *Tempio. I capi dei *sacerdoti, i *maestri della Legge e le altre autorità si avvicinarono a lui e
Rimandi
11,27 i capi dei sacerdoti, i maestri della Legge e le altre autorità Mt 16,21; 27,41; Mc 8,31; 14,43.53; 15,1; Lc 9,22; 20,1; 22,66.
28gli domandarono:
— Che diritto hai di fare quel che fai? Chi ti ha dato l’autorità di agire così?
29Gesù disse loro:
— Voglio farvi soltanto una domanda. Se mi rispondete, io vi dirò con quale autorità faccio queste cose.
30Dunque: Giovanni, chi lo ha mandato a battezzare, Dio o gli uomini? Rispondete!
Essi cominciarono a discutere tra loro: «Se diciamo che Giovanni è stato mandato da Dio ci chiederà: Perché allora non avete creduto in lui?
Rimandi
11,31 è stato mandato da Dio Lc 11,16+. — fiducia negata a Giovanni il Battezzatore Mt 21,32; Lc 7,30.
Ma come possiamo dire che è stato mandato dagli uomini?». Il fatto è che essi avevano paura della folla perché tutti consideravano Giovanni un *profeta.
Rimandi
11,32 paura della folla Mt 14,5+; Mc 14,2.
33Perciò risposero:
— Non lo sappiamo.
E Gesù disse loro:
— Ebbene, allora neppure io vi dirò con quale autorità faccio queste cose.

Rimandi

11,1 Betània Mt 21,17+. — il monte degli Ulivi Zc 14,4; Mc 13,3 par.; 14,26 par.; Lc 21,37; Gv 8,1; At 1,12.
11,2 un piccolo asino Zc 9,9.
11,10 Davide Lc 1,32-33; At 2,29; cfr. Mt 1,5+.
11,13 pianta di fichi Lc 13,6. — senza frutti Ger 8,13; Os 9,16-17; Gl 1,7; Mic 7,1.
11,14 maledizione della pianta Mc 11,20.
11,17 casa di preghiera Is 56,7. — covo di briganti Ger 7,11.
11,18 progetti contro Gesù Mt 12,14+; Mc; 14,1; Lc 20,19; 22,2. — paura della reazione della gente Mt 14,5+.
11,20 la pianta di fichi maledetta Mc 11,14.
11,23 la fede che sposta le montagne Mt 17,20+; cfr. Mc 9,23.
11,24 preghiera e fede Mt 18,19.
11,25 Padre che è in cielo Mt 6,9+. — perdono di Dio, perdono vicendevole Mt 6,14; Ef 4,32; Col 3,13. — qualcosa contro qualcuno Mt 5,23; Ap 2,4.14.20.
11,27 i capi dei sacerdoti, i maestri della Legge e le altre autorità Mt 16,21; 27,41; Mc 8,31; 14,43.53; 15,1; Lc 9,22; 20,1; 22,66.
11,31 è stato mandato da Dio Lc 11,16+. — fiducia negata a Giovanni il Battezzatore Mt 21,32; Lc 7,30.
11,32 paura della folla Mt 14,5+; Mc 14,2.

Note al Testo

11,1 Il monte degli Ulivi si trova a est di Gerusalemme; sul suo pendio orientale si trovano i villaggi di Bètfage e Betània.
11,2 piccolo asino: allusione a Zaccaria 9,9.
11,3 ma… subito: altri: ed egli (colui che chiede) lo manda (nel senso di manderà) qui subito.
11,8 sulla strada: per formare come un tappeto in onore di Gesù (vedi 2 Re 9,13).
11,9 Osanna… Signore: La parola ebraica Osanna era in origine un’invocazione di salvezza e di aiuto: Salvaci (aiutaci), te ne preghiamo (vedi Salmo 118,25-26). Ai tempi di Gesù è già divenuta un semplice grido di acclamazione, simile al nostro «evviva!».
11,12-14 Questo episodio ha valore simbolico: l’albero di fichi può raffigurare il Tempio, e la sua “stagione” privilegiata sarebbe quella in cui è visitato dal Messia, ma quel giorno non ha frutti da offrirgli.
11,15 cortile del Tempio: è il cortile più esterno dove potevano entrare anche i non Ebrei; qui i cambiamonete attendevano gli Ebrei provenienti da Paesi stranieri.
11,26 Alcuni antichi manoscritti aggiungono come v. 26: Ma se voi non perdonate, nemmeno il Padre vostro celeste perdonerà a voi le vostre colpe. Parole simili si leggono in Matteo 6,15.