Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5

Prima lettera di Giovanni 5

La fede e l’amore

Chiunque crede che Gesù è il *Cristo è diventato il figlio di Dio. Chi ama un padre ama anche i suoi figli.
Rimandi
5,1 figlio di Dio 1 Pt 1,22-23; 1 Gv 2,29+.
Note al Testo
5,1 è diventato il figlio di: altri: è stato generato da; è nato da.
Di conseguenza, se amiamo Dio e osserviamo i suoi comandamenti, siamo certi di amare anche i figli di Dio.
Rimandi
5,2 amare i figli di Dio 1 Gv 3,23+.
Amare Dio vuol dire osservare i suoi comandamenti. E i suoi comandamenti non sono pesanti,
Rimandi
5,3 amore e osservanza dei comandamenti Gv 14,15.23.24; 15,10; 2 Gv 6. — non sono pesanti Dt 30,11; Mt 11,29-30.
perché chi è diventato figlio di Dio vince il mondo. È la nostra fede che ci dà la vittoria sul mondo.
Rimandi
5,4 vince 1 Gv 4,4+.
Solo chi crede che Gesù è il Figlio di Dio può vincere il mondo.
Rimandi
5,5 la fede vittoriosa 1 Cor 15,27; Ef 6,16.
Il Figlio di Dio è quel Gesù che è stato battezzato in acqua, e ha versato il suo sangue sulla croce. Non è passato soltanto attraverso l’acqua, ma anche attraverso il sangue. È lo Spirito che dà testimonianza di questo, quello Spirito che è verità.
Rimandi
5,6 l’acqua e il sangue Gv 19,34. — lo Spirito dà testimonianza Gv 15,26. — lo Spirito è la verità Gv 14,17; 15,26; 16,13.
Anzi, sono tre a rendere la testimonianza:
Rimandi
5,7 tre rendono testimonianza Nm 35,30; Dt 19,15.
8lo Spirito, l’acqua e il sangue, e tutti e tre sono concordi.
Se siamo disposti ad accettare come testimoni gli uomini, Dio è un testimone migliore: egli ha reso testimonianza al Figlio suo.
Rimandi
5,9 testimonianza di Dio Gv 3,33; 5,32.34.36-37; 8,18; Rm 8,16; Gal 4,6.
Chi crede nel Figlio di Dio ha questa testimonianza in se stesso. Chi non crede a Dio lo fa passare per bugiardo, perché non crede alla testimonianza che Dio ha dato al Figlio suo.
Rimandi
5,10 credere a Dio Gv 5,24. — non crede alla testimonianza che Dio ha dato Gv 5,37.40.
La testimonianza è questa: che Dio ci ha dato la vita eterna, ce l’ha data mediante il Figlio suo, Gesù.
Rimandi
5,11 vita eterna Gv 17,3; 1 Gv 5,20.
Chi è unito al Figlio ha la vita; chi non è unito al Figlio di Dio non ha neppure la vita.
Rimandi
5,12 il Figlio e la vita Gv 3,36.
Voi credete nel Figlio di Dio: perciò vi ho scritto queste cose, perché sappiate che avete la vita eterna.
Rimandi
5,13 perché sappiate (crediate) Gv 20,31.
La preghiera

Noi ci rivolgiamo a Dio con fiducia, perché egli ci ascolta, se gli chiediamo qualcosa secondo la sua volontà.
Rimandi
5,14 ci ascolta 1 Gv 3,22+.
15Sapendo dunque che Dio ascolta le nostre preghiere, noi abbiamo la certezza di possedere già quello che gli abbiamo chiesto.
Se uno vede un fratello commettere un peccato che non porta alla morte, preghi per lui, e Dio darà la vita a quel fratello. Naturalmente, se si tratta di peccati che non portano alla morte. Esiste anche un tipo di peccato che porta alla morte. Non è per questi peccati che dico di pregare.
Rimandi
5,16 peccato che non porta alla morte Dt 22,26. — peccato che porta alla morte Nm 15,30; 18,22; Mt 12,31-32 par.; Eb 6,4-6; 10,26-27; 2 Pt 2,20-21.
17Tutto quel che facciamo contro la volontà di Dio è peccato, ma non ogni peccato porta alla morte.
Conclusione

Noi sappiamo che chiunque è diventato figlio di Dio non vive nel peccato, perché il Figlio di Dio lo custodisce, e il *diavolo non può fargli alcun male.
Rimandi
5,18 non vive nel peccato 1 Gv 3,9. — Dio lo custodisce Gv 17,15; Gd 1. — il diavolo non può fargli alcun male Rm 6,7.
Note al Testo
5,18 il Figlio di Dio (cioè Gesù: 3,8) lo custodisce: oppure: chi è nato da Dio custodisce se stesso.
Noi sappiamo di appartenere a Dio, e sappiamo che tutto il mondo intorno a noi si trova sotto il potere del diavolo.
Rimandi
5,19 appartenere a Dio Gv 8,47. — il potere del diavolo Col 1,13.
Noi sappiamo che il Figlio di Dio è venuto e ci ha insegnato a conoscere il vero Dio. Noi siamo uniti a lui e a Gesù Cristo, suo Figlio. È lui il vero Dio, è lui la vita eterna.
Rimandi
5,20 ci ha insegnato a conoscere Ger 31,33; Ez 11,19; 36,26; Ef 1,17-18; Col 1,10; 1 Gv 2,3. — il vero Dio Ap 3,7. — È lui il vero Dio Gv 20,28; Rm 9,5. — e la vita eterna Gv 11,25; 17,3.
Note al Testo
5,20 È lui il vero Dio: l’espressione è qui applicata successivamente a Dio stesso e a suo Figlio.
Figli miei, state attenti a non farvi degli idoli.
Rimandi
5,21 state attenti 2 Pt 3,17. — idoli Ez 11,21; 36,25; 1 Cor 10,14.

Rimandi

5,1 figlio di Dio 1 Pt 1,22-23; 1 Gv 2,29+.
5,2 amare i figli di Dio 1 Gv 3,23+.
5,3 amore e osservanza dei comandamenti Gv 14,15.23.24; 15,10; 2 Gv 6. — non sono pesanti Dt 30,11; Mt 11,29-30.
5,4 vince 1 Gv 4,4+.
5,5 la fede vittoriosa 1 Cor 15,27; Ef 6,16.
5,6 l’acqua e il sangue Gv 19,34. — lo Spirito dà testimonianza Gv 15,26. — lo Spirito è la verità Gv 14,17; 15,26; 16,13.
5,7 tre rendono testimonianza Nm 35,30; Dt 19,15.
5,9 testimonianza di Dio Gv 3,33; 5,32.34.36-37; 8,18; Rm 8,16; Gal 4,6.
5,10 credere a Dio Gv 5,24. — non crede alla testimonianza che Dio ha dato Gv 5,37.40.
5,11 vita eterna Gv 17,3; 1 Gv 5,20.
5,12 il Figlio e la vita Gv 3,36.
5,13 perché sappiate (crediate) Gv 20,31.
5,14 ci ascolta 1 Gv 3,22+.
5,16 peccato che non porta alla morte Dt 22,26. — peccato che porta alla morte Nm 15,30; 18,22; Mt 12,31-32 par.; Eb 6,4-6; 10,26-27; 2 Pt 2,20-21.
5,18 non vive nel peccato 1 Gv 3,9. — Dio lo custodisce Gv 17,15; Gd 1. — il diavolo non può fargli alcun male Rm 6,7.
5,19 appartenere a Dio Gv 8,47. — il potere del diavolo Col 1,13.
5,20 ci ha insegnato a conoscere Ger 31,33; Ez 11,19; 36,26; Ef 1,17-18; Col 1,10; 1 Gv 2,3. — il vero Dio Ap 3,7. — È lui il vero Dio Gv 20,28; Rm 9,5. — e la vita eterna Gv 11,25; 17,3.
5,21 state attenti 2 Pt 3,17. — idoli Ez 11,21; 36,25; 1 Cor 10,14.

Note al Testo

5,1 è diventato il figlio di: altri: è stato generato da; è nato da.
5,18 il Figlio di Dio (cioè Gesù: 3,8) lo custodisce: oppure: chi è nato da Dio custodisce se stesso.
5,20 È lui il vero Dio: l’espressione è qui applicata successivamente a Dio stesso e a suo Figlio.