Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

BibbiaEDU-logo

Secondo libro delle Cronache 4

Gli arredi del tempio

1Salomone fece costruire un altare di bronzo di dieci metri per lato e alto cinque.
Curam fabbricò una grande vasca di bronzo profonda due metri e mezzo con il diametro di cinque e la circonferenza di quindici metri circa. Era chiamata il ‘Mare’.
Rimandi
4,2 Mare 1 Re 7,23.
Sotto il bordo esterno della vasca c’erano decorazioni a forma di buoi, fuse insieme alla vasca. Ce n’erano venti per metro, su due file.
Note al Testo
4,3 buoi: in 1 Re 7,24 si parla di frutti invece che di buoi.
4La vasca poggiava su dodici tori di bronzo, disposti con la testa verso l’esterno e con la schiena verso il centro della vasca. Tre erano orientati verso nord, tre verso sud, tre verso est e tre verso ovest.
5La vasca aveva lo spessore di un palmo e l’orlo come quello di una coppa a forma di giglio. Conteneva più di centoventimila litri d’acqua.
6In più Salomone fece costruire dieci vasche, cinque a destra e cinque a sinistra, per lavare tutto quello che si adoperava per i sacrifici. I sacerdoti, invece, si lavavano nella grande vasca.
Fece fabbricare dieci candelabri d’oro nella forma prescritta e li pose nel tempio, cinque a destra e cinque a sinistra.
Rimandi
4,7 candelabri Es 25,31-40.
Fece fabbricare dieci tavoli e li collocò nel tempio, cinque a destra e cinque a sinistra. Fece preparare anche cento recipienti d’oro.
Rimandi
4,8 tavoli Es 25,23-30.
9Poi fece costruire il cortile dei sacerdoti e un cortile esterno più grande: le sue porte erano rivestite di bronzo.
10La grande vasca fu collocata sul lato destro del tempio, verso sud-est.
11Curam fabbricò anche i vasi per la cenere, le palette e le bacinelle per l’aspersione.
Lista dei lavori di Curam per il tempio
(vedi 1 Re 7,40-51)

Questo è l’elenco degli oggetti destinati al tempio che Curam fabbricò per incarico del re Salomone:
12due colonne,
due capitelli rotondi sopra le colonne,
due ornamenti intrecciati attorno ai capitelli rotondi sopra le colonne,
13quattrocento melagrane disposte in due file su ciascuno degli ornamenti intrecciati, posti attorno ai capitelli rotondi delle due colonne,
14le vasche con i carrelli per trasportarle;
15la grande vasca chiamata il ‘Mare’ con i dodici tori sui quali poggiava;
16i vasi per la cenere, le palette e i forchettoni.
Tutti questi oggetti per il tempio, fatti da Curam-Abì per incarico del re Salomone, erano in bronzo lucidato.
Il re aveva fatto preparare una fonderia nella valle del Giordano, in un terreno argilloso, tra le località di Succot e Seredà.
Note al Testo
4,17 Seredà: secondo 1 Re 11,26 (vedi nota) si trova in un’altra regione. Qui Seredà può indicare il nome di una località che non conosciamo, oppure può essere un altro nome per Sartan (vedi 1 Re 7,46 e nota).
18Gli oggetti fatti fondere da Salomone erano così numerosi che non fu possibile calcolare il peso del bronzo adoperato.
Gli oggetti d’oro che Salomone fece costruire per il tempio furono:
l’altare;
le tavole su cui si metteva il pane offerto al Signore;
Rimandi
4,19 la tavola dei pani Es 25,23-30; 37,10-16; Lv 24,5-9.
Note al Testo
4,19 altare: si tratta dell’altare per l’offerta dell’incenso (vedi Esodo 30,1-10; 37,25-28); doveva essere rivestito d’oro.
20i candelabri d’oro fino, con le loro lampade, che dovevano essere accese, secondo le prescrizioni, davanti al santuario;
21i fiori, le lampade e gli spegnitoi, in oro purissimo;
22gli smoccolatoi, i recipienti per l’aspersione, i mestoli e i bracieri, di oro fino;
le porte sia della sala principale sia del luogo santissimo.

Rimandi

4,2 Mare 1 Re 7,23.
4,7 candelabri Es 25,31-40.
4,8 tavoli Es 25,23-30.
4,19 la tavola dei pani Es 25,23-30; 37,10-16; Lv 24,5-9.

Note al Testo

4,3 buoi: in 1 Re 7,24 si parla di frutti invece che di buoi.
4,17 Seredà: secondo 1 Re 11,26 (vedi nota) si trova in un’altra regione. Qui Seredà può indicare il nome di una località che non conosciamo, oppure può essere un altro nome per Sartan (vedi 1 Re 7,46 e nota).
4,19 altare: si tratta dell’altare per l’offerta dell’incenso (vedi Esodo 30,1-10; 37,25-28); doveva essere rivestito d’oro.