Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

BibbiaEDU-logo

Primo libro di Samuele 21

Davide e il sacerdote Achimèlec

1Dopo che Giònata fu tornato in città,
Davide andò a Nob dal sacerdote Achimèlec. Quest’ultimo fu molto sorpreso di vederlo e gli chiese:
— Come mai sei qui da solo, senza un compagno?
Note al Testo
21,2 Nob: località vicina a Gerusalemme, ma non sappiamo esattamente dove si trovasse.
3— Devo eseguire un ordine del re, — rispose Davide; — nessuno deve sapere che incarico mi ha dato, così egli ha stabilito. Ai miei uomini ho detto di aspettarmi in un certo posto.
4Piuttosto, tu hai qualcosa da mangiare? Dammi cinque pani o quel che hai.
5— Non ho pane ordinario, — rispose il sacerdote Achimèlec; — ma solo pani sacri. Posso darteli per i tuoi uomini, se essi non hanno avuto di recente rapporti con donne.
Davide gli rispose:
— Con donne non ci fu permesso andare dall’altro ieri, quando sono partito. I miei uomini sono in armi e seguono le regole di purità. Anche se il mio incarico è di altro genere, rispettiamo la purità dei soldati in armi.
Note al Testo
21,6 Il testo ebraico è per noi oscuro. Per di più la risposta di Davide è volutamente poco chiara perché egli non vuole dire che sta scappando da Saul.
Allora il sacerdote diede a Davide i pani sacri perché non ne aveva altri. Erano i pani offerti al Signore che erano stati ritirati dalla tavola per essere sostituiti con altri freschi.
Rimandi
21,7 i pani sacri Es 25,30; Mt 12,3-4 par.
Note al Testo
21,7 pani offerti al Signore: li potevano mangiare soltanto i sacerdoti (vedi Levitico 24,5-9; Matteo 12,3-4).
Nel santuario c’era quel giorno un uomo al servizio di Saul, che compiva un suo dovere religioso. Si chiamava Doeg e veniva da Edom, era il più bravo dei pastori di Saul.
Rimandi
21,8 Doeg 2,9.18.22.
Note al Testo
21,8 Doeg: la sua importanza si capirà in 22,6-23.
9Davide disse ancora ad Achimèlec:
— Per caso, non hai sottomano una lancia o una spada? Non ho fatto in tempo ad andare a prendere la mia spada o un’arma, perché l’ordine del re era urgentissimo.
Il sacerdote rispose:
— C’è solo la spada di Golia, il Filisteo che tu hai ucciso nella valle del Terebinto. È dietro l’efod sacerdotale, avvolta in un mantello. Se ti va bene, prendila: è l’unica arma che abbiamo qui.
— Dammela, — disse Davide, — non c’è spada migliore di quella.
Note al Testo
21,10 efod: vedi nota a 2,28.
Davide e i Filistei di Gat

Quello stesso giorno Davide proseguì la sua fuga lontano da Saul e andò da Achis, re della città filistea di Gat.
Rimandi
21,11 fuggì a Gat 1 Re 2,39-41.
Un giorno i ministri dissero al re: «Quest’uomo non è forse Davide? Egli è come un re nella sua terra: è per lui che le donne cantavano:
“Saul ha ucciso mille nemici
e Davide dieci volte mille!”».
Rimandi
21,12 Saul ha ucciso… 18,7+.
13Quei discorsi preoccuparono Davide, ed egli cominciò ad aver molta paura di Achis re di Gat.
Allora adottò in pubblico un comportamento strano e cominciò ad agire davanti a loro come un pazzo: si mise a fare strani segni sulle porte della città e si lasciava colare la saliva sulla barba.
Rimandi
21,14 cominciò ad agire… come un pazzo Sal 34,1.
Note al Testo
21,14 come un pazzo…: la gente aveva timore e rispetto dei pazzi e li sfuggiva.
15Il re Achis disse ai suoi ministri: «Vedete anche voi che quest’uomo è pazzo: perché l’avete lasciato venire qui?
16Pazzi ce ne sono già abbastanza senza far venire costui a fare stravaganze davanti a me. Non dovrò tenermelo in casa, spero!».

Rimandi

21,7 i pani sacri Es 25,30; Mt 12,3-4 par.
21,8 Doeg 2,9.18.22.
21,11 fuggì a Gat 1 Re 2,39-41.
21,12 Saul ha ucciso… 18,7+.
21,14 cominciò ad agire… come un pazzo Sal 34,1.

Note al Testo

21,2 Nob: località vicina a Gerusalemme, ma non sappiamo esattamente dove si trovasse.
21,6 Il testo ebraico è per noi oscuro. Per di più la risposta di Davide è volutamente poco chiara perché egli non vuole dire che sta scappando da Saul.
21,7 pani offerti al Signore: li potevano mangiare soltanto i sacerdoti (vedi Levitico 24,5-9; Matteo 12,3-4).
21,8 Doeg: la sua importanza si capirà in 22,6-23.
21,10 efod: vedi nota a 2,28.
21,14 come un pazzo…: la gente aveva timore e rispetto dei pazzi e li sfuggiva.