Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

BibbiaEDU-logo

Vangelo di Matteo 15

La tradizione degli uomini e i comandamenti di Dio

1Alcuni *farisei e alcuni *maestri della Legge giunti da Gerusalemme si avvicinarono a Gesù e gli dissero:
— Prima di mangiare, i tuoi *discepoli non fanno il rito di lavarsi le mani. Perché non rispettano la *tradizione religiosa dei nostri padri?
Rimandi
15,2 lavarsi le mani Lc 11,38; cfr. Es 30,18-21; Dt 21,6.
3Gesù rispose loro:
— E voi, perché non rispettate i comandamenti di Dio, per seguire la vostra tradizione?
Dio ha detto: Onora il padre e la madre. E poi: Chi parla male di suo padre o di sua madre deve essere condannato a morte. 5-6Voi invece insegnate che uno non ha più il dovere di onorare suo padre e sua madre se dice ad essi che ha offerto a Dio quei beni che doveva usare per loro.
Così, per mezzo della vostra tradizione, voi fate diventare inutile la parola di Dio.
Ipocriti! Il *profeta Isaia aveva ragione quando, parlando di voi, diceva:
Rimandi
15,7 Ipocriti Mt 6,2+.
Questo popolo, — dice il Signore, —
mi onora a parole,
ma il suo cuore è lontano da me.
Rimandi
15,8-9 Is 29,13; cfr. Sal 78,36-37.
Note al Testo
15,8-9 Qui Matteo riporta Isaia 29,13 come si legge nell’antica traduzione greca.
9Il modo con cui mi onorano non ha valore,
perché insegnano come dottrina di Dio
comandamenti che son fatti da uomini.
Le cose che rendono impuro un uomo

Poi Gesù chiamò la folla e disse: «Ascoltate e cercate di capire.
Rimandi
15,10 capire Mt 13,13.14.51; 16,12.
Non è ciò che entra nella bocca dell’uomo che può farlo diventare *impuro. Piuttosto è ciò che esce dalla bocca: questo può far diventare impuro l’uomo!».
Rimandi
15,11 ciò che esce dalla bocca Mt 12,34.
Note al Testo
15,11 Può farlo/può fare: altri: rende. Piuttosto… l’uomo!: altri: ma quello che ne esce, questo contamina l’uomo.
I discepoli si avvicinarono e gli dissero:
— Sai che i *farisei si sono scandalizzati ascoltando le tue parole?
Rimandi
15,12 scandalizzati Mt 5,29+.
Ma Gesù rispose:
— Tutti gli alberi che non sono stati piantati dal Padre mio, che è in cielo, saranno strappati.
Rimandi
15,13 Dio che pianta Is 5,1-7. — albero strappato cfr. Lc 13,6-9; Gv 15,2.
Lasciateli dire! Sono ciechi, e vogliono far da guida ad altri ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due andranno a cadere in una fossa.
Rimandi
15,14 ciechi guide di ciechi Mt 23,16.24; Lc 6,39; Rm 2,19.
Allora Pietro disse:
— Spiegaci questa parabola.
Rimandi
15,15 domanda di spiegazione Mt 13,36; Mc 4,10; 7,17; Lc 8,9.
16Ma Gesù rispose:
— Anche voi non riuscite ancora a capire?
17Non capite che quello che entra in bocca va allo stomaco e quindi va a finire in una fogna?
18Ciò che invece esce dalla bocca viene dal cuore dell’uomo ed è questo che può renderlo impuro.
Perché, è dal cuore che vengono tutti i pensieri malvagi che portano al male: gli assassinii, i tradimenti tra marito e moglie, i peccati sessuali, i furti, le menzogne, gli insulti. 20Sono queste le cose che fanno diventare impuro l’uomo. Invece, mangiare senza purificarsi prima le mani, questo non fa diventare impuri.
La fede di una donna straniera

21Poi Gesù andò via di là e si ritirò dalle parti di Tiro e di Sidone.
Una donna pagana che veniva da quella regione si presentò a Gesù gridando:
— Signore, Figlio di Davide, abbi pietà di me! Mia figlia sta molto male, uno *spirito maligno la tormenta.
Rimandi
15,22 abbi pietà Mt 9,27; 20,30-31; Mc 10,47-48; Lc 18,38-39.
Note al Testo
15,22 donna pagana: oppure: donna cananea. L’espressione indica che apparteneva alla popolazione non ebraica di quel territorio. I Fenici erano chiamati Cananei; nel corso della storia il termine Canaan indica diverse regioni. Secondo Marco 7,25 questa donna venne perché aveva sentito parlare di Gesù.
23Ma Gesù non rispondeva nulla. Si avvicinarono allora i suoi *discepoli e gli dissero:
— Mandala a casa, perché continua a venirci dietro e a gridare.
Gesù disse:
— Io sono stato mandato soltanto per le pecore sperdute del popolo d’Israele.
Rimandi
15,24 pecore sperdute del popolo d’Israele Mt 10,5-6; 18,12-14.
25Ma quella donna si metteva in ginocchio davanti a lui e diceva:
— Signore, aiutami!
26Allora Gesù rispose:
— Non è giusto prendere il pane dei figli e buttarlo ai cagnolini.
E la donna disse:
— È vero, Signore. Però, sotto la tavola, i cagnolini possono mangiare le briciole che cadono ai loro padroni.
Note al Testo
15,27 È vero: altri: Sì, o: Dici bene.
Allora Gesù le disse:
— O donna, davvero la tua fede è grande! Accada come tu vuoi.
E in quel momento sua figlia guarì.
Rimandi
15,28 la tua fede è grande! Mt 8,10. — come tu vuoi Mt 8,13; 9,29.
Gesù guarisce molti malati

29Poi Gesù andò verso il lago di Galilea, salì sopra una collina e si sedette.
Molta gente venne da lui portando zoppi, storpi, ciechi, muti e molti altri malati. Li mettevano a terra, vicino ai suoi piedi, ed egli li guariva.
Rimandi
15,30 zoppi, ciechi… Mt 11,5; 21,14.
La gente era piena di meraviglia perché vedeva che i muti incominciavano a parlare, gli storpi erano guariti, gli zoppi camminavano bene e i ciechi riacquistavano la vista.
Allora tutti lodavano il Dio d’Israele.
Rimandi
15,31 meraviglia della gente Mc 7,37. — lodare Dio Mt 9,8+.
Gesù dà da mangiare a quattromila uomini

Gesù chiamò i suoi discepoli e disse:
— Questa gente mi fa pena. Già da tre giorni stanno con me e non hanno più niente da mangiare. Non voglio mandarli a casa digiuni, perché potrebbero sentirsi male lungo la strada.
Rimandi
15,32 folla che muove a pietà Mc 9,36+. — rinvio della folla Mt 14,15+.
I discepoli gli dissero:
— Come potremo qui, in un luogo deserto, trovare tanto pane per una folla così grande?
Rimandi
15,33 incapacità dei discepoli Mc 6,37; Gv 6,5.
34E Gesù domandò:
— Quanti pani avete?
Risposero:
— Sette, e pochi pesciolini.
35E Gesù ordinò alla folla di sedersi per terra.
Prese i sette pani e i pesci, fece la preghiera di ringraziamento, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla.
Rimandi
15,36 preghiera di ringraziamento 1 Cor 11,24.
37Tutti mangiarono e ne ebbero abbastanza. Quando poi si raccolsero gli avanzi, se ne riempirono sette ceste.
38Quelli che avevano mangiato erano quattromila uomini, senza contare le donne e i bambini.
Dopo aver rimandato a casa la folla, Gesù salì in barca e andò nel territorio di Magadàn.
Note al Testo
15,39 Magadàn: non si sa esattamente dove si trovasse questa località; alcuni manoscritti hanno Màgdala, cittadina sulla sponda occidentale del lago, a nord di Tiberìade.

Rimandi

15,2 lavarsi le mani Lc 11,38; cfr. Es 30,18-21; Dt 21,6.
15,7 Ipocriti Mt 6,2+.
15,8-9 Is 29,13; cfr. Sal 78,36-37.
15,10 capire Mt 13,13.14.51; 16,12.
15,11 ciò che esce dalla bocca Mt 12,34.
15,12 scandalizzati Mt 5,29+.
15,13 Dio che pianta Is 5,1-7. — albero strappato cfr. Lc 13,6-9; Gv 15,2.
15,14 ciechi guide di ciechi Mt 23,16.24; Lc 6,39; Rm 2,19.
15,15 domanda di spiegazione Mt 13,36; Mc 4,10; 7,17; Lc 8,9.
15,22 abbi pietà Mt 9,27; 20,30-31; Mc 10,47-48; Lc 18,38-39.
15,24 pecore sperdute del popolo d’Israele Mt 10,5-6; 18,12-14.
15,28 la tua fede è grande! Mt 8,10. — come tu vuoi Mt 8,13; 9,29.
15,30 zoppi, ciechi… Mt 11,5; 21,14.
15,31 meraviglia della gente Mc 7,37. — lodare Dio Mt 9,8+.
15,32 folla che muove a pietà Mc 9,36+. — rinvio della folla Mt 14,15+.
15,33 incapacità dei discepoli Mc 6,37; Gv 6,5.
15,36 preghiera di ringraziamento 1 Cor 11,24.

Note al Testo

15,8-9 Qui Matteo riporta Isaia 29,13 come si legge nell’antica traduzione greca.
15,11 Può farlo/può fare: altri: rende. Piuttosto… l’uomo!: altri: ma quello che ne esce, questo contamina l’uomo.
15,22 donna pagana: oppure: donna cananea. L’espressione indica che apparteneva alla popolazione non ebraica di quel territorio. I Fenici erano chiamati Cananei; nel corso della storia il termine Canaan indica diverse regioni. Secondo Marco 7,25 questa donna venne perché aveva sentito parlare di Gesù.
15,27 È vero: altri: Sì, o: Dici bene.
15,39 Magadàn: non si sa esattamente dove si trovasse questa località; alcuni manoscritti hanno Màgdala, cittadina sulla sponda occidentale del lago, a nord di Tiberìade.