Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27

Levitico

11 1 Il Signore disse a Mosè e ad Aronne
Rimandi Note al Testo
2 di comunicare agli Israeliti queste istruzioni: «Tra gli animali terrestri, voi potete mangiare
Rimandi Note al Testo
3 quelli che hanno l’unghia divisa da una fessura e che ruminano.
Rimandi Note al Testo
Ma non mangerete quelli che hanno soltanto unghie divise o che soltanto ruminano. Perciò considererete animali impuri: — il cammello, perché rumina ma non ha l’unghia divisa; —
Rimandi
11,4 animali impuri At 10,11-16.
Note al Testo
l’iràce, perché rumina ma non ha l’unghia divisa; —
Rimandi Note al Testo
11,5 L’irace è un piccolo mammifero grande più o meno come un coniglio o una marmotta.
la lepre, perché rumina ma non ha l’unghia divisa; —
Rimandi Note al Testo
11,6 La lepre sembra ruminare per il movimento delle sue labbra.
7 il maiale, perché ha l’unghia divisa, ma non rumina.
Rimandi Note al Testo
8 «Non mangiate la carne di questi animali e non toccate i loro cadaveri. Dovrete considerarli impuri.
Rimandi Note al Testo
9 «Tra gli animali che vivono nell’acqua, nei laghi, nei mari o nei fiumi, potete mangiare quelli che hanno pinne e squame.
Rimandi Note al Testo
10 Ma vi asterrete dal mangiare quelli che non hanno pinne e squame, siano essi bestiole acquatiche o altri animali acquatici;
Rimandi Note al Testo
11 dovete aver orrore di essi: non mangiatene la carne ed evitate ogni contatto con i loro cadaveri.
Rimandi Note al Testo
12 Guardatevi dunque dal mangiare qualsiasi animale acquatico che non ha né pinne né squame.
Rimandi Note al Testo
«Tra gli uccelli, ecco quelli che dovete avere in orrore e che non dovete mangiare: l’aquila, l’ossifraga e l’aquila di mare,
Rimandi Note al Testo
11,13 l’ossifraga: altri: l’avvoltoio.
14 il nibbio e ogni specie di falco,
Rimandi Note al Testo
15 ogni specie di corvo,
Rimandi Note al Testo
16 lo struzzo, la civetta, il gabbiano e ogni specie di sparviero,
Rimandi Note al Testo
17 il gufo, l’alcione, l’ibis,
Rimandi Note al Testo
18 il cigno, il pellicano, la folaga,
Rimandi Note al Testo
19 la cicogna, ogni specie di airone, l’upupa e il pipistrello.
Rimandi Note al Testo
20 «Dovete aver orrore anche di mangiare qualsiasi tipo di insetti alati e che camminano su quattro piedi.
Rimandi Note al Testo
21 Tuttavia, tra tutti gli insetti alati che camminano su quattro piedi, potrete mangiare quelli che hanno due zampe, sopra i piedi, per saltare sulla terra,
Rimandi Note al Testo
cioè ogni specie di cavallette e di locuste, ogni specie di acridi e ogni specie di grillo.
Rimandi
11,22 cavallette (come nutrimento) Mt 3,4 par.
Note al Testo
11,22 L’ebraico elenca in questo versetto i nomi di quattro specie di cavallette.
23 Ogni altro insetto alato che ha quattro piedi lo avrete in orrore».
Rimandi Note al Testo
24 «I contatti con certe bestie rendono l’uomo impuro: chiunque tocca il loro cadavere è impuro fino a sera;
Rimandi Note al Testo
25 chiunque trasporta il loro cadavere deve lavarsi i vestiti, ma resta egualmente impuro fino a sera.
Rimandi Note al Testo
Ecco l’elenco degli animali che dovete considerare impuri: — quelli che hanno l’unghia non divisa e quelli che non ruminano: chiunque li tocca diventa impuro; — tutti i quadrupedi che camminano sulla pianta dei piedi: chiunque tocca i loro cadaveri è impuro fino a sera; chiunque trasporterà i loro cadaveri si dovrà lavare le vesti e sarà impuro fino a sera.
Rimandi Note al Testo
11,26–28 pianta dei piedi: per esempio, gli orsi.
29 «Fra gli animali che strisciano per terra, ecco quelli che dovete considerare come impuri: la talpa, il topo e ogni specie di sauri,
Rimandi Note al Testo
30 il toporagno, la lucertola, il geco, il ramarro, il camaleonte.
Rimandi Note al Testo
31 Considerate queste bestie come impure: chiunque le tocca quando sono morte, è impuro fino a sera.
Rimandi Note al Testo
32 Se una di esse muore e cade su un oggetto qualsiasi, utensile di legno, vestito, pelle o sacco, questo oggetto deve essere lavato, qualunque uso se ne faccia. È considerato impuro fino a sera: poi sarà puro.
Rimandi Note al Testo
33 Se una di queste bestie cade in un recipiente di terra, quel che esso contiene diventa impuro e il recipiente dev’essere fatto a pezzi.
Rimandi Note al Testo
34 Se da quel vaso si versa dell’acqua su un cibo che è permesso mangiare, questo cibo diventa impuro; se si tratta di un liquido che normalmente si può bere, diventa anch’esso impuro, qualunque sia il recipiente in cui si trova.
Rimandi Note al Testo
35 Ogni oggetto sul quale cadrà qualche parte del loro cadavere, sarà impuro; se si tratta di un forno o di un fornello, sarà fatto a pezzi: li dovete considerare impuri.
Rimandi Note al Testo
36 Ma una fonte o una cisterna, cioè una raccolta d’acqua, sarà pura; tuttavia, se un cadavere cade in una fonte o in una cisterna, l’acqua resterà pura, ma chi toglierà quel cadavere, sarà impuro.
Rimandi Note al Testo
37 Se qualcosa di quel cadavere cade su qualche seme che dev’essere seminato, il seme resta puro;
Rimandi Note al Testo
38 ma se è stata versata acqua sul seme, e vi cade sopra qualche cosa di quel cadavere, lo considererai impuro.
Rimandi Note al Testo
39 «Se muore una bestia che è permesso mangiare, chiunque tocca il suo cadavere è impuro fino a sera;
Rimandi Note al Testo
40 chi mangia di questa carne, deve lavare i suoi vestiti, ma resta impuro fino a sera; chi trasporta il cadavere della bestia, deve lavare i suoi vestiti, ma resta impuro fino a sera.
Rimandi Note al Testo
41 «Dovete evitare in modo assoluto di mangiare le bestiole che strisciano sulla terra.
Rimandi Note al Testo
42 Non dovete assolutamente mangiare né quelle che strisciano né quelle che camminano su quattro o più piedi.
Rimandi Note al Testo
43 Non mettetevi in condizioni di contaminarvi, per aver toccato queste bestiole; non lasciatevi contaminare da esse, perché diventereste impuri.
Rimandi Note al Testo
Io sono il Signore, il vostro Dio: comportatevi come persone sante, perché io sono santo. Non contaminatevi con qualcuno di questi animali che strisciano per terra.
Rimandi
11,44 Israele popolo santo 19,2; 20,26; Es 22,30; 1Pt 1,16.
Note al Testo
Sono io, il Signore, che vi ho fatti uscire dall’Egitto, per essere il vostro Dio. Siate santi perché io sono santo».
Rimandi
11,45 Il Signore è Dio per Israele 22,33; 26,45; Ger 11,4.
Note al Testo
46 Queste sono le istruzioni riguardanti gli animali, gli uccelli, le bestie che vivono nell’acqua e le bestiole che strisciano per terra.
Rimandi Note al Testo
47 Queste regole permettono di distinguere gli animali puri da quelli impuri, quelli che si possono mangiare da quelli che non si possono mangiare.
Rimandi Note al Testo

Rimandi

11,4animali impuri At 10,11-16.
11,22cavallette (come nutrimento) Mt 3,4 par.
11,44Israele popolo santo 19,2; 20,26; Es 22,30; 1Pt 1,16.
11,45Il Signore è Dio per Israele 22,33; 26,45; Ger 11,4.

Note al Testo

11,5L’irace è un piccolo mammifero grande più o meno come un coniglio o una marmotta.
11,6La lepre sembra ruminare per il movimento delle sue labbra.
11,13l’ossifraga: altri: l’avvoltoio.
11,22L’ebraico elenca in questo versetto i nomi di quattro specie di cavallette.
11,26–28pianta dei piedi: per esempio, gli orsi.