Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_NT

NT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16

Marco

NT greco Torna al libro

CEI 2008 Vai al libro

NT greco 4 Καὶ πάλιν ἤρξατο διδάσκειν παρὰ τὴν θάλασσαν. καὶ ⸀συνάγεται πρὸς αὐτὸν ὄχλος ⸀πλεῖστος, ὥστε αὐτὸν ⸂εἰς πλοῖον ἐμβάντα⸃ καθῆσθαι ἐν τῇ θαλάσσῃ, καὶ πᾶς ὁ ὄχλος πρὸς τὴν θάλασσαν ἐπὶ τῆς γῆς ⸀ἦσαν.
4,συνάγεται WH Treg NIV ] συνήχθη RP • πλεῖστος WH Treg NIV ] πολύς RP • εἰς πλοῖον ἐμβάντα WH Treg NIV ] ἐμβάντα εἰς τὸ πλοῖον RP • ἦσαν WH Treg NIV ] ἦν RP
CEI 2008 Cominciò di nuovo a insegnare lungo il mare. Si riunì attorno a lui una folla enorme, tanto che egli, salito su una barca, si mise a sedere stando in mare, mentre tutta la folla era a terra lungo la riva.
4,1 IL MISTERO DEL REGNO (4,1-6,29)
4,1-20 Parabola del seminatore (vedi Mt 13,1-23; Lc 8,4-15)
NT greco 4,2 καὶ ἐδίδασκεν αὐτοὺς ἐν παραβολαῖς πολλά καὶ ἔλεγεν αὐτοῖς ἐν τῇ διδαχῇ αὐτοῦ·
CEI 2008 4,2 Insegnava loro molte cose con parabole e diceva loro nel suo insegnamento:
4,2
NT greco Ἀκούετε. ἰδοὺ ἐξῆλθεν ὁ ⸀σπείρων σπεῖραι.
4,σπείρων WH NIV ] + τοῦ Treg RP
CEI 2008 4,3 "Ascoltate. Ecco, il seminatore uscì a seminare.
4,3
NT greco 4,4 καὶ ἐγένετο ἐν τῷ σπείρειν ὃ μὲν ἔπεσεν παρὰ τὴν ὁδόν, καὶ ἦλθεν τὰ πετεινὰ καὶ κατέφαγεν αὐτό.
CEI 2008 4,4 Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono.
4,4
NT greco ⸂καὶ ἄλλο⸃ ἔπεσεν ἐπὶ τὸ πετρῶδες ⸀ὅπου οὐκ εἶχεν γῆν πολλήν, καὶ ⸀εὐθὺς ἐξανέτειλεν διὰ τὸ μὴ ἔχειν βάθος γῆς·
4,καὶ ἄλλο WH Treg NIV ] Ἄλλο δὲ RP • ὅπου NIV RP ]  καὶ ὅπου WH Treg • εὐθὺς WH Treg NIV ] εὐθέως RP
CEI 2008 4,5 Un'altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c'era molta terra; e subito germogliò perché il terreno non era profondo,
4,5
NT greco ⸂καὶ ὅτε ἀνέτειλεν ὁ ἥλιος⸃ ⸀ἐκαυματίσθη καὶ διὰ τὸ μὴ ἔχειν ῥίζαν ἐξηράνθη.
4,καὶ ὅτε ἀνέτειλεν ὁ ἥλιος WH Treg NIV ] ἡλίου δὲ ἀνατείλαντος RP • ἐκαυματίσθη WH RP NA ] ἐκαυματίσθησαν Treg NIV
CEI 2008 4,6 ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò.
4,6
NT greco 4,7 καὶ ἄλλο ἔπεσεν εἰς τὰς ἀκάνθας, καὶ ἀνέβησαν αἱ ἄκανθαι καὶ συνέπνιξαν αὐτό, καὶ καρπὸν οὐκ ἔδωκεν.
CEI 2008 4,7 Un'altra parte cadde tra i rovi, e i rovi crebbero, la soffocarono e non diede frutto.
4,7
NT greco καὶ ⸀ἄλλα ἔπεσεν εἰς τὴν γῆν τὴν καλήν, καὶ ἐδίδου καρπὸν ἀναβαίνοντα καὶ ⸀αὐξανόμενα, καὶ ἔφερεν ⸂ἓν τριάκοντα καὶ ἓν ἑξήκοντα καὶ ἓν⸃ ἑκατόν.
4,ἄλλα WH NIV ] ἄλλο Treg RP • αὐξανόμενα WH NIV ] αὐξανόμενον Treg; αὐξάνοντα RP • ἓν … ἓν … ἓν NIV ] εἰς … ἐν … ἐν WH; εἰς … εἰς … εἰς Treg; ἐν … ἐν … ἐν RP
CEI 2008 4,8 Altre parti caddero sul terreno buono e diedero frutto: spuntarono, crebbero e resero il trenta, il sessanta, il cento per uno".
4,8
NT greco καὶ ἔλεγεν· ⸂Ὃς ἔχει⸃ ὦτα ἀκούειν ἀκουέτω.
4,Ὃς ἔχει WH Treg NIV ] Ὃ ἔχων RP
CEI 2008 4,9 E diceva: "Chi ha orecchi per ascoltare, ascolti!".
4,9
NT greco ⸂Καὶ ὅτε⸃ ἐγένετο κατὰ μόνας, ⸀ἠρώτων αὐτὸν οἱ περὶ αὐτὸν σὺν τοῖς δώδεκα ⸂τὰς παραβολάς⸃.
4,Καὶ ὅτε WH Treg NIV ] Ὅτε δὲ RP • ἠρώτων WH Treg NIV ] ἠρώτησαν RP • τὰς παραβολάς WH Treg NIV ] τὴν παραβολήν RP
CEI 2008 4,10 Quando poi furono da soli, quelli che erano intorno a lui insieme ai Dodici lo interrogavano sulle parabole.
4,10
NT greco καὶ ἔλεγεν αὐτοῖς· Ὑμῖν ⸂τὸ μυστήριον δέδοται⸃ τῆς βασιλείας τοῦ θεοῦ· ἐκείνοις δὲ τοῖς ἔξω ἐν παραβολαῖς τὰ πάντα γίνεται,
4,τὸ μυστήριον δέδοται WH Treg NIV ] δέδοται γνῶναι τὸ μυστήριον RP
CEI 2008 4,11 Ed egli diceva loro: "A voi è stato dato il mistero del regno di Dio; per quelli che sono fuori invece tutto avviene in parabole,
4,11
NT greco ἵνα βλέποντες βλέπωσι καὶ μὴ ἴδωσιν, καὶ ἀκούοντες ἀκούωσι καὶ μὴ συνιῶσιν, μήποτε ἐπιστρέψωσιν καὶ ἀφεθῇ ⸀αὐτοῖς.
4,αὐτοῖς WH Treg NIV ] + τὰ ἁμαρτήματα RP
CEI 2008 affinché

guardino, sì, ma non vedano,
ascoltino, sì, ma non comprendano,
perché non si convertano e venga loro perdonato".

4,12 Citazione di Is 6,9-10: l’insuccesso della predicazione di Gesù è misteriosamente conforme alla Scrittura e al progetto di Dio.
NT greco 4,13 Καὶ λέγει αὐτοῖς· Οὐκ οἴδατε τὴν παραβολὴν ταύτην, καὶ πῶς πάσας τὰς παραβολὰς γνώσεσθε;
CEI 2008 4,13 E disse loro: "Non capite questa parabola, e come potrete comprendere tutte le parabole?
4,13
NT greco 4,14 ὁ σπείρων τὸν λόγον σπείρει.
CEI 2008 4,14 Il seminatore semina la Parola.
4,14
NT greco οὗτοι δέ εἰσιν οἱ παρὰ τὴν ὁδὸν ὅπου σπείρεται ὁ λόγος, καὶ ὅταν ἀκούσωσιν ⸀εὐθὺς ἔρχεται ὁ Σατανᾶς καὶ αἴρει τὸν λόγον τὸν ἐσπαρμένον ⸂εἰς αὐτούς⸃.
4,εὐθὺς WH Treg NIV ] εὐθέως RP • εἰς αὐτούς WH Treg NIV ] ἐν ταῖς καρδίαις αὐτῶν RP
CEI 2008 4,15 Quelli lungo la strada sono coloro nei quali viene seminata la Parola, ma, quando l'ascoltano, subito viene Satana e porta via la Parola seminata in loro.
4,15
NT greco καὶ οὗτοί εἰσιν ⸀ὁμοίως οἱ ἐπὶ τὰ πετρώδη σπειρόμενοι, οἳ ὅταν ἀκούσωσιν τὸν λόγον ⸀εὐθὺς μετὰ χαρᾶς λαμβάνουσιν αὐτόν,
4,ὁμοίως WH Treg NIV RP ] - NA • εὐθὺς WH Treg NIV ] εὐθέως RP
CEI 2008 4,16 Quelli seminati sul terreno sassoso sono coloro che, quando ascoltano la Parola, subito l'accolgono con gioia,
4,16
NT greco καὶ οὐκ ἔχουσιν ῥίζαν ἐν ἑαυτοῖς ἀλλὰ πρόσκαιροί εἰσιν, εἶτα γενομένης θλίψεως ἢ διωγμοῦ διὰ τὸν λόγον ⸀εὐθὺς σκανδαλίζονται.
4,εὐθὺς WH Treg NIV ] εὐθέως RP
CEI 2008 4,17 ma non hanno radice in se stessi, sono incostanti e quindi, al sopraggiungere di qualche tribolazione o persecuzione a causa della Parola, subito vengono meno.
4,17
NT greco καὶ ⸀ἄλλοι εἰσὶν οἱ εἰς τὰς ἀκάνθας σπειρόμενοι· ⸂οὗτοί εἰσιν⸃ οἱ τὸν λόγον ⸀ἀκούσαντες,
4,ἄλλοι WH Treg NIV ] οὗτοί RP • οὗτοί εἰσιν WH Treg NIV ] - RP • ἀκούσαντες WH Treg NIV ] ἀκούοντες RP
CEI 2008 4,18 Altri sono quelli seminati tra i rovi: questi sono coloro che hanno ascoltato la Parola,
4,18
NT greco καὶ αἱ μέριμναι τοῦ ⸀αἰῶνος καὶ ἡ ἀπάτη τοῦ πλούτου καὶ αἱ περὶ τὰ λοιπὰ ἐπιθυμίαι εἰσπορευόμεναι συμπνίγουσιν τὸν λόγον, καὶ ἄκαρπος γίνεται.
4,αἰῶνος WH Treg NA ] + τούτου RP; βίου NIV
CEI 2008 4,19 ma sopraggiungono le preoccupazioni del mondo e la seduzione della ricchezza e tutte le altre passioni, soffocano la Parola e questa rimane senza frutto.
4,19
NT greco καὶ ⸀ἐκεῖνοί εἰσιν οἱ ἐπὶ τὴν γῆν τὴν καλὴν σπαρέντες, οἵτινες ἀκούουσιν τὸν λόγον καὶ παραδέχονται καὶ καρποφοροῦσιν ⸂ἓν τριάκοντα καὶ ἓν ἑξήκοντα καὶ ἓν⸃ ἑκατόν.
4,ἐκεῖνοί WH Treg NIV ] οὗτοί RP • ἓν … ἓν … ἓν NIV ] ἐν … ἐν … ἐν WH Treg RP
CEI 2008 4,20 Altri ancora sono quelli seminati sul terreno buono: sono coloro che ascoltano la Parola, l'accolgono e portano frutto: il trenta, il sessanta, il cento per uno".
4,20
NT greco Καὶ ἔλεγεν ⸀αὐτοῖς· Μήτι ⸂ἔρχεται ὁ λύχνος⸃ ἵνα ὑπὸ τὸν μόδιον τεθῇ ἢ ὑπὸ τὴν κλίνην, οὐχ ἵνα ἐπὶ τὴν λυχνίαν ⸀τεθῇ;
4,αὐτοῖς Treg NIV RP ] + ὅτι WH • ἔρχεται ὁ λύχνος WH Treg NIV ] ὁ λύχνος ἔρχεται RP • τεθῇ WH Treg NIV ] ἐπιτεθῇ RP
CEI 2008 Diceva loro: "Viene forse la lampada per essere messa sotto il moggio o sotto il letto? O non invece per essere messa sul candelabro?
4,21-25 Parabola della lampada (vedi Mt 5,15; 10,26; Lc 8,16-18)
NT greco οὐ γάρ ἐστιν ⸀κρυπτὸν ἐὰν μὴ ⸀ἵνα φανερωθῇ, οὐδὲ ἐγένετο ἀπόκρυφον ἀλλ’ ἵνα ⸂ἔλθῃ εἰς φανερόν⸃.
4,κρυπτὸν WH Treg NIV ] τι κρυπτόν, ὃ RP • ἵνα WH NIV ] - Treg RP • ἔλθῃ εἰς φανερόν WH Treg NIV ] εἰς φανερὸν ἔλθῃ RP
CEI 2008 4,22 Non vi è infatti nulla di segreto che non debba essere manifestato e nulla di nascosto che non debba essere messo in luce.
4,22
NT greco 4,23 εἴ τις ἔχει ὦτα ἀκούειν ἀκουέτω.
CEI 2008 4,23 Se uno ha orecchi per ascoltare, ascolti!".
4,23
NT greco καὶ ἔλεγεν αὐτοῖς· Βλέπετε τί ἀκούετε. ἐν ᾧ μέτρῳ μετρεῖτε μετρηθήσεται ὑμῖν καὶ προστεθήσεται ⸀ὑμῖν.
4,ὑμῖν WH Treg NIV ] + τοῖς ἀκούουσιν RP
CEI 2008 4,24 Diceva loro: "Fate attenzione a quello che ascoltate. Con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi; anzi, vi sarà dato di più.
4,24
NT greco ὃς γὰρ ⸀ἔχει, δοθήσεται αὐτῷ· καὶ ὃς οὐκ ἔχει, καὶ ⸀ὃ ἔχει ἀρθήσεται ἀπ’ αὐτοῦ.
4,ἔχει WH Treg NIV ] ἂν ἔχῃ RP • ὃ WH NIV RP ] ὃς Treg
CEI 2008 4,25 Perché a chi ha, sarà dato; ma a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha".
4,25
NT greco Καὶ ἔλεγεν· Οὕτως ἐστὶν ἡ βασιλεία τοῦ θεοῦ ⸀ὡς ἄνθρωπος βάλῃ τὸν σπόρον ἐπὶ τῆς γῆς
4,ὡς WH Treg NIV ] + ἐὰν RP
CEI 2008 Diceva: "Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno;
4,26-29 Parabola del seme
4,26 Il regno di Dio ha in sé la forza per crescere e dare frutto. Progredisce con lentezza, ma irresistibilmente.
NT greco καὶ καθεύδῃ καὶ ἐγείρηται νύκτα καὶ ἡμέραν, καὶ ὁ σπόρος ⸀βλαστᾷ καὶ μηκύνηται ὡς οὐκ οἶδεν αὐτός.
4,βλαστᾷ WH Treg NIV ] βλαστάνῃ RP
CEI 2008 4,27 dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa.
4,27
NT greco ⸀αὐτομάτη ἡ γῆ καρποφορεῖ, πρῶτον χόρτον, ⸂εἶτα στάχυν, εἶτα⸃ ⸂πλήρης σῖτον⸃ ἐν τῷ στάχυϊ.
4,αὐτομάτη WH Treg NIV ] + γὰρ RP • εἶτα … εἶτα Treg NIV RP ] εἶτεν … εἶτεν WH • πλήρης σῖτον NIV ] πλήρη σῖτον WH RP; πλήρης σῖτος Treg
CEI 2008 4,28 Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga;
4,28
NT greco ὅταν δὲ ⸀παραδοῖ ὁ καρπός, ⸀εὐθὺς ἀποστέλλει τὸ δρέπανον, ὅτι παρέστηκεν ὁ θερισμός.
4,παραδοῖ WH Treg NIV ] παραδῷ RP • εὐθὺς WH Treg NIV ] εὐθέως RP
CEI 2008 4,29 e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura".
4,29
NT greco Καὶ ἔλεγεν· ⸀Πῶς ὁμοιώσωμεν τὴν βασιλείαν τοῦ θεοῦ, ἢ ἐν ⸀τίνι ⸂αὐτὴν παραβολῇ θῶμεν⸃;
4,Πῶς WH Treg NIV ] Τίνι RP • τίνι WH Treg NIV ] ποίᾳ RP • αὐτὴν παραβολῇ θῶμεν WH Treg NIV ] παραβολῇ παραβάλωμεν αὐτήν RP
CEI 2008 Diceva: "A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo?
4,30-32 Parabola del granello di senape (vedi Mt 13,31-32; Lc 13,18-19)
NT greco ὡς ⸀κόκκῳ σινάπεως, ὃς ὅταν σπαρῇ ἐπὶ τῆς γῆς, ⸂μικρότερον ὂν⸃ πάντων τῶν ⸀σπερμάτων τῶν ἐπὶ τῆς γῆς—
4,κόκκῳ WH NIV ] κόκκον Treg RP • μικρότερον ὂν WH Treg NIV ] μικρότερος RP •  σπερμάτων WH Treg NIV ] + ἐστὶν RP
CEI 2008 4,31 È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno;
4,31
NT greco καὶ ὅταν σπαρῇ, ἀναβαίνει καὶ γίνεται ⸂μεῖζον πάντων τῶν λαχάνων⸃ καὶ ποιεῖ κλάδους μεγάλους, ὥστε δύνασθαι ὑπὸ τὴν σκιὰν αὐτοῦ τὰ πετεινὰ τοῦ οὐρανοῦ κατασκηνοῦν.
4,μεῖζον πάντων τῶν λαχάνων WH NIV ] μείζων πάντων τῶν λαχάνων Treg; πάντων τῶν λαχάνων μείζων RP
CEI 2008 4,32 ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell'orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra".
4,32
NT greco 4,33 Καὶ τοιαύταις παραβολαῖς πολλαῖς ἐλάλει αὐτοῖς τὸν λόγον, καθὼς ἠδύναντο ἀκούειν·
CEI 2008 Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere.
4,33-34 Gesù parla con parabole (vedi Mt 13,34-35)
NT greco χωρὶς δὲ παραβολῆς οὐκ ἐλάλει αὐτοῖς, κατ’ ἰδίαν δὲ τοῖς ⸂ἰδίοις μαθηταῖς⸃ ἐπέλυεν πάντα.
4,ἰδίοις μαθηταῖς WH NIV ] μαθηταῖς αὐτοῦ Treg RP
CEI 2008 4,34 Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.
4,34
NT greco 4,35 Καὶ λέγει αὐτοῖς ἐν ἐκείνῃ τῇ ἡμέρᾳ ὀψίας γενομένης· Διέλθωμεν εἰς τὸ πέραν.
CEI 2008 In quel medesimo giorno, venuta la sera, disse loro: "Passiamo all'altra riva".
4,35-41 Gesù placa il mare in tempesta (vedi Mt 8,18.23-27; Lc 8,22-25)
4,35-41 Alla giornata delle parabole seguono quattro racconti di miracoli, sullo scenario del lago. Il primo miracolo esorta alla fede grazie alla quale si vince la paura.
NT greco καὶ ἀφέντες τὸν ὄχλον παραλαμβάνουσιν αὐτὸν ὡς ἦν ἐν τῷ πλοίῳ, καὶ ἄλλα ⸀πλοῖα ἦν μετ’ αὐτοῦ.
4,πλοῖα WH Treg NIV ] δὲ πλοιάρια RP
CEI 2008 4,36 E, congedata la folla, lo presero con sé, così com'era, nella barca. C'erano anche altre barche con lui.
4,36
NT greco καὶ γίνεται λαῖλαψ ⸂μεγάλη ἀνέμου⸃, ⸂καὶ τὰ⸃ κύματα ἐπέβαλλεν εἰς τὸ πλοῖον, ὥστε ⸂ἤδη γεμίζεσθαι τὸ πλοῖον⸃.
4,μεγάλη ἀνέμου WH Treg NIV ] ἀνέμου μεγάλη RP • καὶ τὰ WH Treg NIV ] τὰ δὲ RP • ἤδη γεμίζεσθαι τὸ πλοῖον WH Treg NIV ] αὐτὸ ἤδη γεμίζεσθα RP
CEI 2008 4,37 Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena.
4,37
NT greco καὶ ⸂αὐτὸς ἦν⸃ ⸀ἐν τῇ πρύμνῃ ἐπὶ τὸ προσκεφάλαιον καθεύδων· καὶ ⸀ἐγείρουσιν αὐτὸν καὶ λέγουσιν αὐτῷ· Διδάσκαλε, οὐ μέλει σοι ὅτι ἀπολλύμεθα;
4,αὐτὸς ἦν WH NIV ] ἦν αὐτὸς Treg RP • ἐν WH Treg NIV ] ἐπὶ RP • ἐγείρουσιν WH Treg NIV ] διεγείρουσιν RP
CEI 2008 4,38 Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: "Maestro, non t'importa che siamo perduti?".
4,38
NT greco 4,39 καὶ διεγερθεὶς ἐπετίμησεν τῷ ἀνέμῳ καὶ εἶπεν τῇ θαλάσσῃ· Σιώπα, πεφίμωσο. καὶ ἐκόπασεν ὁ ἄνεμος, καὶ ἐγένετο γαλήνη μεγάλη.
CEI 2008 4,39 Si destò, minacciò il vento e disse al mare: "Taci, calmati!". Il vento cessò e ci fu grande bonaccia.
4,39
NT greco καὶ εἶπεν αὐτοῖς· Τί δειλοί ἐστε; ⸀οὔπω ἔχετε πίστιν;
4,οὔπω WH Treg NIV ] οὕτως Πῶς οὐκ RP
CEI 2008 4,40 Poi disse loro: "Perché avete paura? Non avete ancora fede?".
4,40
NT greco καὶ ἐφοβήθησαν φόβον μέγαν, καὶ ἔλεγον πρὸς ἀλλήλους· Τίς ἄρα οὗτός ἐστιν ὅτι καὶ ὁ ἄνεμος καὶ ἡ θάλασσα ⸀ὑπακούει αὐτῷ;
4,ὑπακούει WH Treg NIV ] ὑπακούουσιν RP
CEI 2008 4,41 E furono presi da grande timore e si dicevano l'un l'altro: "Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?".


4,41