Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_NT

NT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6

1 Timòteo

NT greco Torna al libro

CEI 2008 Vai al libro

NT greco 2 2,1 Παρακαλῶ οὖν πρῶτον πάντων ποιεῖσθαι δεήσεις, προσευχάς, ἐντεύξεις, εὐχαριστίας, ὑπὲρ πάντων ἀνθρώπων,
CEI 2008 Raccomando dunque, prima di tutto, che si facciano domande, suppliche, preghiere e ringraziamenti per tutti gli uomini,
2,1 DISPOSIZIONI PER LA COMUNITÀ ECCLESIALE (2,1-6,19)
2,1-7 La preghiera liturgica
NT greco 2,2 ὑπὲρ βασιλέων καὶ πάντων τῶν ἐν ὑπεροχῇ ὄντων, ἵνα ἤρεμον καὶ ἡσύχιον βίον διάγωμεν ἐν πάσῃ εὐσεβείᾳ καὶ σεμνότητι.
CEI 2008 2,2 per i re e per tutti quelli che stanno al potere, perché possiamo condurre una vita calma e tranquilla, dignitosa e dedicata a Dio.
2,2
NT greco ⸀τοῦτο καλὸν καὶ ἀπόδεκτον ἐνώπιον τοῦ σωτῆρος ἡμῶν θεοῦ,
2,3 τοῦτο WH Treg NIV ] + γὰρ RP
CEI 2008 2,3 Questa è cosa bella e gradita al cospetto di Dio, nostro salvatore,
2,3
NT greco 2,4 ὃς πάντας ἀνθρώπους θέλει σωθῆναι καὶ εἰς ἐπίγνωσιν ἀληθείας ἐλθεῖν.
CEI 2008 2,4 il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e giungano alla conoscenza della verità.
2,4
NT greco 2,5 εἷς γὰρ θεός, εἷς καὶ μεσίτης θεοῦ καὶ ἀνθρώπων ἄνθρωπος Χριστὸς Ἰησοῦς,
CEI 2008 Uno solo, infatti, è Dio e uno solo anche il mediatore fra Dio e gli uomini, l'uomo Cristo Gesù,
2,5 La professione di fede cristiana fonde insieme la fede biblica in un solo Dio e il riconoscimento che Gesù è l’unico mediatore, in quanto uomo solidale con il destino di tutti gli uomini, per i quali ha dato se stesso come pegno di liberazione (Mc 10,45; Eb 8,6).
NT greco 2,6 ὁ δοὺς ἑαυτὸν ἀντίλυτρον ὑπὲρ πάντων, τὸ μαρτύριον καιροῖς ἰδίοις·
CEI 2008 2,6 che ha dato se stesso in riscatto per tutti. Questa testimonianza egli l'ha data nei tempi stabiliti,
2,6
NT greco εἰς ὃ ἐτέθην ἐγὼ κῆρυξ καὶ ἀπόστολος—ἀλήθειαν ⸀λέγω, οὐ ψεύδομαι— διδάσκαλος ἐθνῶν ἐν πίστει καὶ ἀληθείᾳ.
2,7 λέγω WH Treg NIV ] + ἐν Χριστῷ RP
CEI 2008 2,7 e di essa io sono stato fatto messaggero e apostolo - dico la verità, non mentisco -, maestro dei pagani nella fede e nella verità.
2,7
NT greco Βούλομαι οὖν προσεύχεσθαι τοὺς ἄνδρας ἐν παντὶ τόπῳ, ἐπαίροντας ὁσίους χεῖρας χωρὶς ὀργῆς καὶ ⸀διαλογισμοῦ.
2,8 διαλογισμοῦ Treg NIV RP ] διαλογισμῶν WH
CEI 2008 Voglio dunque che in ogni luogo gli uomini preghino, alzando al cielo mani pure, senza collera e senza polemiche.
2,8-15 Esortazioni alle donne
NT greco ὡσαύτως ⸀καὶ γυναῖκας ἐν καταστολῇ κοσμίῳ μετὰ αἰδοῦς καὶ σωφροσύνης κοσμεῖν ἑαυτάς, μὴ ἐν πλέγμασιν ⸀καὶ ⸀χρυσίῳ ἢ μαργαρίταις ἢ ἱματισμῷ πολυτελεῖ,
2,9 καὶ Treg NIV ] - WH; + τὰς RP • καὶ WH Treg NIV ] ἢ RP • χρυσίῳ WH NIV ] χρυσῷ Treg RP
CEI 2008 Allo stesso modo le donne, vestite decorosamente, si adornino con pudore e riservatezza, non con trecce e ornamenti d'oro, perle o vesti sontuose,
2,9-12 L’insistenza sulla sottomissione della donna si comprende nel contesto della polemica contro i falsi maestri, che entrano nelle case e attirano l’attenzione delle donne (2Tm 3,6-7).
NT greco 2,10 ἀλλ’ ὃ πρέπει γυναιξὶν ἐπαγγελλομέναις θεοσέβειαν, δι’ ἔργων ἀγαθῶν.
CEI 2008 2,10 ma, come conviene a donne che onorano Dio, con opere buone.
2,10
NT greco 2,11 γυνὴ ἐν ἡσυχίᾳ μανθανέτω ἐν πάσῃ ὑποταγῇ·
CEI 2008 2,11 La donna impari in silenzio, in piena sottomissione.
2,11
NT greco ⸂διδάσκειν δὲ γυναικὶ⸃ οὐκ ἐπιτρέπω, οὐδὲ αὐθεντεῖν ἀνδρός, ἀλλ’ εἶναι ἐν ἡσυχίᾳ.
2,12 διδάσκειν δὲ γυναικὶ WH Treg NIV ] Γυναικὶ δὲ διδάσκειν RP
CEI 2008 2,12 Non permetto alla donna di insegnare né di dominare sull'uomo; rimanga piuttosto in atteggiamento tranquillo.
2,12
NT greco 2,13 Ἀδὰμ γὰρ πρῶτος ἐπλάσθη, εἶτα Εὕα·
CEI 2008 2,13 Perché prima è stato formato Adamo e poi Eva;
2,13
NT greco καὶ Ἀδὰμ οὐκ ἠπατήθη, ἡ δὲ γυνὴ ⸀ἐξαπατηθεῖσα ἐν παραβάσει γέγονεν.
2,14 ἐξαπατηθεῖσα WH Treg NIV ] ἀπατηθεῖσα RP
CEI 2008 2,14 e non Adamo fu ingannato, ma chi si rese colpevole di trasgressione fu la donna, che si lasciò sedurre.
2,14
NT greco 2,15 σωθήσεται δὲ διὰ τῆς τεκνογονίας, ἐὰν μείνωσιν ἐν πίστει καὶ ἀγάπῃ καὶ ἁγιασμῷ μετὰ σωφροσύνης.
CEI 2008 Ora lei sarà salvata partorendo figli, a condizione di perseverare nella fede, nella carità e nella santificazione, con saggezza.


2,15 Il compito di madre e educatrice dei figli è proposto come condizione di salvezza per la donna, in quanto i falsi maestri condannano invece il matrimonio e la procreazione (4,3).