Dimensioni del testo

Carattere

Stai leggendo

GRECO_NT

NT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
10
11
12
13
14
15
16

1 Corinzi

NT greco Torna al libro

CEI 2008 Vai al libro

NT greco 3 Κἀγώ, ἀδελφοί, οὐκ ἠδυνήθην ⸂λαλῆσαι ὑμῖν⸃ ὡς πνευματικοῖς ἀλλ’ ὡς ⸀σαρκίνοις, ὡς νηπίοις ἐν Χριστῷ.
3,1 λαλῆσαι ὑμῖν WH Treg NIV ] ὑμῖν λαλῆσαι RP • σαρκίνοις WH Treg NIV ] σαρκικοῖς RP
CEI 2008 Io, fratelli, sinora non ho potuto parlare a voi come a esseri spirituali, ma carnali, come a neonati in Cristo.
3,1-17 Era Dio che faceva crescere
NT greco γάλα ὑμᾶς ἐπότισα, ⸀οὐ βρῶμα, οὔπω γὰρ ἐδύνασθε. ἀλλ’ ⸀οὐδὲ ἔτι νῦν δύνασθε,
3,2 οὐ WH Treg NIV ] καὶ οὐ RP • οὐδὲ WH Treg NIV ] οὖτε RP
CEI 2008 Vi ho dato da bere latte, non cibo solido, perché non ne eravate ancora capaci. E neanche ora lo siete,
3,2 Il latte indica l’insegnamento cristiano elementare (vedi Eb 5,11-12; 1Pt 2,2).
NT greco ἔτι γὰρ σαρκικοί ἐστε. ὅπου γὰρ ἐν ὑμῖν ζῆλος καὶ ⸀ἔρις, οὐχὶ σαρκικοί ἐστε καὶ κατὰ ἄνθρωπον περιπατεῖτε;
3,3 ἔρις WH Treg NIV ] + καὶ διχοστασίαι RP
CEI 2008 3,3 perché siete ancora carnali. Dal momento che vi sono tra voi invidia e discordia, non siete forse carnali e non vi comportate in maniera umana?
3,3
NT greco ὅταν γὰρ λέγῃ τις· Ἐγὼ μέν εἰμι Παύλου, ἕτερος δέ· Ἐγὼ Ἀπολλῶ, ⸂οὐκ ἄνθρωποί⸃ ἐστε;
3,4 οὐκ ἄνθρωποί WH Treg NIV ] οὐχὶ σαρκικοί RP
CEI 2008 3,4 Quando uno dice: "Io sono di Paolo", e un altro: "Io sono di Apollo", non vi dimostrate semplicemente uomini?
3,4
NT greco ⸀Τί οὖν ἐστιν ⸂Ἀπολλῶς; τί δέ ἐστιν Παῦλος⸃; ⸀διάκονοι δι’ ὧν ἐπιστεύσατε, καὶ ἑκάστῳ ὡς ὁ κύριος ἔδωκεν.
3,5 Τί WH Treg NIV ] Τίς RP • Ἀπολλῶς τί δέ ἐστιν Παῦλος WH Treg NIV] Παῦλος τίς δὲ Ἀπολλώς RP • διάκονοι WH Treg NIV ] ἀλλ᾽ ἢ διάκονοι RP
CEI 2008 3,5 Ma che cosa è mai Apollo? Che cosa è Paolo? Servitori, attraverso i quali siete venuti alla fede, e ciascuno come il Signore gli ha concesso.
3,5
NT greco 3,6 ἐγὼ ἐφύτευσα, Ἀπολλῶς ἐπότισεν, ἀλλὰ ὁ θεὸς ηὔξανεν·
CEI 2008 3,6 Io ho piantato, Apollo ha irrigato, ma era Dio che faceva crescere.
3,6
NT greco 3,7 ὥστε οὔτε ὁ φυτεύων ἐστίν τι οὔτε ὁ ποτίζων, ἀλλ’ ὁ αὐξάνων θεός.
CEI 2008 3,7 Sicché, né chi pianta né chi irriga vale qualcosa, ma solo Dio, che fa crescere.
3,7
NT greco 3,8 ὁ φυτεύων δὲ καὶ ὁ ποτίζων ἕν εἰσιν, ἕκαστος δὲ τὸν ἴδιον μισθὸν λήμψεται κατὰ τὸν ἴδιον κόπον,
CEI 2008 3,8 Chi pianta e chi irriga sono una medesima cosa: ciascuno riceverà la propria ricompensa secondo il proprio lavoro.
3,8
NT greco 3,9 θεοῦ γάρ ἐσμεν συνεργοί· θεοῦ γεώργιον, θεοῦ οἰκοδομή ἐστε.
CEI 2008 Siamo infatti collaboratori di Dio, e voi siete campo di Dio, edificio di Dio.
3,9 La fede cristiana matura è incompatibile con le divisioni nella comunità. I predicatori del Vangelo sono soltanto servi e collaboratori di Dio, per predisporre il terreno dove egli fa crescere la pianta della fede. I credenti sono il campo e l'edificio di Dio.
NT greco Κατὰ τὴν χάριν τοῦ θεοῦ τὴν δοθεῖσάν μοι ὡς σοφὸς ἀρχιτέκτων θεμέλιον ⸀ἔθηκα, ἄλλος δὲ ἐποικοδομεῖ. ἕκαστος δὲ βλεπέτω πῶς ἐποικοδομεῖ·
3,10 ἔθηκα WH Treg NIV ] τέθεικα RP
CEI 2008 3,10 Secondo la grazia di Dio che mi è stata data, come un saggio architetto io ho posto il fondamento; un altro poi vi costruisce sopra. Ma ciascuno stia attento a come costruisce.
3,10
NT greco 3,11 θεμέλιον γὰρ ἄλλον οὐδεὶς δύναται θεῖναι παρὰ τὸν κείμενον, ὅς ἐστιν Ἰησοῦς Χριστός·
CEI 2008 3,11 Infatti nessuno può porre un fondamento diverso da quello che già vi si trova, che è Gesù Cristo.
3,11
NT greco εἰ δέ τις ἐποικοδομεῖ ἐπὶ τὸν ⸀θεμέλιον ⸂χρυσόν, ἄργυρον⸃, λίθους τιμίους, ξύλα, χόρτον, καλάμην,
3,12 θεμέλιον WH Treg NIV ] + τοῦτον RP • χρυσόν ἄργυρον WH NIV RP ] χρυσίον ἀργύριον Treg
CEI 2008 3,12 E se, sopra questo fondamento, si costruisce con oro, argento, pietre preziose, legno, fieno, paglia,
3,12
NT greco ἑκάστου τὸ ἔργον φανερὸν γενήσεται, ἡ γὰρ ἡμέρα δηλώσει· ὅτι ἐν πυρὶ ἀποκαλύπτεται, καὶ ἑκάστου τὸ ἔργον ὁποῖόν ἐστιν τὸ πῦρ ⸀αὐτὸ δοκιμάσει.
3,13 αὐτὸ WH Treg NA ] - NIV RP
CEI 2008 l'opera di ciascuno sarà ben visibile: infatti quel giorno la farà conoscere, perché con il fuoco si manifesterà, e il fuoco proverà la qualità dell'opera di ciascuno.
3,13 quel giorno: è il momento della manifestazione di Cristo, presentata con le immagini del linguaggio apocalittico (vedi 1,8-9).
NT greco 3,14 εἴ τινος τὸ ἔργον μενεῖ ὃ ἐποικοδόμησεν, μισθὸν λήμψεται·
CEI 2008 3,14 Se l'opera, che uno costruì sul fondamento, resisterà, costui ne riceverà una ricompensa.
3,14
NT greco 3,15 εἴ τινος τὸ ἔργον κατακαήσεται, ζημιωθήσεται, αὐτὸς δὲ σωθήσεται, οὕτως δὲ ὡς διὰ πυρός.
CEI 2008 3,15 Ma se l'opera di qualcuno finirà bruciata, quello sarà punito; tuttavia egli si salverà, però quasi passando attraverso il fuoco.
3,15
NT greco Οὐκ οἴδατε ὅτι ναὸς θεοῦ ἐστε καὶ τὸ πνεῦμα τοῦ θεοῦ ⸂οἰκεῖ ἐν ὑμῖν⸃;
3,16 οἰκεῖ ἐν ὑμῖν Treg NIV RP ] ἐν ὑμῖν οἰκεῖ WH
CEI 2008 Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?
3,16 La comunità dei credenti non è solo il campo e l’edificio di Dio, ma anche il tempio di Dio, perché vi abita il suo Spirito (6,19).
NT greco 3,17 εἴ τις τὸν ναὸν τοῦ θεοῦ φθείρει, φθερεῖ τοῦτον ὁ θεός· ὁ γὰρ ναὸς τοῦ θεοῦ ἅγιός ἐστιν, οἵτινές ἐστε ὑμεῖς.
CEI 2008 3,17 Se uno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui. Perché santo è il tempio di Dio, che siete voi.
3,17
NT greco 3,18 Μηδεὶς ἑαυτὸν ἐξαπατάτω· εἴ τις δοκεῖ σοφὸς εἶναι ἐν ὑμῖν ἐν τῷ αἰῶνι τούτῳ, μωρὸς γενέσθω, ἵνα γένηται σοφός,
CEI 2008 Nessuno si illuda. Se qualcuno tra voi si crede un sapiente in questo mondo, si faccia stolto per diventare sapiente,
3,18-23 Dio fa cadere i sapienti
NT greco 3,19 ἡ γὰρ σοφία τοῦ κόσμου τούτου μωρία παρὰ τῷ θεῷ ἐστιν· γέγραπται γάρ· Ὁ δρασσόμενος τοὺς σοφοὺς ἐν τῇ πανουργίᾳ αὐτῶν·
CEI 2008 perché la sapienza di questo mondo è stoltezza davanti a Dio. Sta scritto infatti: Egli fa cadere i sapienti per mezzo della loro astuzia.
3,19-20 Citazione di Gb 5,13 e Sal 94,11.
NT greco 3,20 καὶ πάλιν· Κύριος γινώσκει τοὺς διαλογισμοὺς τῶν σοφῶν ὅτι εἰσὶν μάταιοι.
CEI 2008 3,20 E ancora: Il Signore sa che i progetti dei sapienti sono vani.
3,20
NT greco 3,21 ὥστε μηδεὶς καυχάσθω ἐν ἀνθρώποις· πάντα γὰρ ὑμῶν ἐστιν,
CEI 2008 3,21 Quindi nessuno ponga il suo vanto negli uomini, perché tutto è vostro:
3,21
NT greco εἴτε Παῦλος εἴτε Ἀπολλῶς εἴτε Κηφᾶς εἴτε κόσμος εἴτε ζωὴ εἴτε θάνατος εἴτε ἐνεστῶτα εἴτε μέλλοντα, πάντα ⸀ὑμῶν,
3,22 ὑμῶν WH Treg NIV ] + ἐστιν RP
CEI 2008 3,22 Paolo, Apollo, Cefa, il mondo, la vita, la morte, il presente, il futuro: tutto è vostro!
3,22
NT greco 3,23 ὑμεῖς δὲ Χριστοῦ, Χριστὸς δὲ θεοῦ.
CEI 2008 3,23 Ma voi siete di Cristo e Cristo è di Dio.


3,23