Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14

Osea 1

Messaggio del Signore inviato a Osea, figlio di Beerì, durante i regni dei re di Giuda Ozia, Iotam, Acaz ed Ezechia, mentre Geroboamo, figlio di Ioas, era re d’Israele.
Rimandi
1,1 Ozia, Iotam, Acaz 2 Re 15-16.
Note al Testo
1,1 Giuda e Israele: indicano qui i due regni che si sono formati dopo la morte di Salomone (vedi 1 Re 12,16-20). — Geroboamo: è il secondo re d’Israele che porta questo nome; regnò dal 787 al 747 a.C. Il profeta Osea ha probabilmente iniziato la sua missione verso il 750 a.C.
Il matrimonio di Osea
Osea e la sua famiglia

Quando il Signore parlò per la prima volta a Osea gli disse: «Prendi per moglie una prostituta e avrai figli da una simile donna. Anche questa terra non fa che prostituirsi e si allontana da me, il Signore».
Rimandi Note al Testo
1,2 prostituirsi: Osea condanna l’infedeltà del popolo a Dio servendosi del linguaggio della prostituzione; seguendo i culti cananei di Baal e Astarte, il popolo tradiva il Signore; inoltre durante tali culti si praticava spesso la prostituzione sacra (vedi 4,12-14; Deuteronomio 23,18; Giudici 2,12-13; 3,7; Geremia 2,20; 3,1-2; 13,27).
3Osea sposò una donna di nome Gomer, figlia di Diblàim. Essa rimase incinta e partorì un figlio.
Allora il Signore disse a Osea: «Chiamalo Izreèl perché tra non molto tempo io domanderò conto ai discendenti di Ieu del sangue sparso nella pianura d’Izreèl: distruggerò la dinastia dei re d’Israele.
Note al Testo
1,4 pianura di Izreèl: qui Ieu assassinò Acab, re d’Israele, e tutta la sua famiglia; divenne così il primo re di una nuova dinastia (vedi 2 Re cc. 9-10); Geroboamo, di cui si parla nel nostro testo (v. 1), è un discendente di Ieu.
In quel tempo nella pianura d’Izreèl io annienterò la potenza militare d’Israele».
Rimandi
6Gomer rimase di nuovo incinta e partorì una figlia. Il Signore disse a Osea: «Chiamala “Non-amata” perché non amerò più il popolo d’Israele, non ne avrò più compassione.
Amerò invece il popolo di Giuda, e io, il Signore, li salverò. Non li salverò con la guerra, con l’arco, con la spada, con cavalli, oppure con cavalieri».
Rimandi
1,7 Giuda Os 4,15; 6,11; 8,14; 10,11; 12,13. — non con l’arco, con la spada e con cavalli Gs 24,12; Is 31,1; Zc 4,6; Sal 20,8; Prv 21,31.
8Quando la bambina fu svezzata, Gomer rimase incinta un’altra volta ed ebbe ancora un figlio.
Il Signore disse a Osea: «Chiamalo “Non-popolo-mio”, perché voi non siete il mio popolo e neppure io esisto per voi».
Rimandi
1,9 mio popolo Os 2,25; Ger 31,33.
Note al Testo
1,9 neppure io esisto per voi: altri: per voi non sono. Il verbo allude qui al nome divino YHWH, che in Esodo 3,14 viene spiegato in base al verbo essere: si afferma quindi che egli “non è” più colui che si rivela a Israele e lo protegge.

Rimandi

1,1 Ozia, Iotam, Acaz 2 Re 15-16.
1,7 Giuda Os 4,15; 6,11; 8,14; 10,11; 12,13. — non con l’arco, con la spada e con cavalli Gs 24,12; Is 31,1; Zc 4,6; Sal 20,8; Prv 21,31.
1,9 mio popolo Os 2,25; Ger 31,33.

Note al Testo

1,1 Giuda e Israele: indicano qui i due regni che si sono formati dopo la morte di Salomone (vedi 1 Re 12,16-20). — Geroboamo: è il secondo re d’Israele che porta questo nome; regnò dal 787 al 747 a.C. Il profeta Osea ha probabilmente iniziato la sua missione verso il 750 a.C.
1,2 prostituirsi: Osea condanna l’infedeltà del popolo a Dio servendosi del linguaggio della prostituzione; seguendo i culti cananei di Baal e Astarte, il popolo tradiva il Signore; inoltre durante tali culti si praticava spesso la prostituzione sacra (vedi 4,12-14; Deuteronomio 23,18; Giudici 2,12-13; 3,7; Geremia 2,20; 3,1-2; 13,27).
1,4 pianura di Izreèl: qui Ieu assassinò Acab, re d’Israele, e tutta la sua famiglia; divenne così il primo re di una nuova dinastia (vedi 2 Re cc. 9-10); Geroboamo, di cui si parla nel nostro testo (v. 1), è un discendente di Ieu.
1,9 neppure io esisto per voi: altri: per voi non sono. Il verbo allude qui al nome divino YHWH, che in Esodo 3,14 viene spiegato in base al verbo essere: si afferma quindi che egli “non è” più colui che si rivela a Israele e lo protegge.