Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

1 Samuele

1 A Ramatàim dei Suffiti, una città della regione montuosa di Èfraim, viveva un uomo che si chiamava Elkana. Apparteneva alla tribù di Èfraim e al gruppo di famiglie di Suf; era discendente di Ierocàm, Eliu, Tocu e Suf.
Rimandi Note al Testo
1,1 Ramatàim: è la stessa città chiamata Rama al v. 11. Per la sua identificazione sono state proposte varie località. — tribù di Èfraim: la parola ebraica, così tradotta, può anche voler dire: gruppo di Èfrata.
Aveva due mogli: Anna e Peninnà. Peninnà aveva figli, Anna invece non ne aveva.
Rimandi
1,2 Anna non aveva figli Gn 29,31.
Note al Testo
Ogni anno Elkana partiva dalla sua città e andava al santuario di Silo per adorare il Signore dell’universo, e offrirgli sacrifici. In quel santuario erano sacerdoti i due figli di Eli: Ofni e Finees.
Rimandi
1,3 ogni anno Es 23,17+. — Silo Gdc 1,19-23.
Note al Testo
1,3 Silo: località a circa 30 km a nord di Gerusalemme. Per Israele era il più importante centro religioso, perché lì c’era l’arca dell’alleanza (vedi Giosuè 18,1-10).
Un giorno Elkana andò a offrire il sacrificio. Egli aveva l’abitudine di dare a Peninnà e a ciascuno dei suoi figli un pezzo dell’animale sacrificato.
Rimandi
1,4 un pezzo Dt 12,18.
Note al Testo
Ad Anna, però, dava un pezzo speciale, perché l’amava molto, anche se il Signore non le aveva concesso di avere figli.
Rimandi Note al Testo
1,5 un pezzo speciale: testo ebraico per noi oscuro. Altra traduzione possibile: un pezzo solo, però….
Peninnà, invece, sua rivale, tormentava continuamente Anna e la umiliava proprio perché era sterile.
Rimandi
1,6 la umiliava Gn 16,4-6.
Note al Testo
7 Così, ogni anno, quando Anna si recava al santuario del Signore il marito faceva così e Peninnà tormentava la rivale. Quel giorno Anna si mise a piangere e non voleva mangiare.
Rimandi Note al Testo
Suo marito le disse: «Anna, perché piangi e non vuoi mangiare? Perché sei così triste? Io, per te, non conto più di dieci figli?».
Rimandi
1,8 dieci figli Rt 4,15.
Note al Testo
9 Alla fine del banchetto sacro nel santuario del Signore a Silo, Anna si alzò. In quel momento il sacerdote Eli era seduto sulla sua seggiola all’ingresso del santuario.
Rimandi Note al Testo
10 Anna era molto triste: pregò il Signore piangendo amaramente.
Rimandi Note al Testo
Fece al Signore questa solenne promessa: «Signore dell’universo, guarda la mia miseria! Ricordati di me che sono la tua serva, non abbandonarmi! Se mi darai un figlio, ti prometto di consacrarlo per sempre al tuo servizio: i suoi capelli non verranno mai tagliati».
Rimandi
1,11 la mia miseria Lc 1,48.
Note al Testo
1,11 mai tagliati: questo è il segno che il bambino era consacrato al servizio del Signore, come nazireo (vedi Numeri 6,2-5 e nota).
12 Anna continuò a pregare il Signore per molto tempo, mentre Eli la guardava.
Rimandi Note al Testo
Anna pregava in silenzio: muoveva le labbra ma la sua voce non si sentiva. Per questo Eli la prese per ubriaca
Rimandi
1,13 ubriaca At 2,13-15.
Note al Testo
14 e le disse: — Per quanto tempo ancora sarai ubriaca? Vai a smaltire il tuo vino!
Rimandi Note al Testo
15 — Non ho bevuto né vino né bevande forti, — rispose Anna; — sono soltanto una donna infelice che ha aperto il cuore al Signore.
Rimandi Note al Testo
16 Non considerarmi una donna da poco: ho pregato così a lungo per la tristezza e l’umiliazione.
Rimandi Note al Testo
17 Allora Eli le disse: — Va’ in pace! Che il Dio d’Israele ti conceda quel che gli hai domandato.
Rimandi Note al Testo
18 — E tu, — rispose Anna, — ti prego, sii ben disposto nei miei confronti. Poi se ne andò, e, finalmente, prese un po’ di cibo: la tristezza era scomparsa dal suo volto.
Rimandi Note al Testo
19 Il giorno dopo Elkana e la sua famiglia si alzarono di buon mattino, si inchinarono davanti al Signore e fecero ritorno alla loro casa, a Rama. Elkana si unì a sua moglie Anna, e il Signore esaudì la preghiera che la donna aveva fatto.
Rimandi Note al Testo
Anna restò incinta e, a suo tempo, diede alla luce un figlio. Lo chiamò Samuele, «perché — diceva — l’ho domandato al Signore».
Rimandi Note al Testo
1,20 domandato: in ebraico vi è una certa assonanza tra questo verbo e il nome Samuele.
In seguito Elkana si recò di nuovo con tutta la famiglia a Silo, per offrire al Signore il sacrificio annuale e il sacrificio di ringraziamento che gli aveva promesso.
Rimandi
1,21 promesso Nm 30,14.
Note al Testo
1,21 il sacrificio di ringraziamento che gli aveva promesso: altri: e per adempiere il suo voto (vedi Levitico 7,16).
22 Questa volta Anna non lo accompagnò, ma gli disse: — Quando il bambino sarà svezzato, allora lo porterò io al santuario, e sarà presentato davanti al Signore; poi rimarrà là per sempre.
Rimandi Note al Testo
23 — Fa’ come ti sembra giusto, — rispose Elkana; — resta pure a casa fino a quando avrai svezzato il bambino. E speriamo che il Signore adempia la sua parola. Così Anna rimase a casa e allattò suo figlio fino al tempo dello svezzamento.
Rimandi Note al Testo
Subito dopo portò il bambino, ancora piccolo, al santuario del Signore a Silo. Prese con sé un vitello di tre anni, un sacco di farina e un otre di vino.
Rimandi
1,24 vitello, farina, vino Nm 15,8-10.
Note al Testo
1,24 vitello di tre anni: così secondo le antiche traduzioni e come suggerito dal versetto seguente. Altra traduzione possibile: tre vitelli.
25 Anna e suo marito offrirono il vitello in sacrificio, poi condussero il bambino da Eli.
Rimandi Note al Testo
26 Anna salutò Eli e gli disse: «Ti ricordi di me? Sono proprio quella donna che stava qui presso di te a pregare il Signore.
Rimandi Note al Testo
27 Ho pregato per avere questo figlio e il Signore mi ha ascoltato.
Rimandi Note al Testo
28 Ora io voglio offrirlo al Signore: per tutta la vita apparterrà a lui». Poi s’inchinò davanti al Signore.
Rimandi Note al Testo

Rimandi

1,2Anna non aveva figli Gn 29,31.
1,3ogni anno Es 23,17+. — Silo Gdc 1,19-23.
1,4un pezzo Dt 12,18.
1,6la umiliava Gn 16,4-6.
1,8dieci figli Rt 4,15.
1,11la mia miseria Lc 1,48.
1,13ubriaca At 2,13-15.
1,21promesso Nm 30,14.
1,24vitello, farina, vino Nm 15,8-10.

Note al Testo

1,1Ramatàim: è la stessa città chiamata Rama al v. 11. Per la sua identificazione sono state proposte varie località. — tribù di Èfraim: la parola ebraica, così tradotta, può anche voler dire: gruppo di Èfrata.
1,3Silo: località a circa 30 km a nord di Gerusalemme. Per Israele era il più importante centro religioso, perché lì c’era l’arca dell’alleanza (vedi Giosuè 18,1-10).
1,5un pezzo speciale: testo ebraico per noi oscuro. Altra traduzione possibile: un pezzo solo, però….
1,11mai tagliati: questo è il segno che il bambino era consacrato al servizio del Signore, come nazireo (vedi Numeri 6,2-5 e nota).
1,20domandato: in ebraico vi è una certa assonanza tra questo verbo e il nome Samuele.
1,21il sacrificio di ringraziamento che gli aveva promesso: altri: e per adempiere il suo voto (vedi Levitico 7,16).
1,24vitello di tre anni: così secondo le antiche traduzioni e come suggerito dal versetto seguente. Altra traduzione possibile: tre vitelli.