Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Siracide

AT greco Torna al libro

Interconfessionale Vai al libro

AT greco 5 5,1 μὴ ἔπεχε ἐπὶ τοῖς χρήμασίν σου καὶ μὴ εἴπῃς αὐτάρκη μοί ἐστιν
Interconfessionale 5,1 Tre giorni dopo Ester si vestì da regina e si recò nel cortile interno della reggia, davanti all’appartamento reale. Il re era seduto sul trono di fronte alla porta d’ingresso.
AT greco 5,2 μὴ ἐξακολούθει τῇ ψυχῇ σου καὶ τῇ ἰσχύι σου πορεύεσθαι ἐν ἐπιθυμίαις καρδίας σου
Interconfessionale 5,2 Appena vide la regina Ester, in piedi nell’atrio, fu ben impressionato dalla sua presenza e stese verso di lei lo scettro d’oro. Ester si avvicinò e toccò la punta dello scettro.
AT greco 5,3 καὶ μὴ εἴπῃς τίς με δυναστεύσει ὁ γὰρ κύριος ἐκδικῶν ἐκδικήσει
Interconfessionale 5,3 Il re le disse: — Ester, mia regina, che desideri? Avrai quel che vuoi, fosse anche la metà del mio regno.
AT greco 5,4 μὴ εἴπῃς ἥμαρτον καὶ τί μοι ἐγένετο ὁ γὰρ κύριός ἐστιν μακρόθυμος
Interconfessionale 5,4 Essa rispose: — Ti prego di accettare l’invito al banchetto che oggi ho preparato per te e Aman.
AT greco 5,5 περὶ ἐξιλασμοῦ μὴ ἄφοβος γίνου προσθεῖναι ἁμαρτίαν ἐφ’ ἁμαρτίαις
Interconfessionale 5,5 Il re ordinò: — Avvertite subito Aman di prepararsi per l’invito di Ester. Così il re e Aman andarono al banchetto preparato da Ester.
AT greco 5,6 καὶ μὴ εἴπῃς ὁ οἰκτιρμὸς αὐτοῦ πολύς τὸ πλῆθος τῶν ἁμαρτιῶν μου ἐξιλάσεται ἔλεος γὰρ καὶ ὀργὴ παρ’ αὐτῷ καὶ ἐπὶ ἁμαρτωλοὺς καταπαύσει ὁ θυμὸς αὐτοῦ
Interconfessionale 5,6 Mentre si bevevano gli ultimi bicchieri di vino il re disse: — Ester, chiedi quel che vuoi e l’avrai! Qual è il tuo desiderio? Per farti contenta ti darei anche metà del mio regno!
AT greco 5,7 μὴ ἀνάμενε ἐπιστρέψαι πρὸς κύριον καὶ μὴ ὑπερβάλλου ἡμέραν ἐξ ἡμέρας ἐξάπινα γὰρ ἐξελεύσεται ὀργὴ κυρίου καὶ ἐν καιρῷ ἐκδικήσεως ἐξολῇ
Interconfessionale 5,7 Ma Ester rispose: — Che cosa posso chiedere?
AT greco 5,8 μὴ ἔπεχε ἐπὶ χρήμασιν ἀδίκοις οὐδὲν γὰρ ὠφελήσει σε ἐν ἡμέρᾳ ἐπαγωγῆς
Interconfessionale 5,8 Se vuoi farmi piacere, o mio re, se proprio vuoi accontentarmi, ebbene, domani tu e Aman tornate a banchetto da me. Ti dirò domani quel che desidero.
AT greco 5,9 μὴ λίκμα ἐν παντὶ ἀνέμῳ καὶ μὴ πορεύου ἐν πάσῃ ἀτραπῷ οὕτως ὁ ἁμαρτωλὸς ὁ δίγλωσσος
Interconfessionale 5,9 Quel giorno Aman uscì dal banchetto felice e soddisfatto; però quando alla porta della reggia vide che Mardocheo non si alzava per fargli l’inchino, andò su tutte le furie.
AT greco 5,10 ἴσθι ἐστηριγμένος ἐν συνέσει σου καὶ εἷς ἔστω σου ὁ λόγος
Interconfessionale 5,10 Tuttavia si controllò e andò a casa sua dove fece chiamare gli amici e sua moglie Zeres.
AT greco 5,11 γίνου ταχὺς ἐν ἀκροάσει σου καὶ ἐν μακροθυμίᾳ φθέγγου ἀπόκρισιν
Interconfessionale 5,11 Si vantò con loro della sua potenza e ricchezza, dei suoi molti figli e della carica che il re gli aveva dato sopra tutti i principi e funzionari.
AT greco 5,12 εἰ ἔστιν σοι σύνεσις ἀποκρίθητι τῷ πλησίον εἰ δὲ μή ἡ χείρ σου ἔστω ἐπὶ τῷ στόματί σου
Interconfessionale 5,12 E diceva: «Anche la regina Ester mi onora: al convito che ha appena offerto, insieme col re ha invitato solo me e domani siamo invitati di nuovo.
AT greco 5,13 δόξα καὶ ἀτιμία ἐν λαλιᾷ καὶ γλῶσσα ἀνθρώπου πτῶσις αὐτῷ
Interconfessionale 5,13 Ma tutto questo non conta più niente per me, quando vedo quell’Ebreo che resta seduto alla porta della reggia».
AT greco 5,14 μὴ κληθῇς ψίθυρος καὶ τῇ γλώσσῃ σου μὴ ἐνέδρευε ἐπὶ γὰρ τῷ κλέπτῃ ἐστὶν αἰσχύνη καὶ κατάγνωσις πονηρὰ ἐπὶ διγλώσσου
Interconfessionale 5,14 Sua moglie Zeres e gli amici gli dissero: «E tu fa piantare un palo alto venticinque metri e domani mattina di’ al re che vi faccia impiccare Mardocheo, così potrai andare contento al banchetto». Aman fu soddisfatto del consiglio e fece piantare il palo.
AT greco 5,15 ἐν μεγάλῳ καὶ ἐν μικρῷ μὴ ἀγνόει καὶ ἀντὶ φίλου μὴ γίνου ἐχθρός ὄνομα γὰρ πονηρὸν αἰσχύνην καὶ ὄνειδος κληρονομήσει οὕτως ὁ ἁμαρτωλὸς ὁ δίγλωσσος