Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22

Apocalisse

3 All'angelo della Chiesa che è a Sardi scrivi:
"Così parla Colui che possiede i sette spiriti di Dio e le sette stelle. Conosco le tue opere; ti si crede vivo, e sei morto.
3,1-6 Alla Chiesa di Sardi
3,1 La quinta lettera è indirizzata alla Chiesa di Sardi, centro a 50 chilometri a sud-est di Tiàtira. Il possesso dei sette spiriti e delle sette stelle da parte di Gesù, ne indica la divinità.
2 Sii vigilante, rinvigorisci ciò che rimane e sta per morire, perché non ho trovato perfette le tue opere davanti al mio Dio.
3,2
3 Ricorda dunque come hai ricevuto e ascoltato la Parola, custodiscila e convèrtiti perché, se non sarai vigilante, verrò come un ladro, senza che tu sappia a che ora io verrò da te.
3,3
Tuttavia a Sardi vi sono alcuni che non hanno macchiato le loro vesti; essi cammineranno con me in vesti bianche, perché ne sono degni.
3,4 Le vesti esprimono qualità spirituali; il bianco è simbolo del mondo celeste (Mt 28,3; Mc 9,3; At 1,10).
Il vincitore sarà vestito di bianche vesti; non cancellerò il suo nome dal libro della vita, ma lo riconoscerò davanti al Padre mio e davanti ai suoi angeli.
3,5 Il libro della vita nell’AT indica la partecipazione ai beni messianici (Es 32,32-33; Sal 69,29; Is 4,3). Per il riconoscimento di Cristo, vedi Mt 10,32; Lc 12,8.
6 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese".
3,6
All'angelo della Chiesa che è a Filadèlfia scrivi:
"Così parla il Santo, il Veritiero, Colui che ha la chiave di Davide: quando egli apre nessuno chiude e quando chiude nessuno apre.
3,7-13 Alla Chiesa di Filadèlfia
3,7 Sesta lettera, rivolta alla Chiesa di Filadèlfia, città a 45 chilometri a sud-est di Sardi. La chiave di Davide è Cristo, che ha potere supremo sulla Gerusalemme celeste; per il simbolo della chiave, vedi Is 22,22.
Conosco le tue opere. Ecco, ho aperto davanti a te una porta che nessuno può chiudere. Per quanto tu abbia poca forza, hai però custodito la mia parola e non hai rinnegato il mio nome.
3,8 La porta aperta è forse l’apostolato missionario (vedi 1Cor 16,9).
9 Ebbene, ti faccio dono di alcuni della sinagoga di Satana, che dicono di essere Giudei, ma mentiscono, perché non lo sono: li farò venire perché si prostrino ai tuoi piedi e sappiano che io ti ho amato.
3,9
Poiché hai custodito il mio invito alla perseveranza, anch'io ti custodirò nell'ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla prova gli abitanti della terra.
3,10 Gli abitanti della terra sono le nazioni idolatriche, ostili al regno di Dio (vedi cc. 8-9 e 15).
11 Vengo presto. Tieni saldo quello che hai, perché nessuno ti tolga la corona.
3,11
Il vincitore lo porrò come una colonna nel tempio del mio Dio e non ne uscirà mai più. Inciderò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, della nuova Gerusalemme che discende dal cielo, dal mio Dio, insieme al mio nome nuovo.
3,12 Questo nome nuovo è un nome di Cristo, forse il Verbo di Dio di 19,13.
13 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese".
3,13
All'angelo della Chiesa che è a Laodicèa scrivi:
"Così parla l'Amen, il Testimone degno di fede e veritiero, il Principio della creazione di Dio.
3,14-22 Alla Chiesa di Laodicèa
3,14 L’ultima lettera è indirizzata alla Chiesa di Laodicèa, città che si trovava a circa 200 chilometri a est di Èfeso. L'Amen è Cristo in quanto veritiero per eccellenza (2Cor 1,18-20); egli è anche il Principio della creazione (Gv 1,3).
15 Conosco le tue opere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo!
3,15
16 Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca.
3,16
17 Tu dici: Sono ricco, mi sono arricchito, non ho bisogno di nulla. Ma non sai di essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo.
3,17
18 Ti consiglio di comperare da me oro purificato dal fuoco per diventare ricco, e abiti bianchi per vestirti e perché non appaia la tua vergognosa nudità, e collirio per ungerti gli occhi e recuperare la vista.
3,18
19 Io, tutti quelli che amo, li rimprovero e li educo. Sii dunque zelante e convèrtiti.
3,19
20 Ecco: sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me.
3,20
21 Il vincitore lo farò sedere con me, sul mio trono, come anche io ho vinto e siedo con il Padre mio sul suo trono.
3,21
22 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese"".


3,22

Note nel testo

3,1-6Alla Chiesa di Sardi
3,1 La quinta lettera è indirizzata alla Chiesa di Sardi, centro a 50 chilometri a sud-est di Tiàtira. Il possesso dei sette spiriti e delle sette stelle da parte di Gesù, ne indica la divinità.
3,4Le vesti esprimono qualità spirituali; il bianco è simbolo del mondo celeste (Mt 28,3; Mc 9,3; At 1,10).
3,5Il libro della vita nell’AT indica la partecipazione ai beni messianici (Es 32,32-33; Sal 69,29; Is 4,3). Per il riconoscimento di Cristo, vedi Mt 10,32; Lc 12,8.
3,7-13Alla Chiesa di Filadèlfia
3,7 Sesta lettera, rivolta alla Chiesa di Filadèlfia, città a 45 chilometri a sud-est di Sardi. La chiave di Davide è Cristo, che ha potere supremo sulla Gerusalemme celeste; per il simbolo della chiave, vedi Is 22,22.
3,8La porta aperta è forse l’apostolato missionario (vedi 1Cor 16,9).
3,10Gli abitanti della terra sono le nazioni idolatriche, ostili al regno di Dio (vedi cc. 8-9 e 15).
3,12Questo nome nuovo è un nome di Cristo, forse il Verbo di Dio di 19,13.
3,14-22Alla Chiesa di Laodicèa
3,14 L’ultima lettera è indirizzata alla Chiesa di Laodicèa, città che si trovava a circa 200 chilometri a est di Èfeso. L'Amen è Cristo in quanto veritiero per eccellenza (2Cor 1,18-20); egli è anche il Principio della creazione (Gv 1,3).