Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Capitoli
1
2
3

2 Pietro

1 Simon Pietro, servo e apostolo di Gesù Cristo, a coloro ai quali il nostro Dio e salvatore Gesù Cristo, nella sua giustizia, ha dato il medesimo e prezioso dono della fede:
1,1 SALUTO (1,1-2)
2 grazia e pace siano concesse a voi in abbondanza mediante la conoscenza di Dio e di Gesù Signore nostro.
1,2
La sua potenza divina ci ha donato tutto quello che è necessario per una vita vissuta santamente, grazie alla conoscenza di colui che ci ha chiamati con la sua potenza e gloria.
1,3 VERI APOSTOLI, FALSI PROFETI (1,3-2,22)
1,3-11 Come vivere per entrare nel Regno
4 Con questo egli ci ha donato i beni grandissimi e preziosi a noi promessi, affinché per loro mezzo diventiate partecipi della natura divina, sfuggendo alla corruzione, che è nel mondo a causa della concupiscenza.
1,4
Per questo mettete ogni impegno per aggiungere alla vostra fede la virtù, alla virtù la conoscenza,
1,5-7 Il dono della conoscenza di Cristo e l’essere diventati partecipi della natura divina sono beni grandissimi, che vanno fatti fruttificare. L’esortazione fa leva sulla fede: su questa base della vita cristiana si elevano altre sette virtù, che hanno per culmine la carità.
6 alla conoscenza la temperanza, alla temperanza la pazienza, alla pazienza la pietà,
1,6
7 alla pietà l'amore fraterno, all'amore fraterno la carità.
1,7
8 Questi doni, presenti in voi e fatti crescere, non vi lasceranno inoperosi e senza frutto per la conoscenza del Signore nostro Gesù Cristo.
1,8
9 Chi invece non li possiede è cieco, incapace di vedere e di ricordare che è stato purificato dai suoi antichi peccati.
1,9
10 Quindi, fratelli, cercate di rendere sempre più salda la vostra chiamata e la scelta che Dio ha fatto di voi. Se farete questo non cadrete mai.
1,10
Così infatti vi sarà ampiamente aperto l'ingresso nel regno eterno del Signore nostro e salvatore Gesù Cristo.
1,11 l’ingresso nel regno eterno: è questo uno dei pochi passi del NT in cui il regno eterno, come traguardo finale della vita cristiana, viene identificato con il regno di Cristo (vedi anche Ef 5,5). Di solito è detto regno di Dio o del Padre.
Penso perciò di rammentarvi sempre queste cose, benché le sappiate e siate stabili nella verità che possedete.
1,12-21 Apostoli e testimoni di Cristo
13 Io credo giusto, finché vivo in questa tenda, di tenervi desti con le mie esortazioni,
1,13
14 sapendo che presto dovrò lasciare questa mia tenda, come mi ha fatto intendere anche il Signore nostro Gesù Cristo.
1,14
15 E procurerò che anche dopo la mia partenza voi abbiate a ricordarvi di queste cose.
1,15
16 Infatti, vi abbiamo fatto conoscere la potenza e la venuta del Signore nostro Gesù Cristo, non perché siamo andati dietro a favole artificiosamente inventate, ma perché siamo stati testimoni oculari della sua grandezza.
1,16
Egli infatti ricevette onore e gloria da Dio Padre, quando giunse a lui questa voce dalla maestosa gloria: "Questi è il Figlio mio, l'amato, nel quale ho posto il mio compiacimento".
1,17-19 La certezza della fede in Cristo e la legittima attesa della sua seconda venuta sono garantite da due autorevolissime testimonianze: quella del Padre, che sul monte della trasfigurazione proclamò Gesù il Figlio mio, l’amato, e quella dello Spirito, che parla dalle pagine dei profeti. Il passo di 1,17-18 è l’unico parallelo extra-evangelico al racconto della trasfigurazione (Mt 17,1-13, Mc 9,2-13; Lc 9,28-36).
18 Questa voce noi l'abbiamo udita discendere dal cielo mentre eravamo con lui sul santo monte.
1,18
E abbiamo anche, solidissima, la parola dei profeti, alla quale fate bene a volgere l'attenzione come a lampada che brilla in un luogo oscuro, finché non spunti il giorno e non sorga nei vostri cuori la stella del mattino.
1,19 La stella del mattino è Cristo stesso (Ap 2,28; 22,16).
20 Sappiate anzitutto questo: nessuna scrittura profetica va soggetta a privata spiegazione,
1,20
21 poiché non da volontà umana è mai venuta una profezia, ma mossi da Spirito Santo parlarono alcuni uomini da parte di Dio.


1,21

Note nel testo

1,1SALUTO (1,1-2)
1,3VERI APOSTOLI, FALSI PROFETI (1,3-2,22)
1,3-11 Come vivere per entrare nel Regno
1,5-7Il dono della conoscenza di Cristo e l’essere diventati partecipi della natura divina sono beni grandissimi, che vanno fatti fruttificare. L’esortazione fa leva sulla fede: su questa base della vita cristiana si elevano altre sette virtù, che hanno per culmine la carità.
1,11l’ingresso nel regno eterno: è questo uno dei pochi passi del NT in cui il regno eterno, come traguardo finale della vita cristiana, viene identificato con il regno di Cristo (vedi anche Ef 5,5). Di solito è detto regno di Dio o del Padre.
1,12-21Apostoli e testimoni di Cristo
1,17-19La certezza della fede in Cristo e la legittima attesa della sua seconda venuta sono garantite da due autorevolissime testimonianze: quella del Padre, che sul monte della trasfigurazione proclamò Gesù il Figlio mio, l’amato, e quella dello Spirito, che parla dalle pagine dei profeti. Il passo di 1,17-18 è l’unico parallelo extra-evangelico al racconto della trasfigurazione (Mt 17,1-13, Mc 9,2-13; Lc 9,28-36).
1,19La stella del mattino è Cristo stesso (Ap 2,28; 22,16).