Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Capitoli
1
2
3
4
5

1 Giovanni

4 Carissimi, non prestate fede ad ogni spirito, ma mettete alla prova gli spiriti, per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono venuti nel mondo.
4,1-6 I falsi profeti
In questo passo l’autore indica tre criteri per distinguere la verità e l’errore, il vero e il falso profeta, la fede vera e la fede falsa: credere nella realtà dell’incarnazione di Gesù Cristo, distanziarsi dal modo di pensare e di vivere del mondo, ascoltare l’apostolo e la comunità.
2 In questo potete riconoscere lo Spirito di Dio: ogni spirito che riconosce Gesù Cristo venuto nella carne, è da Dio;
4,2
3 ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell'anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo.
4,3
4 Voi siete da Dio, figlioli, e avete vinto costoro, perché colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo.
4,4
5 Essi sono del mondo, perciò insegnano cose del mondo e il mondo li ascolta.
4,5
6 Noi siamo da Dio: chi conosce Dio ascolta noi; chi non è da Dio non ci ascolta. Da questo noi distinguiamo lo spirito della verità e lo spirito dell'errore.
4,6
Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio.
4,7 DIO È AMORE (4,7-5,17)
4,7-21 Amiamoci gli uni gli altri
8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.
4,8
9 In questo si è manifestato l'amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui.
4,9
10 In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.
4,10
11 Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri.
4,11
Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l'amore di lui è perfetto in noi.
4,12 Non possiamo vedere Dio, come già si afferma nel prologo del vangelo di Giovanni (Gv 1,18). Lo possiamo incontrare però nell’amore fraterno e nel riconoscimento che Gesù è il Figlio di Dio: cioè nella carità e nella fede.
13 In questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha donato il suo Spirito.
4,13
14 E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo.
4,14
15 Chiunque confessa che Gesù è il Figlio di Dio, Dio rimane in lui ed egli in Dio.
4,15
16 E noi abbiamo conosciuto e creduto l'amore che Dio ha in noi. Dio è amore; chi rimane nell'amore rimane in Dio e Dio rimane in lui.
4,16
17 In questo l'amore ha raggiunto tra noi la sua perfezione: che abbiamo fiducia nel giorno del giudizio, perché come è lui, così siamo anche noi, in questo mondo.
4,17
18 Nell'amore non c'è timore, al contrario l'amore perfetto scaccia il timore, perché il timore suppone un castigo e chi teme non è perfetto nell'amore.
4,18
19 Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo.
4,19
20 Se uno dice: "Io amo Dio" e odia suo fratello, è un bugiardo. Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede.
4,20
21 E questo è il comandamento che abbiamo da lui: chi ama Dio, ami anche suo fratello.


4,21

Note nel testo

4,1-6I falsi profeti
In questo passo l’autore indica tre criteri per distinguere la verità e l’errore, il vero e il falso profeta, la fede vera e la fede falsa: credere nella realtà dell’incarnazione di Gesù Cristo, distanziarsi dal modo di pensare e di vivere del mondo, ascoltare l’apostolo e la comunità.
4,7DIO È AMORE (4,7-5,17)
4,7-21 Amiamoci gli uni gli altri
4,12Non possiamo vedere Dio, come già si afferma nel prologo del vangelo di Giovanni (Gv 1,18). Lo possiamo incontrare però nell’amore fraterno e nel riconoscimento che Gesù è il Figlio di Dio: cioè nella carità e nella fede.