Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Siracide

30 Chi ama il proprio figlio usa spesso la frusta per lui,
per gioire di lui alla fine.
30,1

30,5b NVg (30,5c) aggiunge: né prova vergogna di fronte ai nemici
30,19c NVg (30,20b) aggiunge: facendogli portare il peso della sua malvagità
30,20c NVg omette.
30,22a NVg (30,23b) aggiunge: e un tesoro inesauribile di santità


30,1-13 L’educazione dei figli
30,1-13 Nella società antica patriarcale, di cui si adottano i criteri educativi, molto diversi dai nostri, il figlio veniva educato con grande severità (vedi vv. 7-13).
2 Chi corregge il proprio figlio ne trarrà vantaggio
e se ne potrà vantare con i suoi conoscenti.
30,2
3 Chi istruisce il proprio figlio rende geloso il nemico
e davanti agli amici si rallegra.
30,3
4 Muore il padre? È come se non morisse,
perché dopo di sé lascia uno che gli è simile.
30,4
5 Durante la vita egli gioisce nel contemplarlo,
in punto di morte non prova dolore.
30,5
6 Per i nemici lascia un vendicatore,
per gli amici uno che sa ricompensarli.
30,6
7 Chi accarezza un figlio ne fascerà poi le ferite,
a ogni grido il suo cuore sarà sconvolto.
30,7
8 Un cavallo non domato diventa caparbio,
un figlio lasciato a se stesso diventa testardo.
30,8
9 Vezzeggia il figlio ed egli ti riserverà delle sorprese,
scherza con lui, ti procurerà dispiaceri.
30,9
10 Non ridere con lui per non doverti rattristare,
e non debba alla fine digrignare i denti.
30,10
11 Non concedergli libertà in gioventù,
non prendere alla leggera i suoi errori.
30,11
12 Piegagli il collo quando è giovane,
e battigli i fianchi finché è fanciullo,
perché poi intestardito non ti disobbedisca
e tu ne abbia un profondo dolore.
30,12
Educa tuo figlio e prenditi cura di lui,
così non dovrai sopportare la sua insolenza.

30,13 a Il testo ebraico reca: “Correggi tuo figlio e rendi pesante il suo giogo”.
14 Meglio un povero di aspetto sano e forte
che un ricco malato nel suo corpo.
30,14
15 Salute e vigore valgono più di tutto l'oro,
un corpo robusto più di un'immensa fortuna.

30,15
16 Non c'è ricchezza superiore alla salute del corpo
e non c'è felicità più grande della gioia del cuore.
30,16
17 Meglio la morte che una vita amara,
il riposo eterno che una malattia cronica.
30,17
Cose buone versate su una bocca chiusa
sono come cibi deposti sopra una tomba.
30,14-20 Il bene della salute
30,18b Il testo ebraico reca: “sono come cibi deposti davanti a un idolo”.
19 A che serve all'idolo l'offerta di frutti?
Esso non mangia né sente il profumo;
così è per colui che il Signore perséguita.
30,19
20 Egli guarda con gli occhi e geme,
come un eunuco che abbraccia una vergine e geme:
così è per colui che fa giustizia con violenza.
30,20
Non darti in balìa della tristezza
e non tormentarti con i tuoi pensieri.
30,21-25 Ansietà e gioia
22 La gioia del cuore è la vita dell'uomo,
l'allegria dell'uomo è lunga vita.
30,22
23 Distraiti e consola il tuo cuore,
tieni lontana la profonda tristezza,
perché la tristezza ha rovinato molti
e in essa non c'è alcun vantaggio.
30,23
24 Gelosia e ira accorciano i giorni,
le preoccupazioni anticipano la vecchiaia.
30,24
Un cuore limpido e sereno si accontenta dei cibi
e gusta tutto quello che mangia.


30,25 a Il testo ebraico reca: “Il sonno di un cuore sereno è per lui come un cibo succulento”.

Note nel testo

30,1

30,5b NVg (30,5c) aggiunge: né prova vergogna di fronte ai nemici
30,19c NVg (30,20b) aggiunge: facendogli portare il peso della sua malvagità
30,20c NVg omette.
30,22a NVg (30,23b) aggiunge: e un tesoro inesauribile di santità


30,1-13 L’educazione dei figli
30,1-13 Nella società antica patriarcale, di cui si adottano i criteri educativi, molto diversi dai nostri, il figlio veniva educato con grande severità (vedi vv. 7-13).
30,13a Il testo ebraico reca: “Correggi tuo figlio e rendi pesante il suo giogo”.
30,14-20Il bene della salute
30,18b Il testo ebraico reca: “sono come cibi deposti davanti a un idolo”.
30,21-25Ansietà e gioia
30,25a Il testo ebraico reca: “Il sonno di un cuore sereno è per lui come un cibo succulento”.