Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Salmi

SALMO 119 (118)(119,1-119,1 )MEDITAZIONE SULLA LEGGE DEL SIGNORE(119,1-119,1 )Alef
119 Beato chi è integro nella sua via
e cammina nella legge del Signore.

119,1 La più estesa composizione del Salterio è racchiusa in queste 22 strofe, quante sono le lettere dell’alfabeto ebraico, le quali, nel loro ordine di successione, contraddistinguono le singole strofe e le iniziali dei singoli versetti che le compongono (ognuna delle 22 strofe è formata da otto versetti). L’uso di questa tecnica compositiva probabilmente aveva lo scopo di favorire, nel fedele, l’apprendimento mnemonico (vedi anche nota a Sal 9). La legge non è intesa come un insieme di prescrizioni, ma come la rivelazione che Dio fa di se stesso e della sua volontà, come la parola di Dio che illumina e salva, alimenta e guida tutta l’esistenza dell’uomo. Ciò spiega la varietà dei vocaboli usati per designare quella realtà così profonda che il termine legge esprime: insegnamenti, decreti, comandi, giusti giudizi, promessa, precetti, parole, ordini, comandamenti, via, via della giustizia, alleanza, giudizi.
2 Beato chi custodisce i suoi insegnamenti
e lo cerca con tutto il cuore.

119,2
3 Non commette certo ingiustizie
e cammina nelle sue vie.

119,3
4 Tu hai promulgato i tuoi precetti
perché siano osservati interamente.

119,4
5 Siano stabili le mie vie
nel custodire i tuoi decreti.

119,5
6 Non dovrò allora vergognarmi,
se avrò considerato tutti i tuoi comandi.

119,6
7 Ti loderò con cuore sincero,
quando avrò appreso i tuoi giusti giudizi.

119,7
8 Voglio osservare i tuoi decreti:
non abbandonarmi mai.

119,8
Bet 9 Come potrà un giovane tenere pura la sua via?
Osservando la tua parola.

119,9
10 Con tutto il mio cuore ti cerco:
non lasciarmi deviare dai tuoi comandi.

119,10
11 Ripongo nel cuore la tua promessa
per non peccare contro di te.

119,11
12 Benedetto sei tu, Signore:
insegnami i tuoi decreti.

119,12
13 Con le mie labbra ho raccontato
tutti i giudizi della tua bocca.

119,13
14 Nella via dei tuoi insegnamenti è la mia gioia,
più che in tutte le ricchezze.

119,14
15 Voglio meditare i tuoi precetti,
considerare le tue vie.

119,15
16 Nei tuoi decreti è la mia delizia,
non dimenticherò la tua parola.
119,16
Ghimel 17 Sii benevolo con il tuo servo e avrò vita,
osserverò la tua parola.

119,17
18 Aprimi gli occhi perché io consideri
le meraviglie della tua legge.

119,18
19 Forestiero sono qui sulla terra:
non nascondermi i tuoi comandi.

119,19
20 Io mi consumo nel desiderio
dei tuoi giudizi in ogni momento.

119,20
21 Tu minacci gli orgogliosi, i maledetti,
che deviano dai tuoi comandi.

119,21
22 Allontana da me vergogna e disprezzo,
perché ho custodito i tuoi insegnamenti.

119,22
23 Anche se i potenti siedono e mi calunniano,
il tuo servo medita i tuoi decreti.

119,23
24 I tuoi insegnamenti sono la mia delizia:
sono essi i miei consiglieri.
119,24
Dalet 25 La mia vita è incollata alla polvere:
fammi vivere secondo la tua parola.

119,25
26 Ti ho manifestato le mie vie e tu mi hai risposto;
insegnami i tuoi decreti.

119,26
27 Fammi conoscere la via dei tuoi precetti
e mediterò le tue meraviglie.

119,27
28 Io piango lacrime di tristezza;
fammi rialzare secondo la tua parola.

119,28
29 Tieni lontana da me la via della menzogna,
donami la grazia della tua legge.

119,29
30 Ho scelto la via della fedeltà,
mi sono proposto i tuoi giudizi.

119,30
31 Ho aderito ai tuoi insegnamenti:
Signore, che io non debba vergognarmi.

119,31
32 Corro sulla via dei tuoi comandi,
perché hai allargato il mio cuore.
119,32
He 33 Insegnami, Signore, la via dei tuoi decreti
e la custodirò sino alla fine.

119,33
34 Dammi intelligenza, perché io custodisca la tua legge
e la osservi con tutto il cuore.

119,34
35 Guidami sul sentiero dei tuoi comandi,
perché in essi è la mia felicità.

119,35
36 Piega il mio cuore verso i tuoi insegnamenti
e non verso il guadagno.

119,36
37 Distogli i miei occhi dal guardare cose vane,
fammi vivere nella tua via.

119,37
38 Con il tuo servo mantieni la tua promessa,
perché di te si abbia timore.

119,38
39 Allontana l'insulto che mi sgomenta,
poiché i tuoi giudizi sono buoni.

119,39
40 Ecco, desidero i tuoi precetti:
fammi vivere nella tua giustizia.
119,40
Vau 41 Venga a me, Signore, il tuo amore,
la tua salvezza secondo la tua promessa.

119,41
42 A chi mi insulta darò una risposta,
perché ho fiducia nella tua parola.

119,42
43 Non togliere dalla mia bocca la parola vera,
perché spero nei tuoi giudizi.

119,43
44 Osserverò continuamente la tua legge,
in eterno, per sempre.

119,44
45 Camminerò in un luogo spazioso,
perché ho ricercato i tuoi precetti.

119,45
46 Davanti ai re parlerò dei tuoi insegnamenti
e non dovrò vergognarmi.

119,46
47 La mia delizia sarà nei tuoi comandi,
che io amo.

119,47
Alzerò le mani verso i tuoi comandi che amo,
mediterò i tuoi decreti.
119,48 Alzerò le mani: gesto di preghiera.
Zain 49 Ricòrdati della parola detta al tuo servo,
con la quale mi hai dato speranza.

119,49
50 Questo mi consola nella mia miseria:
la tua promessa mi fa vivere.

119,50
51 Gli orgogliosi mi insultano aspramente,
ma io non mi allontano dalla tua legge.

119,51
52 Ricordo i tuoi eterni giudizi, o Signore,
e ne sono consolato.

119,52
53 Mi ha invaso il furore contro i malvagi
che abbandonano la tua legge.

119,53
54 I tuoi decreti sono il mio canto
nella dimora del mio esilio.

119,54
55 Nella notte ricordo il tuo nome, Signore,
e osservo la tua legge.

119,55
56 Tutto questo mi accade
perché ho custodito i tuoi precetti.
119,56
Het 57 La mia parte è il Signore:
ho deciso di osservare le tue parole.

119,57
58 Con tutto il cuore ho placato il tuo volto:
abbi pietà di me secondo la tua promessa.

119,58
59 Ho esaminato le mie vie,
ho rivolto i miei piedi verso i tuoi insegnamenti.

119,59
60 Mi affretto e non voglio tardare
a osservare i tuoi comandi.

119,60
61 I lacci dei malvagi mi hanno avvolto:
non ho dimenticato la tua legge.

119,61
62 Nel cuore della notte mi alzo a renderti grazie
per i tuoi giusti giudizi.

119,62
63 Sono amico di coloro che ti temono
e osservano i tuoi precetti.

119,63
64 Del tuo amore, Signore, è piena la terra;
insegnami i tuoi decreti.
119,64
Tet 65 Hai fatto del bene al tuo servo,
secondo la tua parola, Signore.

119,65
66 Insegnami il gusto del bene e la conoscenza,
perché ho fiducia nei tuoi comandi.

119,66
67 Prima di essere umiliato andavo errando,
ma ora osservo la tua promessa.

119,67
68 Tu sei buono e fai il bene:
insegnami i tuoi decreti.

119,68
69 Gli orgogliosi mi hanno coperto di menzogne,
ma io con tutto il cuore custodisco i tuoi precetti.

119,69
70 Insensibile come il grasso è il loro cuore:
nella tua legge io trovo la mia delizia.

119,70
71 Bene per me se sono stato umiliato,
perché impari i tuoi decreti.

119,71
72 Bene per me è la legge della tua bocca,
più di mille pezzi d'oro e d'argento.
119,72
Iod 73 Le tue mani mi hanno fatto e plasmato:
fammi capire e imparerò i tuoi comandi.

119,73
74 Quelli che ti temono al vedermi avranno gioia,
perché spero nella tua parola.

119,74
75 Signore, io so che i tuoi giudizi sono giusti
e con ragione mi hai umiliato.

119,75
76 Il tuo amore sia la mia consolazione,
secondo la promessa fatta al tuo servo.

119,76
77 Venga a me la tua misericordia e io avrò vita,
perché la tua legge è la mia delizia.

119,77
78 Si vergognino gli orgogliosi che mi opprimono con menzogne:
io mediterò i tuoi precetti.

119,78
79 Si volgano a me quelli che ti temono
e che conoscono i tuoi insegnamenti.

119,79
80 Sia integro il mio cuore nei tuoi decreti,
perché non debba vergognarmi.
119,80
Caf 81 Mi consumo nell'attesa della tua salvezza,
spero nella tua parola.

119,81
82 Si consumano i miei occhi per la tua promessa,
dicendo: "Quando mi darai conforto?".

119,82
Io sono come un otre esposto al fumo,
non dimentico i tuoi decreti.

119,83 come un otre esposto al fumo: probabilmente l’immagine si riferisce agli otri appesi che si deterioravano per il fumo che saliva dal focolare.
84 Quanti saranno i giorni del tuo servo?
Quando terrai il giudizio contro i miei persecutori?

119,84
85 Mi hanno scavato fosse gli orgogliosi,
che non seguono la tua legge.

119,85
86 Fedeli sono tutti i tuoi comandi.
A torto mi perseguitano: vieni in mio aiuto!

119,86
87 Per poco non mi hanno fatto sparire dalla terra,
ma io non ho abbandonato i tuoi precetti.

119,87
88 Secondo il tuo amore fammi vivere
e osserverò l'insegnamento della tua bocca.
119,88
Lamed 89 Per sempre, o Signore,
la tua parola è stabile nei cieli.

119,89
90 La tua fedeltà di generazione in generazione;
hai fondato la terra ed essa è salda.

119,90
91 Per i tuoi giudizi tutto è stabile fino ad oggi,
perché ogni cosa è al tuo servizio.

119,91
92 Se la tua legge non fosse la mia delizia,
davvero morirei nella mia miseria.

119,92
93 Mai dimenticherò i tuoi precetti,
perché con essi tu mi fai vivere.

119,93
94 Io sono tuo: salvami,
perché ho ricercato i tuoi precetti.

119,94
95 I malvagi sperano di rovinarmi;
io presto attenzione ai tuoi insegnamenti.

119,95
96 Di ogni cosa perfetta ho visto il confine:
l'ampiezza dei tuoi comandi è infinita.
119,96
Mem 97 Quanto amo la tua legge!
La medito tutto il giorno.

119,97
98 Il tuo comando mi fa più saggio dei miei nemici,
perché esso è sempre con me.

119,98
99 Sono più saggio di tutti i miei maestri,
perché medito i tuoi insegnamenti.

119,99
100 Ho più intelligenza degli anziani,
perché custodisco i tuoi precetti.

119,100
101 Tengo lontani i miei piedi da ogni cattivo sentiero,
per osservare la tua parola.

119,101
102 Non mi allontano dai tuoi giudizi,
perché sei tu a istruirmi.

119,102
103 Quanto sono dolci al mio palato le tue promesse,
più del miele per la mia bocca.

119,103
104 I tuoi precetti mi danno intelligenza,
perciò odio ogni falso sentiero.

119,104
Nun 105 Lampada per i miei passi è la tua parola,
luce sul mio cammino.

119,105
106 Ho giurato, e lo confermo,
di osservare i tuoi giusti giudizi.

119,106
107 Sono tanto umiliato, Signore:
dammi vita secondo la tua parola.

119,107
108 Signore, gradisci le offerte delle mie labbra,
insegnami i tuoi giudizi.

119,108
109 La mia vita è sempre in pericolo,
ma non dimentico la tua legge.

119,109
110 I malvagi mi hanno teso un tranello,
ma io non ho deviato dai tuoi precetti.

119,110
111 Mia eredità per sempre sono i tuoi insegnamenti,
perché sono essi la gioia del mio cuore.

119,111
112 Ho piegato il mio cuore a compiere i tuoi decreti,
in eterno, senza fine.

119,112
Samec 113 Odio chi ha il cuore diviso;
io invece amo la tua legge.

119,113
114 Tu sei mio rifugio e mio scudo:
spero nella tua parola.

119,114
115 Allontanatevi da me, o malvagi:
voglio custodire i comandi del mio Dio.

119,115
116 Sostienimi secondo la tua promessa e avrò vita,
non deludere la mia speranza.

119,116
117 Aiutami e sarò salvo,
non perderò mai di vista i tuoi decreti.

119,117
118 Tu disprezzi chi abbandona i tuoi decreti,
perché menzogne sono i suoi pensieri.

119,118
119 Tu consideri scorie tutti i malvagi della terra,
perciò amo i tuoi insegnamenti.

119,119
120 Per paura di te la mia pelle rabbrividisce:
io temo i tuoi giudizi.

119,120
Ain 121 Ho agito secondo giudizio e giustizia;
non abbandonarmi ai miei oppressori.

119,121
122 Assicura il bene al tuo servo;
non mi opprimano gli orgogliosi.

119,122
123 I miei occhi si consumano nell'attesa della tua salvezza
e per la promessa della tua giustizia.

119,123
124 Agisci con il tuo servo secondo il tuo amore
e insegnami i tuoi decreti.

119,124
125 Io sono tuo servo: fammi comprendere
e conoscerò i tuoi insegnamenti.

119,125
126 È tempo che tu agisca, Signore:
hanno infranto la tua legge.

119,126
127 Perciò amo i tuoi comandi,
più dell'oro, dell'oro più fino.

119,127
128 Per questo io considero retti tutti i tuoi precetti
e odio ogni falso sentiero.

119,128
Pe 129 Meravigliosi sono i tuoi insegnamenti:
per questo li custodisco.

119,129
130 La rivelazione delle tue parole illumina,
dona intelligenza ai semplici.

119,130
131 Apro anelante la mia bocca,
perché ho sete dei tuoi comandi.

119,131
132 Volgiti a me e abbi pietà,
con il giudizio che riservi a chi ama il tuo nome.

119,132
133 Rendi saldi i miei passi secondo la tua promessa
e non permettere che mi domini alcun male.

119,133
134 Riscattami dall'oppressione dell'uomo
e osserverò i tuoi precetti.

119,134
135 Fa' risplendere il tuo volto sul tuo servo
e insegnami i tuoi decreti.

119,135
136 Torrenti di lacrime scorrono dai miei occhi,
perché non si osserva la tua legge.

119,136
Sade 137 Tu sei giusto, Signore,
e retto nei tuoi giudizi.

119,137
138 Con giustizia hai promulgato i tuoi insegnamenti
e con grande fedeltà.

119,138
139 Uno zelo ardente mi consuma,
perché i miei avversari dimenticano le tue parole.

119,139
140 Limpida e pura è la tua promessa
e il tuo servo la ama.

119,140
141 Io sono piccolo e disprezzato:
non dimentico i tuoi precetti.

119,141
142 La tua giustizia è giustizia eterna
e la tua legge è verità.

119,142
143 Angoscia e affanno mi hanno colto:
i tuoi comandi sono la mia delizia.

119,143
144 Giustizia eterna sono i tuoi insegnamenti:
fammi comprendere e avrò la vita.

119,144
Kof 145 Invoco con tutto il cuore: Signore, rispondimi;
custodirò i tuoi decreti.

119,145
146 Io t'invoco: salvami
e osserverò i tuoi insegnamenti.

119,146
147 Precedo l'aurora e grido aiuto,
spero nelle tue parole.

119,147
148 I miei occhi precedono il mattino,
per meditare sulla tua promessa.

119,148
149 Ascolta la mia voce, secondo il tuo amore;
Signore, fammi vivere secondo il tuo giudizio.

119,149
150 Si avvicinano quelli che seguono il male:
sono lontani dalla tua legge.

119,150
151 Tu, Signore, sei vicino;
tutti i tuoi comandi sono verità.

119,151
152 Da tempo lo so: i tuoi insegnamenti
li hai stabiliti per sempre.

119,152
Res 153 Vedi la mia miseria e liberami,
perché non ho dimenticato la tua legge.

119,153
154 Difendi la mia causa e riscattami,
secondo la tua promessa fammi vivere.

119,154
155 Lontana dai malvagi è la salvezza,
perché essi non ricercano i tuoi decreti.

119,155
156 Grande è la tua tenerezza, Signore:
fammi vivere secondo i tuoi giudizi.

119,156
157 Molti mi perseguitano e mi affliggono,
ma io non abbandono i tuoi insegnamenti.

119,157
158 Ho visto i traditori e ne ho provato ribrezzo,
perché non osservano la tua promessa.

119,158
159 Vedi che io amo i tuoi precetti:
Signore, secondo il tuo amore dammi vita.

119,159
160 La verità è fondamento della tua parola,
ogni tuo giusto giudizio dura in eterno.

119,160
Sin 161 I potenti mi perseguitano senza motivo,
ma il mio cuore teme solo le tue parole.

119,161
162 Io gioisco per la tua promessa,
come chi trova un grande bottino.

119,162
163 Odio la menzogna e la detesto,
amo la tua legge.

119,163
Sette volte al giorno io ti lodo,
per i tuoi giusti giudizi.

119,164 Sette: simbolo di pienezza; denota qui una preghiera intensa e continua.
165 Grande pace per chi ama la tua legge:
nel suo cammino non trova inciampo.

119,165
166 Aspetto da te la salvezza, Signore,
e metto in pratica i tuoi comandi.

119,166
167 Io osservo i tuoi insegnamenti
e li amo intensamente.

119,167
168 Osservo i tuoi precetti e i tuoi insegnamenti:
davanti a te sono tutte le mie vie.

119,168
Tau 169 Giunga il mio grido davanti a te, Signore,
fammi comprendere secondo la tua parola.

119,169
170 Venga davanti a te la mia supplica,
liberami secondo la tua promessa.

119,170
171 Sgorghi dalle mie labbra la tua lode,
perché mi insegni i tuoi decreti.

119,171
172 La mia lingua canti la tua promessa,
perché tutti i tuoi comandi sono giustizia.

119,172
173 Mi venga in aiuto la tua mano,
perché ho scelto i tuoi precetti.

119,173
174 Desidero la tua salvezza, Signore,
e la tua legge è la mia delizia.

119,174
175 Che io possa vivere e darti lode:
mi aiutino i tuoi giudizi.

119,175
176 Mi sono perso come pecora smarrita;
cerca il tuo servo: non ho dimenticato i tuoi comandi.



119,176

Note nel testo

119,1La più estesa composizione del Salterio è racchiusa in queste 22 strofe, quante sono le lettere dell’alfabeto ebraico, le quali, nel loro ordine di successione, contraddistinguono le singole strofe e le iniziali dei singoli versetti che le compongono (ognuna delle 22 strofe è formata da otto versetti). L’uso di questa tecnica compositiva probabilmente aveva lo scopo di favorire, nel fedele, l’apprendimento mnemonico (vedi anche nota a Sal 9). La legge non è intesa come un insieme di prescrizioni, ma come la rivelazione che Dio fa di se stesso e della sua volontà, come la parola di Dio che illumina e salva, alimenta e guida tutta l’esistenza dell’uomo. Ciò spiega la varietà dei vocaboli usati per designare quella realtà così profonda che il termine legge esprime: insegnamenti, decreti, comandi, giusti giudizi, promessa, precetti, parole, ordini, comandamenti, via, via della giustizia, alleanza, giudizi.
119,48Alzerò le mani: gesto di preghiera.
119,83come un otre esposto al fumo: probabilmente l’immagine si riferisce agli otri appesi che si deterioravano per il fumo che saliva dal focolare.
119,164Sette: simbolo di pienezza; denota qui una preghiera intensa e continua.