Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14

Osea

4 "Ascoltate la parola del Signore, o figli d'Israele,
perché il Signore è in causa
con gli abitanti del paese.
Non c'è infatti sincerità né amore,
né conoscenza di Dio nel paese.
4,1 ORACOLI RIVOLTI AI SACERDOTI, AI CAPI E AL POPOLO (4,1-14,10)
 Contro il popolo e i sacerdoti
 L’oracolo segue in parte il modello della lite giudiziaria: sono elencate tutte le colpe e si annuncia la punizione. Lo scopo è quello di convincere l'accusato a riconoscere i propri torti.
2Si spergiura, si dice il falso, si uccide,
si ruba, si commette adulterio,
tutto questo dilaga
e si versa sangue su sangue.
3Per questo è in lutto il paese
e chiunque vi abita langue,
insieme con gli animali selvatici
e con gli uccelli del cielo;
persino i pesci del mare periscono.
4Ma nessuno accusi, nessuno contesti;
contro di te, sacerdote, muovo l'accusa.
5Tu inciampi di giorno
e anche il profeta con te inciampa di notte
e farò perire tua madre.
6Perisce il mio popolo per mancanza di conoscenza.
Poiché tu rifiuti la conoscenza,
rifiuterò te come mio sacerdote;
hai dimenticato la legge del tuo Dio
e anch'io dimenticherò i tuoi figli.
7Tutti hanno peccato contro di me;
cambierò la loro gloria in ignominia.
8Essi si nutrono del peccato del mio popolo
e sono avidi della sua iniquità.
9Il popolo e il sacerdote avranno la stessa sorte;
li punirò per la loro condotta
e li ripagherò secondo le loro azioni.
Mangeranno, ma non si sazieranno,
si prostituiranno, ma non aumenteranno,
perché hanno abbandonato il Signore
per darsi
4,10  si prostituiranno: nel linguaggio biblico la prostituzione è spesso una metafora dell’idolatria; qui e in altri passi, però, si potrebbe vedere un riferimento a concrete forme di prostituzione sacra, praticata nei culti idolatrici.
11alla prostituzione.
Il vino vecchio e quello nuovo tolgono il senno.
Il mio popolo consulta il suo pezzo di legno
e il suo bastone gli dà il responso,
poiché uno spirito di prostituzione li svia
e si prostituiscono, allontanandosi dal loro Dio.
4,12-19 Idolatria d’Israele
13Sulla cima dei monti fanno sacrifici
e sui colli bruciano incensi
sotto la quercia, i pioppi e i terebinti,
perché buona è la loro ombra.
Perciò si prostituiscono le vostre figlie
e le vostre nuore commettono adulterio.
14Non punirò le vostre figlie se si prostituiscono,
né le vostre nuore se commettono adulterio;
poiché essi stessi si appartano con le prostitute
e con le prostitute sacre offrono sacrifici.
Un popolo, che non comprende, va in rovina!
Se ti prostituisci tu, Israele,
non si renda colpevole Giuda.
Non andate a Gàlgala,
non salite a Bet-Aven,
non giurate per il Signore vivente.
4,15  A Gàlgala, non lontano da Gerusalemme, c’era un luogo di culto molto frequentato. Bet-Aven (“casa dell’iniquità”) è un’intenzionale storpiatura del nome Betel (“casa di Dio”), dove si trovava uno dei santuari regi del regno settentrionale (vedi 1Re 13).
16E poiché come giovenca ribelle si ribella Israele,
forse potrà pascolarlo il Signore
come agnello in luoghi aperti?
Èfraim si è alleato agli idoli:
4,17  Èfraim: la più importante fra le tribù delle regioni settentrionali; Osea usa il termine come designazione di tutta la popolazione del regno d’Israele. Giuda (v. 15) indica invece la popolazione del regno meridionale.
18dopo essersi ubriacati
si sono dati alla prostituzione,
hanno preferito il disonore alla loro gloria.
19Un vento li travolgerà con le sue ali
e si vergogneranno dei loro sacrifici.


Note al testo

4,1 ORACOLI RIVOLTI AI SACERDOTI, AI CAPI E AL POPOLO (4,1-14,10)
 Contro il popolo e i sacerdoti
 L’oracolo segue in parte il modello della lite giudiziaria: sono elencate tutte le colpe e si annuncia la punizione. Lo scopo è quello di convincere l'accusato a riconoscere i propri torti.
4,10  si prostituiranno: nel linguaggio biblico la prostituzione è spesso una metafora dell’idolatria; qui e in altri passi, però, si potrebbe vedere un riferimento a concrete forme di prostituzione sacra, praticata nei culti idolatrici.
4,12-19 Idolatria d’Israele
4,15  A Gàlgala, non lontano da Gerusalemme, c’era un luogo di culto molto frequentato. Bet-Aven (“casa dell’iniquità”) è un’intenzionale storpiatura del nome Betel (“casa di Dio”), dove si trovava uno dei santuari regi del regno settentrionale (vedi 1Re 13).
4,17  Èfraim: la più importante fra le tribù delle regioni settentrionali; Osea usa il termine come designazione di tutta la popolazione del regno d’Israele. Giuda (v. 15) indica invece la popolazione del regno meridionale.