Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14

Osea

10 Vite rigogliosa era Israele,
che dava sempre il suo frutto;
ma più abbondante era il suo frutto,
più moltiplicava gli altari;
più ricca era la terra,
più belle faceva le sue stele.
10,1-15 Diffusione dell’idolatria e caduta del regno
2 Il loro cuore è falso;
orbene, sconteranno la pena!
Egli stesso demolirà i loro altari,
distruggerà le loro stele.
10,2
3 Allora diranno: "Non abbiamo più re,
perché non rispettiamo il Signore.
Ma anche il re, che cosa potrebbe fare per noi?".
10,3
4 Dicono parole vane, giurano il falso,
concludono alleanze:
il diritto fiorisce come pianta velenosa
nei solchi dei campi.
10,4
Gli abitanti di Samaria trepidano
per il vitello di Bet-Aven;
è in lutto il suo popolo
e i suoi sacerdoti ne fanno lamento,
perché la sua gloria sta per andarsene.
10,5 Per Bet-Aven vedi nota a 4,15
6 Sarà portato anch'esso in Assiria
come offerta al gran re.
Èfraim ne avrà vergogna,
Israele arrossirà per i suoi intrighi.
10,6
7 Perirà Samaria con il suo re,
come un fuscello sull'acqua.
10,7
8 Le alture dell'iniquità, peccato d'Israele,
saranno distrutte,
spine e cardi cresceranno sui loro altari;
diranno ai monti: "Copriteci"
e ai colli: "Cadete su di noi".
10,8
9 Fin dai giorni di Gàbaa
tu hai peccato, Israele.
Là si fermarono,
e la battaglia non li raggiungerà forse a Gàbaa
contro i figli dell'iniquità?
10,9
10 "Io voglio colpirli:
si raduneranno i popoli contro di loro,
perché sono attaccati alla loro duplice colpa.
10,10
Èfraim è una giovenca addestrata,
cui piace trebbiare il grano.
Ma io farò pesare il giogo
sul suo bel collo;
attaccherò Èfraim all'aratro
e Giacobbe all'erpice.
10,11 L’immagine della giovenca rimanda forse ai tempi dell’esodo dall’Egitto, quando Israele seguiva docilmente il Signore. Il nome del patriarca Giacobbe qui designa il popolo d’Israele.
12 Seminate per voi secondo giustizia
e mieterete secondo bontà;
dissodatevi un campo nuovo,
perché è tempo di cercare il Signore,
finché egli venga
e diffonda su di voi la giustizia.
10,12
13 Avete arato empietà e mietuto ingiustizia,
avete mangiato il frutto della menzogna.
Poiché hai riposto fiducia nella tua forza
e nella moltitudine dei tuoi guerrieri,
10,13
un rumore di guerra si alzerà contro il tuo popolo
e tutte le tue fortezze saranno distrutte.
Come Salmàn devastò Bet-Arbèl
nel giorno della battaglia
in cui la madre fu sfracellata sui figli,
10,14 Salmàn: re di Moab, a est del Mar Morto; Bet-Arbèl: località a est del Giordano.
15 così sarà fatto a te, casa d'Israele,
per la tua enorme malvagità.
All'alba sarà la fine del re d'Israele.


10,15

Note nel testo

10,1-15Diffusione dell’idolatria e caduta del regno
10,5Per Bet-Aven vedi nota a 4,15
10,11L’immagine della giovenca rimanda forse ai tempi dell’esodo dall’Egitto, quando Israele seguiva docilmente il Signore. Il nome del patriarca Giacobbe qui designa il popolo d’Israele.
10,14Salmàn: re di Moab, a est del Mar Morto; Bet-Arbèl: località a est del Giordano.