Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Isaia

60 Àlzati, rivestiti di luce, perché viene la tua luce,
la gloria del Signore brilla sopra di te.
60,1 GLORIA DI GERUSALEMME (60-62)
60,1-22 Splendore di Gerusalemme
2 Poiché, ecco, la tenebra ricopre la terra,
nebbia fitta avvolge i popoli;
ma su di te risplende il Signore,
la sua gloria appare su di te.
60,2
3 Cammineranno le genti alla tua luce,
i re allo splendore del tuo sorgere.
60,3
4 Alza gli occhi intorno e guarda:
tutti costoro si sono radunati, vengono a te.
I tuoi figli vengono da lontano,
le tue figlie sono portate in braccio.
60,4
5 Allora guarderai e sarai raggiante,
palpiterà e si dilaterà il tuo cuore,
perché l'abbondanza del mare si riverserà su di te,
verrà a te la ricchezza delle genti.
60,5
Uno stuolo di cammelli ti invaderà,
dromedari di Madian e di Efa,
tutti verranno da Saba, portando oro e incenso
e proclamando le glorie del Signore.
60,6-7 Madian: popolazione nomade dell’Arabia; Efa: probabilmente un clan o una tribù all’interno di Madian. Tribù arabe erano anche Kedar e i Nebaiòt. Saba era invece un prospero centro commerciale nel sud dell’Arabia.
7 Tutte le greggi di Kedar si raduneranno presso di te,
i montoni di Nebaiòt saranno al tuo servizio,
saliranno come offerta gradita sul mio altare;
renderò splendido il tempio della mia gloria.
60,7
8 Chi sono quelle che volano come nubi
e come colombe verso le loro colombaie?
60,8
Sono le isole che sperano in me,
le navi di Tarsis sono in prima fila,
per portare i tuoi figli da lontano,
con argento e oro,
per il nome del Signore, tuo Dio,
per il Santo d'Israele, che ti onora.
60,9 le navi di Tarsis: simbolo di prosperità e di potere (vedi nota a 1Re 10,22).
10 Stranieri ricostruiranno le tue mura,
i loro re saranno al tuo servizio,
perché nella mia ira ti ho colpito,
ma nella mia benevolenza ho avuto pietà di te.
60,10
11 Le tue porte saranno sempre aperte,
non si chiuderanno né di giorno né di notte,
per lasciare entrare in te la ricchezza delle genti
e i loro re che faranno da guida.
60,11
12 Perché la nazione e il regno
che non vorranno servirti periranno,
e le nazioni saranno tutte sterminate.
60,12
13 La gloria del Libano verrà a te,
con cipressi, olmi e abeti,
per abbellire il luogo del mio santuario,
per glorificare il luogo dove poggio i miei piedi.
60,13
Verranno a te in atteggiamento umile
i figli dei tuoi oppressori;
ti si getteranno proni alle piante dei piedi
quanti ti disprezzavano.
Ti chiameranno "Città del Signore",
"Sion del Santo d'Israele".
60,14 Ti chiameranno: i nomi nuovi sono segno che Dio opererà nel futuro un radicale cambiamento di situazione, portando la salvezza definitiva (vedi anche il v. 18).
15 Dopo essere stata derelitta,
odiata, senza che alcuno passasse da te,
io farò di te l'orgoglio dei secoli,
la gioia di tutte le generazioni.
60,15
16 Tu succhierai il latte delle genti,
succhierai le ricchezze dei re.
Saprai che io sono il Signore, il tuo salvatore
e il tuo redentore, il Potente di Giacobbe.
60,16
17 Farò venire oro anziché bronzo,
farò venire argento anziché ferro,
bronzo anziché legno,
ferro anziché pietre.
Costituirò tuo sovrano la pace,
tuo governatore la giustizia.
60,17
18 Non si sentirà più parlare di prepotenza nella tua terra,
di devastazione e di distruzione entro i tuoi confini.
Tu chiamerai salvezza le tue mura
e gloria le tue porte.
60,18
Il sole non sarà più la tua luce di giorno,
né ti illuminerà più
lo splendore della luna.
Ma il Signore sarà per te luce eterna,
il tuo Dio sarà il tuo splendore.
60,19-21 I mutamenti cosmici manifestano una realtà completamente nuova. La luce è segno di vita, di prosperità e di salvezza (vedi Ap 21,23).
20 Il tuo sole non tramonterà più
né la tua luna si dileguerà,
perché il Signore sarà per te luce eterna;
saranno finiti i giorni del tuo lutto.
60,20
21 Il tuo popolo sarà tutto di giusti,
per sempre avranno in eredità la terra,
germogli delle piantagioni del Signore,
lavoro delle sue mani per mostrare la sua gloria.
60,21
22 Il più piccolo diventerà un migliaio,
il più insignificante un'immensa nazione;
io sono il Signore:
a suo tempo, lo farò rapidamente.


60,22

Note nel testo

60,1GLORIA DI GERUSALEMME (60-62)
60,1-22 Splendore di Gerusalemme
60,6-7Madian: popolazione nomade dell’Arabia; Efa: probabilmente un clan o una tribù all’interno di Madian. Tribù arabe erano anche Kedar e i Nebaiòt. Saba era invece un prospero centro commerciale nel sud dell’Arabia.
60,9le navi di Tarsis: simbolo di prosperità e di potere (vedi nota a 1Re 10,22).
60,14Ti chiameranno: i nomi nuovi sono segno che Dio opererà nel futuro un radicale cambiamento di situazione, portando la salvezza definitiva (vedi anche il v. 18).
60,19-21I mutamenti cosmici manifestano una realtà completamente nuova. La luce è segno di vita, di prosperità e di salvezza (vedi Ap 21,23).