Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Isaia

44 Ora ascolta, Giacobbe mio servo,
Israele che ho eletto.
44,1-8 Benedizione d’Israele
Così dice il Signore che ti ha fatto,
che ti ha formato dal seno materno e ti soccorre:
"Non temere, Giacobbe mio servo,
Iesurùn che ho eletto,
44,2 Iesurùn: un nome per indicare Israele, probabilmente un vezzeggiativo, usato solo qui e in Dt 32,15; 33,5.26. Qualcuno lo interpreta come “mio popolo amato”.
3 poiché io verserò acqua sul suolo assetato,
torrenti sul terreno arido.
Verserò il mio spirito sulla tua discendenza,
la mia benedizione sui tuoi posteri;
44,3
4 cresceranno fra l'erba,
come salici lungo acque correnti.
44,4
Questi dirà: "Io appartengo al Signore",
quegli si chiamerà Giacobbe;
altri scriverà sulla mano: "Del Signore",
e verrà designato con il nome d'Israele".
44,5 altri scriverà sulla mano: si allude all’uso di imprimere sulle mani o sulle braccia degli schiavi un tatuaggio, che ne indicava il proprietario. Si sottolinea così la totale appartenenza d’Israele al Signore.
6 Così dice il Signore, il re d'Israele,
il suo redentore, il Signore degli eserciti:
"Io sono il primo e io l'ultimo;
fuori di me non vi sono dèi.
44,6
7 Chi è come me? Lo proclami,
lo annunci e me lo esponga.
Chi ha reso noto il futuro dal tempo antico?
Ci annuncino ciò che succederà.
44,7
8 Non siate ansiosi e non temete:
non è forse già da molto tempo
che te l'ho fatto intendere e rivelato?
Voi siete miei testimoni:
c'è forse un dio fuori di me
o una roccia che io non conosca?".
44,8
I fabbricanti di idoli sono tutti vanità e le loro opere preziose non giovano a nulla; ma i loro devoti non vedono né capiscono affatto e perciò saranno coperti di vergogna.
44,9-20 Satira contro l’idolatria
44,9-20 Questo brano si avvicina, per forma e contenuto, a Sap 13-15 e Bar 6.
10 Chi fabbrica un dio e fonde un idolo senza cercarne un vantaggio?
44,10
11 Ecco, tutti i suoi seguaci saranno svergognati; gli stessi artefici non sono che uomini. Si radunino pure e si presentino tutti; insieme saranno spaventati e confusi.
44,11
12 Il fabbro lavora il ferro di una scure, lo elabora sulle braci e gli dà forma con martelli, lo rifinisce con braccio vigoroso; soffre persino la fame, la forza gli viene meno, non beve acqua ed è spossato.
44,12
13 Il falegname stende la corda, disegna l'immagine con lo stilo; la lavora con scalpelli, misura con il compasso, riproducendo una forma umana, una bella figura d'uomo da mettere in un tempio.
44,13
14 Egli si taglia cedri, prende un cipresso o una quercia che aveva fatto crescere robusta nella selva; pianta un alloro che la pioggia farà crescere.
44,14
15 L'uomo ha tutto ciò per bruciare; ne prende una parte e si riscalda o anche accende il forno per cuocervi il pane o ne fa persino un dio e lo adora, ne forma una statua e la venera.
44,15
16 Una parte la brucia al fuoco, sull'altra arrostisce la carne, poi mangia l'arrosto e si sazia. Ugualmente si scalda e dice: "Mi riscaldo; mi godo il fuoco".
44,16
17 Con il resto fa un dio, il suo idolo; lo venera, lo adora e lo prega: "Salvami, perché sei il mio dio!".
44,17
18 Non sanno né comprendono; una patina impedisce ai loro occhi di vedere e al loro cuore di capire.
44,18
19 Nessuno riflette, nessuno ha scienza e intelligenza per dire: "Ho bruciato nel fuoco una parte, sulle sue braci ho cotto persino il pane e arrostito la carne che ho mangiato; col residuo farò un idolo abominevole? Mi prostrerò dinanzi a un pezzo di legno?".
44,19
Si pasce di cenere, ha un cuore illuso che lo travia; egli non sa liberarsene e dire: "Ciò che tengo in mano non è forse falso?".
44,20 Si pasce di cenere: espressione proverbiale per indicare un’attività inutile e stupida.
Ricorda tali cose, o Giacobbe,
o Israele, poiché sei mio servo.
Io ti ho formato, mio servo sei tu;
Israele, non sarai dimenticato da me.
44,21-28 Riscatto di Giacobbe e ricostruzione di Gerusalemme
22 Ho dissipato come nube le tue iniquità
e i tuoi peccati come una nuvola.
Ritorna a me, perché io ti ho redento.
44,22
23 Esultate, cieli, perché il Signore ha agito;
giubilate, profondità della terra!
Gridate di gioia, o monti,
o selve con tutti i vostri alberi,
perché il Signore ha riscattato Giacobbe,
in Israele ha manifestato la sua gloria.
44,23
24 Dice il Signore, che ti ha riscattato
e ti ha formato fin dal seno materno:
"Sono io, il Signore, che ho fatto tutto,
che ho dispiegato i cieli da solo,
ho disteso la terra; chi era con me?
44,24
25 Io svento i presagi degli indovini,
rendo folli i maghi,
costringo i sapienti a ritrattarsi
e trasformo in stoltezza la loro scienza;
44,25
26 confermo la parola del mio servo,
realizzo i disegni dei miei messaggeri.
Io dico a Gerusalemme: "Sarai abitata",
e alle città di Giuda: "Sarete riedificate",
e ne restaurerò le rovine.
44,26
27 Io dico all'abisso: "Prosciùgati!
Faccio inaridire i tuoi fiumi".
44,27
Io dico a Ciro: "Mio pastore";
ed egli soddisferà tutti i miei desideri,
dicendo a Gerusalemme: "Sarai riedificata",
e al tempio: "Sarai riedificato dalle fondamenta"".


44,28 pastore: nell’antico Oriente e in Israele era un titolo regale.

Note nel testo

44,1-8Benedizione d’Israele
44,2Iesurùn: un nome per indicare Israele, probabilmente un vezzeggiativo, usato solo qui e in Dt 32,15; 33,5.26. Qualcuno lo interpreta come “mio popolo amato”.
44,5altri scriverà sulla mano: si allude all’uso di imprimere sulle mani o sulle braccia degli schiavi un tatuaggio, che ne indicava il proprietario. Si sottolinea così la totale appartenenza d’Israele al Signore.
44,9-20Satira contro l’idolatria
44,9-20 Questo brano si avvicina, per forma e contenuto, a Sap 13-15 e Bar 6.
44,20Si pasce di cenere: espressione proverbiale per indicare un’attività inutile e stupida.
44,21-28Riscatto di Giacobbe e ricostruzione di Gerusalemme
44,28pastore: nell’antico Oriente e in Israele era un titolo regale.