Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Isaia

35 Si rallegrino il deserto e la terra arida,
esulti e fiorisca la steppa.
Come fiore di narciso
35,1-10 Gloria di Gerusalemme
fiorisca;
sì, canti con gioia e con giubilo.
Le è data la gloria del Libano,
lo splendore del Carmelo e di Saron.
Essi vedranno la gloria del Signore,
la magnificenza del nostro Dio.
35,2 Libano, Carmelo e Saron: regioni fertili, simbolo di prosperità (vedi 33,9).
3 Irrobustite le mani fiacche,
rendete salde le ginocchia vacillanti.
35,3
4 Dite agli smarriti di cuore:
"Coraggio, non temete!
Ecco il vostro Dio,
giunge la vendetta,
la ricompensa divina.
Egli viene a salvarvi".
35,4
5 Allora si apriranno gli occhi dei ciechi
e si schiuderanno gli orecchi dei sordi.
35,5
6 Allora lo zoppo salterà come un cervo,
griderà di gioia la lingua del muto,
perché scaturiranno acque nel deserto,
scorreranno torrenti nella steppa.
35,6
7 La terra bruciata diventerà una palude,
il suolo riarso sorgenti d'acqua.
I luoghi dove si sdraiavano gli sciacalli
diventeranno canneti e giuncaie.
35,7
Ci sarà un sentiero e una strada
e la chiameranno via santa;
nessun impuro la percorrerà.
Sarà una via che il suo popolo potrà percorrere
e gli ignoranti non si smarriranno.
35,8 via santa: in diverse città antiche la via santa (o via sacra) era quella che conduceva al tempio, utilizzata per le processioni. Qui si allude anche alla via percorsa da Israele per uscire dall’Egitto.
9 Non ci sarà più il leone,
nessuna bestia feroce la percorrerà o vi sosterà.
Vi cammineranno i redenti.
35,9
10 Su di essa ritorneranno i riscattati dal Signore
e verranno in Sion con giubilo;
felicità perenne splenderà sul loro capo;
gioia e felicità li seguiranno
e fuggiranno tristezza e pianto.


35,10

Note nel testo

35,1-10Gloria di Gerusalemme
35,2Libano, Carmelo e Saron: regioni fertili, simbolo di prosperità (vedi 33,9).
35,8via santa: in diverse città antiche la via santa (o via sacra) era quella che conduceva al tempio, utilizzata per le processioni. Qui si allude anche alla via percorsa da Israele per uscire dall’Egitto.