Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Geremia

47 Parola del Signore che fu rivolta al profeta Geremia sui Filistei, prima che il faraone occupasse Gaza.

47,1-7 Contro i Filistei
47,1 prima che il faraone occupasse Gaza: questo dato fornisce la cronologia dell’oracolo, ma non è possibile determinare a quale evento si riferisca.
2 Così dice il Signore:
"Ecco, si sollevano ondate dal settentrione,
diventano un torrente che straripa.
Allagano la terra e ciò che è in essa,
la città e i suoi abitanti.
Gli uomini gridano,
urlano tutti gli abitanti della terra.
47,2
3 Allo strepito scalpitante degli zoccoli dei suoi cavalli,
al fragore dei suoi carri, al cigolio delle ruote,
i padri non si voltano verso i figli,
le loro mani sono senza forza,
47,3
perché è arrivato il giorno
in cui saranno distrutti tutti i Filistei
e saranno abbattute Tiro e Sidone
con quanti sono rimasti ad aiutarle;
il Signore infatti distrugge i Filistei,
il resto dell'isola di Caftor.
47,4 Caftor: l’isola di Creta, da cui, secondo la Bibbia, provenivano i Filistei.
Fino a Gaza si sono rasati per lutto,
Àscalon è ridotta al silenzio.
Asdod, povero resto degli Anakiti,
fino a quando ti farai incisioni?
47,5 Anakiti: leggendaria popolazione di giganti, che si riteneva avessero abitato un tempo nei territori occupati poi dai Filistei (vedi Gs 11,22). Le incisioni erano un segno di lutto.
6 Ah! spada del Signore,
quando ti concederai riposo?
Rientra nel fodero, férmati e càlmati.
47,6
7 Come potrà riposare,
se il Signore le ha ordinato di agire?
Contro Àscalon e tutta la costa del mare,
là egli l'ha destinata".

47,7

Note nel testo

47,1-7Contro i Filistei
47,1 prima che il faraone occupasse Gaza: questo dato fornisce la cronologia dell’oracolo, ma non è possibile determinare a quale evento si riferisca.
47,4Caftor: l’isola di Creta, da cui, secondo la Bibbia, provenivano i Filistei.
47,5Anakiti: leggendaria popolazione di giganti, che si riteneva avessero abitato un tempo nei territori occupati poi dai Filistei (vedi Gs 11,22). Le incisioni erano un segno di lutto.