Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Geremia

46 Parola del Signore che fu rivolta al profeta Geremia sulle nazioni.

46,1 ORACOLI CONTRO LE NAZIONI (46,1-51,64)
46,1-51,64 Gli oracoli contro le nazioni sono un particolare genere letterario profetico; si trovano anche in Is 13-23; Ez 25-32 e Am 1-2. Il loro scopo principale è affermare il dominio di Dio su tutti i popoli.
46,1-28 Contro l’Egitto
46,1-28 Dopo il titolo della raccolta (v. 1), l’oracolo contro l’Egitto si compone di tre parti. Una prima parte (vv. 2-12) si colloca sullo sfondo della battaglia di Càrchemis, nel 605: il faraone Necao era giunto fin sulle rive dell’Eufrate per prestare aiuto all’Assiria e contrastare la nascente potenza babilonese, ma era stato duramente sconfitto. La seconda parte (vv. 13-26) allude piuttosto alla spedizione contro l’Egitto compiuta da Nabucodònosor, re di Babilonia, negli anni 568-567 (vedi 43,10-13). L’ultima parte (vv. 27-28 ) è una parola di promessa per Israele.
2 Sull'Egitto.

Contro l'esercito del faraone Necao, re d'Egitto, che si trovava a Càrchemis, presso il fiume Eufrate, esercito che Nabucodònosor, re di Babilonia, vinse nel quarto anno di Ioiakìm, figlio di Giosia, re di Giuda.

46,2
3 "Preparate scudo grande e piccolo
e avanzate per la battaglia.
46,3
4 Attaccate i cavalli,
montate, o cavalieri.
Schieratevi con gli elmi,
lucidate le lance,
indossate le corazze!
46,4
5 Che vedo?
Sono spaventati, retrocedono!
I loro prodi sono sconfitti,
fuggono a precipizio
senza voltarsi;
terrore all'intorno.
Oracolo del Signore.
46,5
6 Il più agile non sfuggirà
né il più prode si salverà.
A settentrione, sulla riva dell'Eufrate,
inciampano e cadono.
46,6
7 Chi è colui che trabocca come il Nilo,
come un fiume dalle acque turbolente?
46,7
8 È l'Egitto che trabocca come il Nilo,
come un fiume dalle acque turbolente.
Esso dice: "Salirò, ricoprirò la terra,
distruggerò la città e i suoi abitanti".
46,8
Caricate, cavalli,
avanzate, carri!
Avanti, o prodi,
uomini di Etiopia e di Put,
voi che impugnate lo scudo,
e voi di Lud che tendete l'arco.
46,9 Put e Lud: popolazioni africane.
10 Ma quel giorno per il Signore, Dio degli eserciti,
è giorno di vendetta, per punire i nemici.
La sua spada divorerà,
si sazierà e si inebrierà del loro sangue;
poiché sarà un sacrificio per il Signore, Dio degli eserciti,
nella terra del settentrione, presso il fiume Eufrate.
46,10
Sali in Gàlaad a prendere il balsamo,
vergine, figlia d'Egitto.
Invano moltiplichi i rimedi,
ma non c'è guarigione per te.
46,11 Il balsamo della regione di Gàlaad, a est del Giordano, era pregiato; qui ci si riferisce al suo uso per lenire le ferite.
vergine, figlia dEgitto: la popolazione egiziana.
12 Le nazioni hanno saputo del tuo disonore;
del tuo grido di dolore è piena la terra,
poiché il prode inciampa nel prode,
tutti e due cadono insieme".

46,12
13 Parola che il Signore comunicò al profeta Geremia quando Nabucodònosor, re di Babilonia, giunse per colpire la terra d'Egitto.

46,13
14 "Annunciatelo in Egitto,
fatelo sapere a Migdol,
fatelo udire a Menfi e a Tafni;
dite: "Àlzati e prepàrati,
perché la spada divora intorno a te".
46,14
Perché mai il tuo potente è travolto?
Non resiste perché il Signore l'ha rovesciato.
46,15 il tuo potente: il riferimento è ad Api (così infatti si legge nella traduzione greca dei LXX), il toro sacro considerato l’incarnazione del dio Ptah, protettore della città di Menfi.
16 Una gran folla vacilla e stramazza,
ognuno dice al vicino:
"Su, torniamo al nostro popolo,
al paese dove siamo nati,
lontano dalla spada micidiale!".
46,16
17 Chiamate pure fanfarone il faraone, re d'Egitto:
si lascia sfuggire il momento opportuno.
46,17
Per la mia vita
- oracolo del re il cui nome è Signore degli eserciti -,
verrà uno simile al Tabor fra le montagne,
come il Carmelo presso il mare.
46,18 Colui che verrà è Nabucodònosor.
19 Prepàrati il bagaglio per l'esilio,
o figlia che abiti l'Egitto,
perché Menfi sarà ridotta a un deserto,
sarà devastata, senza abitanti.
46,19
20 Giovenca bellissima è l'Egitto,
ma un tafano viene su di lei dal settentrione.
46,20
21 Anche i suoi mercenari in mezzo ad essa
sono come vitelli da ingrasso.
Anch'essi infatti hanno voltato le spalle,
fuggono insieme, non resistono,
poiché è giunto su di loro il giorno della sventura,
il tempo del loro castigo.
46,21
22 La sua voce è come di serpente che fugge,
poiché i nemici avanzano con un esercito
e vengono contro di lei,
armati di scure come tagliaboschi.
46,22
23 Abbattono la sua selva - oracolo del Signore -
e non si possono contare,
essi sono più delle locuste, sono senza numero.
46,23
24 Prova vergogna la figlia d'Egitto,
è data in mano a un popolo del settentrione".

46,24
Il Signore degli eserciti, Dio d'Israele, dice: "Ecco, punirò Amon di Tebe, l'Egitto, i suoi dèi e i suoi re, il faraone e coloro che confidano in lui.
46,25 Amon: una delle divinità principali dell’Egitto; il centro più importante del suo culto era Tebe.
26 Li consegnerò in mano di quanti vogliono la loro vita, in mano di Nabucodònosor, re di Babilonia, e dei suoi ministri. Ma dopo sarà abitato come in passato. Oracolo del Signore.

46,26
Ma tu non temere, Giacobbe, mio servo,
non abbatterti, Israele,
perché io libererò te dalla terra lontana,
la tua discendenza dalla terra del suo esilio.
Giacobbe ritornerà e avrà riposo,
vivrà tranquillo e nessuno lo molesterà.
46,27-28 Questi versetti sono molto simili a 30,10-11.
28 Tu non temere, Giacobbe, mio servo
- oracolo del Signore -,
perché io sono con te.
Sterminerò tutte le nazioni
tra le quali ti ho disperso,
ma non sterminerò te;
ti castigherò secondo giustizia,
non ti lascerò del tutto impunito".


46,28

Note nel testo

46,1ORACOLI CONTRO LE NAZIONI (46,1-51,64)
46,1-51,64 Gli oracoli contro le nazioni sono un particolare genere letterario profetico; si trovano anche in Is 13-23; Ez 25-32 e Am 1-2. Il loro scopo principale è affermare il dominio di Dio su tutti i popoli.
46,1-28 Contro l’Egitto
46,1-28 Dopo il titolo della raccolta (v. 1), l’oracolo contro l’Egitto si compone di tre parti. Una prima parte (vv. 2-12) si colloca sullo sfondo della battaglia di Càrchemis, nel 605: il faraone Necao era giunto fin sulle rive dell’Eufrate per prestare aiuto all’Assiria e contrastare la nascente potenza babilonese, ma era stato duramente sconfitto. La seconda parte (vv. 13-26) allude piuttosto alla spedizione contro l’Egitto compiuta da Nabucodònosor, re di Babilonia, negli anni 568-567 (vedi 43,10-13). L’ultima parte (vv. 27-28 ) è una parola di promessa per Israele.
46,9Put e Lud: popolazioni africane.
46,11Il balsamo della regione di Gàlaad, a est del Giordano, era pregiato; qui ci si riferisce al suo uso per lenire le ferite.
vergine, figlia dEgitto: la popolazione egiziana.
46,15il tuo potente: il riferimento è ad Api (così infatti si legge nella traduzione greca dei LXX), il toro sacro considerato l’incarnazione del dio Ptah, protettore della città di Menfi.
46,18Colui che verrà è Nabucodònosor.
46,25Amon: una delle divinità principali dell’Egitto; il centro più importante del suo culto era Tebe.
46,27-28Questi versetti sono molto simili a 30,10-11.