Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Geremia

37 Sedecìa, figlio di Giosia, divenne re al posto di Conìa, figlio di Ioiakìm; Nabucodònosor, re di Babilonia, lo nominò re nella terra di Giuda.
37,1-10 Sedecìa consulta Geremia
37,1-10 Dopo un’introduzione generale sul re Sedecìa (vv. 1-2), si narra un episodio da collocare nel 588-587.
2 Ma né lui né i suoi ministri né il popolo del paese ascoltarono le parole che il Signore aveva pronunciato per mezzo del profeta Geremia.
37,2
3 Il re Sedecìa inviò allora Iucal, figlio di Selemia, e il sacerdote Sofonia, figlio di Maasia, dal profeta Geremia per dirgli: "Prega per noi il Signore, nostro Dio".
37,3
4 Geremia intanto andava e veniva in mezzo al popolo e non era stato ancora messo in prigione.
37,4
5 Inoltre l'esercito del faraone si era mosso dall'Egitto e i Caldei, che assediavano Gerusalemme, appena ne avevano avuto notizia, si erano allontanati da Gerusalemme.
37,5
6 Allora la parola del Signore fu rivolta al profeta Geremia:
37,6
7 "Così dice il Signore, Dio d'Israele: Riferite al re di Giuda, che vi ha mandati a consultarmi: Ecco, l'esercito del faraone, uscito in vostro aiuto, ritornerà nel suo paese, l'Egitto;
37,7
8 i Caldei ritorneranno, combatteranno contro questa città, la prenderanno e la daranno alle fiamme.
37,8
9 Così dice il Signore: Non illudetevi pensando che i Caldei se ne vadano, perché non se ne andranno.
37,9
10 Anche se riusciste a battere tutto l'esercito dei Caldei che combattono contro di voi, e rimanessero solo alcuni feriti, costoro sorgerebbero ciascuno dalla propria tenda e darebbero alle fiamme questa città".
37,10
Mentre l'esercito dei Caldei era lontano da Gerusalemme per l'avanzata dell'esercito del faraone,
37,11-21 Geremia imprigionato
12 Geremia uscì da Gerusalemme per andare nella terra di Beniamino a prendervi una parte di eredità tra i suoi parenti.
37,12
Ma alla porta di Beniamino si imbatté in un incaricato del servizio di guardia chiamato Ieria, figlio di Selemia, figlio di Anania; costui arrestò il profeta Geremia dicendo: "Tu passi ai Caldei!".
37,13 Tu passi ai Caldei: l’accusa era motivata dai ripetuti inviti, fatti da Geremia, perché la città si arrendesse ai Babilonesi.
14 Geremia rispose: "È falso! Io non passo ai Caldei". Ma quegli non gli diede retta. E così Ieria arrestò Geremia e lo condusse dai capi.
37,14
15 I capi erano sdegnati contro Geremia, lo percossero e lo gettarono in prigione nella casa di Giònata, lo scriba, che avevano trasformato in un carcere.
37,15
16 Geremia entrò in una cisterna sotterranea a volta e rimase là molti giorni.
37,16
17 Il re Sedecìa mandò a prenderlo e lo interrogò in casa sua, di nascosto: "C'è qualche parola da parte del Signore?". Geremia rispose: "Sì" e precisò: "Tu sarai dato in mano al re di Babilonia".
37,17
18 Geremia poi disse al re Sedecìa: "Quale colpa ho commesso contro di te, contro i tuoi ministri e contro questo popolo, perché mi abbiate messo in prigione?
37,18
19 E dove sono i vostri profeti che vi predicevano: "Il re di Babilonia non verrà contro di voi e contro questo paese"?
37,19
20 Ora ascolta, o re, mio signore: la mia supplica ti giunga gradita. Non rimandarmi nella casa di Giònata, lo scriba, perché io non vi muoia".
37,20
21 Il re Sedecìa comandò di custodire Geremia nell'atrio della prigione e gli fu data ogni giorno una focaccia di pane, proveniente dalla via dei fornai, finché non fu esaurito tutto il pane in città. Così Geremia rimase nell'atrio della prigione.


37,21

Note nel testo

37,1-10Sedecìa consulta Geremia
37,1-10 Dopo un’introduzione generale sul re Sedecìa (vv. 1-2), si narra un episodio da collocare nel 588-587.
37,11-21Geremia imprigionato
37,13Tu passi ai Caldei: l’accusa era motivata dai ripetuti inviti, fatti da Geremia, perché la città si arrendesse ai Babilonesi.