Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Ezechiele

32 Nell'anno dodicesimo, nel dodicesimo mese, il primo del mese, mi fu rivolta questa parola del Signore:
32,1-16 Lamento sul faraone re d’Egitto
32,1 Nell’anno dodicesimo, nel dodicesimo mese: nel 585, qualche mese dopo la caduta di Gerusalemme. Nella versione greca dei LXX si parla però di “undicesimo” anno, quindi il 586.
2 "Figlio dell'uomo, intona un lamento sul faraone, re d'Egitto, dicendo:

Leone fra le nazioni eri considerato;
ma eri come un coccodrillo nelle acque,
erompevi nei tuoi fiumi
e agitavi le acque con le tue zampe,
intorbidendone i corsi.
32,2
3 Così dice il Signore Dio:
Tenderò contro di te la mia rete
con una grande assemblea di popoli
e ti tireranno su con la mia rete.
32,3
4 Ti getterò sulla terraferma
e ti scaglierò al suolo.
Farò posare su di te tutti gli uccelli del cielo
e sazierò di te tutte le bestie della terra.
32,4
5 Spargerò per i monti la tua carne
e riempirò le valli della tua carogna.
32,5
6 Farò bere alla terra il tuo scolo,
il tuo sangue, fino ai monti,
e i burroni saranno pieni di te.
32,6
7 Quando cadrai estinto,
coprirò il cielo e oscurerò le sue stelle,
velerò il sole di nubi e la luna non brillerà.
32,7
8 Oscurerò tutti gli astri del cielo su di te
e stenderò sulla tua terra le tenebre.
Oracolo del Signore Dio.

32,8
9 Renderò sgomento il cuore di molti popoli, quando farò giungere la notizia della tua rovina alle genti, in regioni a te sconosciute.
32,9
10 Per te farò stupire molti popoli e tremeranno i loro re a causa tua, quando brandirò la spada davanti a loro. Nel giorno della tua rovina ognuno tremerà ad ogni istante per la sua vita.
32,10
11 Poiché così dice il Signore Dio: La spada del re di Babilonia ti raggiungerà.

32,11
12 Abbatterò la tua gente con la spada dei prodi,
i più feroci tra le nazioni;
distruggeranno l'orgoglio dell'Egitto
e tutta la sua gente sarà sterminata.
32,12
13 Farò perire tutto il suo bestiame
sulle rive delle grandi acque,
che non saranno più intorbidite da piede d'uomo,
né unghia d'animale le intorbiderà.
32,13
14 Allora farò ritornare tranquille le loro acque
e farò scorrere i loro fiumi come olio.
Oracolo del Signore.
32,14
15 Quando avrò fatto dell'Egitto una terra desolata,
priva di quanto contiene,
quando avrò percosso tutti i suoi abitanti,
allora sapranno che io sono il Signore.

32,15
16 Questo è un lamento e lo si canterà. Lo canteranno le figlie delle nazioni, lo canteranno sull'Egitto e su tutta la sua gente". Oracolo del Signore Dio.
32,16
Nell'anno dodicesimo, il quindici del mese, mi fu rivolta questa parola del Signore:
32,17-32 Lamento sugli Egiziani
32,17 Nell’anno dodicesimo: il dodicesimo anno va dalla primavera del 586 a quella del 585; ma la data è incerta perché manca l’indicazione del mese.
18 "Figlio dell'uomo, intona un canto funebre sugli abitanti dell'Egitto. Falli scendere, insieme con le figlie di nazioni potenti, nella regione sotterranea, con quelli che scendono nella fossa.

32,18
19 Di chi tu saresti più bello?
Scendi e giaci con i non circoncisi.

32,19
20 Cadranno fra gli uccisi di spada; la spada è già consegnata. Colpite a morte l'Egitto e tutta la sua gente.
32,20
21 Gli eroi più potenti si rivolgeranno a lui e ai suoi aiutanti e dagli inferi diranno: "Vieni, giaci con i non circoncisi, con i trafitti di spada".
32,21
22 Là è Assur e tutta la sua gente, intorno al suo sepolcro, tutti uccisi, trafitti di spada;
32,22
23 poiché le loro sepolture sono poste nel fondo della fossa e la sua gente è intorno al suo sepolcro: tutti uccisi, trafitti di spada, essi che seminavano il terrore nella terra dei viventi.
32,23
24 Là, intorno al suo sepolcro, è Elam e tutta la sua gente. Tutti uccisi, trafitti di spada, scesi non circoncisi nella regione sotterranea, essi che seminavano il terrore nella terra dei viventi. Ora portano la loro ignominia con quelli che scendono nella fossa.
32,24
25 In mezzo ai trafitti posero il suo giaciglio e intorno al suo sepolcro tutta la sua gente, tutti non circoncisi, trafitti di spada; perché avevano seminato il terrore nella terra dei viventi, portano la loro ignominia con quelli che scendono nella fossa. Sono stati collocati in mezzo ai trafitti di spada.
32,25
26 Là, intorno al suo sepolcro, è Mesec, Tubal e tutta la sua gente: tutti non circoncisi, trafitti di spada, perché avevano seminato il terrore nella terra dei viventi.
32,26
27 Non giaceranno al fianco degli eroi caduti da secoli, che scesero negli inferi con le armi da guerra, con le spade disposte sotto il loro capo e con gli scudi sulle loro ossa, perché tali eroi erano un terrore nella terra dei viventi.
32,27
28 Così tu giacerai fra i non circoncisi e con i trafitti di spada.
32,28
29 Là è Edom, i suoi re e tutti i suoi prìncipi che, nonostante il loro valore, sono posti con i trafitti di spada: giacciono con i non circoncisi e con quelli che scendono nella fossa.
32,29
30 Là sono tutti i prìncipi del settentrione, tutti quelli di Sidone, che scesero con i trafitti, coperti di vergogna nonostante il terrore sparso dalla loro potenza; giacciono non circoncisi con i trafitti di spada e portano la loro ignominia con quelli che scendono nella fossa.
32,30
31 Il faraone li vedrà e si consolerà per tutta la sua gente; il faraone e tutto il suo esercito saranno trafitti di spada. Oracolo del Signore Dio.
32,31
32 Poiché aveva seminato il terrore nella terra dei viventi, il faraone con tutta la sua gente giace in mezzo ai non circoncisi, con i trafitti di spada". Oracolo del Signore Dio.


32,32

Note nel testo

32,1-16Lamento sul faraone re d’Egitto
32,1 Nell’anno dodicesimo, nel dodicesimo mese: nel 585, qualche mese dopo la caduta di Gerusalemme. Nella versione greca dei LXX si parla però di “undicesimo” anno, quindi il 586.
32,17-32Lamento sugli Egiziani
32,17 Nell’anno dodicesimo: il dodicesimo anno va dalla primavera del 586 a quella del 585; ma la data è incerta perché manca l’indicazione del mese.