Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Ezechiele

31 Nell'anno undicesimo, nel terzo mese, il primo del mese, mi fu rivolta questa parola del Signore:
31,1-18  Parabola del cedro
31,1 Nell’anno undicesimo, nel terzo mese, il primo del mese: nel maggio del 587.
2 "Figlio dell'uomo, di' al faraone, re d'Egitto, e alla sua gente:

A chi credi di essere simile nella tua grandezza?
31,2
Ecco, l'Assiria era un cedro del Libano,
bello di rami e folto di fronde, alto di tronco;
fra le nubi era la sua cima.
31,3 Ecco, l’Assiria: il testo ebraico menziona qui l’Assiria, ma forse si tratta di un errore di trascrizione. All’origine si parlava, probabilmente, dell’Egitto. Se si accetta il testo attuale, si deve intendere che la sorte dell’Assiria è evocata come monito per l’Egitto.
Le acque lo avevano nutrito,
l'abisso lo aveva fatto innalzare,
inviando i suoi fiumi
attorno al suolo dov'era piantato
e mandando i suoi ruscelli
anche a tutti gli alberi dei campi.
31,4 Secondo la concezione antica, la terra galleggiava sull’oceano sotterraneo, da cui scaturivano le sorgenti e i fiumi.
5 Per questo aveva superato in altezza
tutti gli alberi dei campi:
durante la sua crescita
i suoi rami si erano moltiplicati,
le sue fronde si erano distese
per l'abbondanza delle acque.
31,5
6 Fra i suoi rami fecero il nido
tutti gli uccelli del cielo,
sotto le sue fronde partorirono
tutte le bestie selvatiche,
alla sua ombra sedettero
tutte le grandi nazioni.
31,6
7 Era bello nella sua altezza
e nell'ampiezza dei suoi rami,
poiché la sua radice era presso grandi acque.
31,7
8 I cedri non l'uguagliavano
nel giardino di Dio,
i cipressi non gli assomigliavano
con le loro fronde,
i platani non erano neppure
come uno dei suoi rami:
nessun albero nel giardino di Dio
lo pareggiava in magnificenza.
31,8
9 Bello lo aveva fatto
nella moltitudine dei suoi rami,
perciò lo invidiavano tutti gli alberi dell'Eden
nel giardino di Dio.

31,9
10 Perciò dice il Signore Dio: Poiché si era elevato in altezza e aveva messo la cima fra le nubi e il suo cuore si era inorgoglito per la sua grandezza,
31,10
io lo diedi in balìa di un principe di nazioni; lo rigettai a causa della sua empietà.
31,11 Il principe è il re di Babilonia. Dio rigetta il faraone a causa della sua empietà (v. 11).
12 Nazioni straniere, fra le più barbare, lo tagliarono e lo gettarono sui monti. Per ogni valle caddero i suoi rami e su ogni pendice della terra furono spezzate le sue fronde. Tutti i popoli del paese si allontanarono dalla sua ombra e lo abbandonarono.

31,12
13 Sui suoi resti si posano
tutti gli uccelli del cielo
e fra i suoi rami
ogni bestia selvatica,

31,13
14 perché ogni albero irrigato dalle acque non si esalti nella sua altezza fino a elevare la cima fra le nubi; ogni albero che beve le acque non confidi in sé per la propria grandezza,

poiché tutti sono destinati alla morte,
alla regione sotterranea,
in mezzo ai figli dell'uomo,
fra coloro che scendono nella fossa.

31,14
15 Così dice il Signore Dio: Quando scese negli inferi, io proclamai il lutto: coprii per lui l'abisso, arrestai i suoi fiumi e le grandi acque si fermarono; per lui feci vestire il Libano a lutto e tutti gli alberi del campo languirono per lui.
31,15
16 Al rumore della sua caduta feci tremare le nazioni, quando lo feci scendere negli inferi con quelli che scendono nella fossa. Si consolarono nella regione sotterranea tutti gli alberi dell'Eden, la parte più scelta e più bella del Libano, tutti quelli abbeverati dalle acque.
31,16
17 Anch'essi con lui erano scesi negli inferi fra i trafitti di spada, quelli che in mezzo alle nazioni erano il suo braccio e dimoravano alla sua ombra.
31,17
18 A chi credi di essere simile per gloria e per grandezza fra gli alberi dell'Eden? Anche tu sarai precipitato insieme con gli alberi dell'Eden nella regione sotterranea; giacerai fra i non circoncisi insieme con i trafitti di spada. Tale sarà il faraone e tutta la sua moltitudine". Oracolo del Signore Dio.


31,18

Note nel testo

31,1-18 Parabola del cedro
31,1 Nell’anno undicesimo, nel terzo mese, il primo del mese: nel maggio del 587.
31,3Ecco, l’Assiria: il testo ebraico menziona qui l’Assiria, ma forse si tratta di un errore di trascrizione. All’origine si parlava, probabilmente, dell’Egitto. Se si accetta il testo attuale, si deve intendere che la sorte dell’Assiria è evocata come monito per l’Egitto.
31,4Secondo la concezione antica, la terra galleggiava sull’oceano sotterraneo, da cui scaturivano le sorgenti e i fiumi.
31,11Il principe è il re di Babilonia. Dio rigetta il faraone a causa della sua empietà (v. 11).