Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22

Apocalisse

Introduzione 1 Il termine greco « apocalisse » significa rivelazione e come tale si presenta questo libro (1,1-3), che per molti aspetti è di tipo unico nel N.T. La difficoltà fondamentale per una facile intelligenza del libro è il ricorso allo stile apocalittico di cui si hanno altri esempi sia nell'A.T. (Is cc. 24-27 e 34-35; Zc cc. 9-14; Ez; Dn) sia nel N.T. (Mt c. 24 e paralleli; 2Ts 1,7-10; 2,3-12; 1Cor 15,23-28.35-37). Questo stile risulta oscuro per un complicato gioco di visioni e di simboli, che utilizzano numeri, colori, astri, animali mostruosi, ecc.; con questo astruso linguaggio l'autore prende le mosse dal presente per protendere il suo sguardo verso l'ultimo futuro. L'apocalisse affonda nel terreno dell'A. T. - di cui si contano 219 citazioni nei 405 vv. del libro - ed è l'unico libro profetico del N.T. Quando si è riusciti a penetrare il « velame de li versi strani », il messaggio dell'Apocalisse emerge come un grido di ferma speranza nella vittoria sicura di Cristo, Verbo di Dio e re dei re, dominatore della storia, su tutte le potenze del male che fino alla fine dei tempi contrastano il regno da lui fondato sulla terra.

Fin dal II secolo la tradizione cristiana attribuisce il libro a Giovanni evangelista (cfr. 1,1), che lo scrisse durante un periodo di relegazione da lui subita nell'isola di Patmos (1,9), verso gli anni 94-95, al tempo della persecuzione dell'imperatore Domiziano (81-96) contro i cristiani, i quali si rifiutavano di adorarlo come Dio.

L'intreccio dell'AP, che si presenta come un messaggio epistolare a sette chiese
Dell’Asia Minore (1,1-3,22) si svolge come una visione in più atti e scene, distribuiti su due piani: celeste e terrestre.

Il festoso grido di suprema speranza dell'Ap conclude in gloria il libro di Dio ed è la chiave cristiana del mistero della Chiesa nella storia.