Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

1 Samuele

Il primo e il secondo libro di Samuele erano originariamente congiunti; nella Volgata latina, essi sono intitolati “dei Re”. Samuele fu l’ultimo “giudice” di Israele e la prima grande figura di profeta (At 3, 24) come guida spirituale dei capi e del popolo d’Israele. Egli però è in primo piano soltanto nei cc. 1-15; dal c. 13 del primo libro fino al c. 1 del secondo, vengono narrate le tragiche vicende del primo monarca d’Israele: Saul, e il sorgere dell’astro del grande re Davide sull’orizzonte della Bibbia. A lui sono dedicati i cc. 2-24 del secondo libro. L’opera assume un aspetto unitario dall’idea della istituzione e dell’affermazione della monarchia in Israele, che certamente dava una più compatta unità al popolo di Dio, ma lo esponeva anche a notevoli rischi, specialmente dal punto di vista religioso, che è la prospettiva del libro. Gli avvenimenti raccontati vanno dal 1040 a.C. al 970 circa e segnano una svolta importante nella storia della salvezza; basti pensare al rilevo assunto dalla speranza messianica centrata sulla figura del Messia-Re, modellata in qualche modo sul monarca ideale di Israele - Davide, anche a motivo delle sue sofferenze - come rappresentante terreno della sovranità di Dio sul suo popolo. I due libri di Samuele, che si presentano come una compilazione di tradizioni e di documenti a volte giustapposti e di diverse tendenze, furono scritti da un anonimo verso il sec. IX a.C.