Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22

1 Re

Il primo e il secondo libro dei Re, che la Volgata latina congiunge con quelli di Samuele in un’unica successione, costituiscono un’opera unitaria sulla storia della monarchia ebraica dalla morte di Davide (circa 970 a.C.) fino all’esilio del popolo di Dio in Babilonia (587 a.C.). la prima parte è dedicata al successore di Davide, il magnifico Salomone (1 Re cc. 1-11); la seconda segue le tumultuose vicende che alla morte di Salomone (931 a.C.) diedero origine ai due regni di Israele a nord della Palestina e di Giuda al sud (1 Re c. 12-2 Re c. 17), per concentrarsi poi, dopo il crollo del regno del nord nel 721 a.C., sul solo regno del sud che, con la dinastia davidica e il tempio, era sempre il cuore vivo del popolo eletto. La narrazione con la catastrofe di Gerusalemme e di Giuda nel 587 a.C. (2 Re cc. 18-25). I due libri, a parte la storia di Salomone e dei profeti Elia ed Eliseo, offrono notizie biografiche assai schematiche dei vari re, con un giudizio complessivo sul loro comportamento religioso, l’autore anonimo ha avuto a sua disposizione documenti di varie origini ed epoche, dei quali ne ricorda esplicitamente tre, utilizzati secondo una prospettiva religiosa. L’opera fu pubblicata dopo la tragedia del 587 o dopo il 561 a.C. e si ispira alla corrente dei grandi profeti del sec. VIII-VII a.C., nello spirito del Deuteronomio (vedi introd. al Dt). Di particolare importanza come quadro in cui si inseriscono i libri profetici, questa opera testimonia il decadimento d’Israele e la disgregazione delle sue istituzioni, che danno ai profeti lo slancio per orientare la speranza del popolo nelle promesse divine, mai smentite né annullate dal crollo della nazione, verso valori più scopertamente spirituali e universali, da partecipare anche agli altri popoli.